Oratorio di Mocchirolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oratorio di Mocchirolo
Lentate sul Seveso, Oratio di Mocchirolo 001.JPG
Affreschi del'oratorio
Stato Italia Italia
Regione Lombardia
Località Milano
Religione Cristiana cattolica
Diocesi Monza
Stile architettonico rinascimentale - gotico
Inizio costruzione 1360
Completamento 1370

Coordinate: 45°40′40.22″N 9°07′55.49″E / 45.67784°N 9.13208°E45.67784; 9.13208

L'oratorio di Mocchirolo chiamato anche oratorio di S. Grato o Oratorio di santa Maria nascente, è una cappella gentilizia fatta edificare nel 1369 nella località Mocchirolo (nel comune di Lentate sul Seveso) da Lanfranco Porro, funzionario visconteo e referendario di Regina della Scala a Bergamo, ed ha molti elementi in comune con l'oratorio di S. Stefano in Lentate, del medesimo periodo e commissionato sempre dal Porro dove fece erigere il suo luogo di sepoltura[1].

Lentate sul Seveso, Oratio di Mocchirolo 002

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'oratorio è formato da due blocchi inseriti uno nell'altro in mattoni e ciottolato, con la volta a botte, la facciata ha subito interventi di restauro nel XVII secolo, termina con un timpano in marmo. Il portale e la grande finestra sono dominati da contorni rettangolari squadrati[2].
Il committente è affrescato con la famiglia, sulla parete di destra del presbiterio, mentre porge il modellino della chiesa al santo patrono, mentre gli affreschi di Sant’Ambrogio in cattedra che flagella gli eretici e il Matrimonio mistico di Santa Caterina sulla parete di sinistra. Sullo sfondo il grande affresco della crocifissione.


Degli affreschi si sa con certezza che l'autore è Pecino da Nova, o maestro di Mocchirolo presente nella Basilica di Santa Maria Maggiore in Bergamo negli anni dal 1354 al 1402, dove risulterebbe in alcuni documenti nominato come Magister Petrus de Nova e da dove nel 1378 si assentò per qualche tempo, per recarsi a Moncayrolum forse una mala interpretazione di Mocchirolo[3].

La storia degli affreschi è piuttosto particolare perché nel 1949 sono stati strappati a cura di Mauro Pellicioli, e donati dai proprietari Renato e Luigi Passardi, alla Brera per preservarli dal degrado, e ricomposti in una sala che riproduce l'esatta sistemazione precedente. Nella cappella di Mocchirolo sono visibili affreschi con figure di profeti venuti alla luce da restauri dei primi anni del XXI secolo[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oratorio di Mocchirolo, Comune di Lentate sul Seveso. URL consultato il 18 settembre 2016.
  2. ^ Oratorio di Macchirolo s.Grato, lentate sul Severo (MZ), Lombardia Beni culturali. URL consultato il 18 settembre 2016.
  3. ^ Musei d'Italia, http://www.culturaitalia.it/opencms/museid/viewItem.jsp?language=it&id=oai%3Aculturaitalia.it%3Amuseiditalia-work_28763. URL consultato il 18 settembre 2016.
  4. ^ Cammino san Pietro, http://www.camminosanpietro.it/lib/File/ORATORIO%20DI%20MOCCHIROLO(1).pdf. URL consultato il 18 settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carotti G, Pitture giottesche nell'oratorio di Mocchirolo a Lentate sul Seveso, Milano, 1887.
  • E. Mattavelli, Lentate sul Seveso, Romanò di Inverigo, Graffiti ed. e parrocchia San Vito, 1991.
  • V. Pracchi, L’oratorio di Santo Stefano a Lentate sul Seveso.Il restauro, Cinisello Balsamo, SilvanaEditoriale, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]