Ophrys lutea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ofride gialla
Ophrys lutea zingaro 164.jpg
Ophrys lutea subsp. lutea
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Orchidoideae
Tribù Orchideae
Sottotribù Orchidinae
Genere Ophrys
Specie O. lutea
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Genere Ophrys
Specie O. lutea
Nomenclatura binomiale
Ophrys lutea
Cav., 1793
Sinonimi

Bas.:Ophrys insectifera var. lutea
Gouan, 1765
Arachnites lutea
(Gouan) Tod., 1842

L'ofride gialla (Ophrys lutea Cav., 1793) è una pianta appartenente alla famiglia delle Orchidacee.[1]

L'epiteto specifico deriva dal latino luteus = "giallo", colore dominante del labello.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta erbacea alta 10–30 cm, con foglie inferiori corte, disposte a rosetta, e brattee verdi-giallastre, larghe. L'infiorescenza raggruppa da 2 a 7 fiori con sepali e petali di colore verde-giallastro. Il labello è trilobato, ovato, concavo alla base e convesso al centro, con lobo mediano bilobo, vellutato, con un ampio margine glabro di colore giallo e una macchia bruna al centro, che presenta un disegno a forma di farfalla di colore grigio-bluastro. Il ginostemio è corto, con apice ottuso.

Fiorisce dalla fine di febbraio a fine maggio.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce per impollinazione entomofila ad opera di diverse specie di api del genere Andrena (Andrenidae), tra cui A. cinerea, A. senecionis e A. nigroolivacea[2][3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È ampiamente diffusa nei paesi dell'area mediterranea ma anche nelle regioni atlantiche dell'Europa meridionale (Spagna, Portogallo).
In Italia è presente in Liguria, Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Cresce negli ambienti di prateria e gariga, sino ai 1400 m di altitudine, prediligendo i suoli calcarei soleggiati.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono note le seguenti sottospecie:[1]

In passato venivano riconosciute altre due sottospecie, ora non più ritenute valide:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ophrys lutea, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 14 aprile 2021.
  2. ^ (EN) Pierre Delforge, Orchids of Europe, North Africa And the Middle East, Timber Press, 2006, p. 421, ISBN 0-88192-754-6.
  3. ^ Grasso M.P., Andrena cinerea impollinatore confermato di Ophrys lutea Cav. in Sardegna (PDF), in GIROS notizie 2006; 31: 7-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica