Onorato I di Monaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Onorato I di Monaco
Signore di Monaco
Stemma
In carica 16 dicembre 1540-7 ottobre 1581
Predecessore Luciano di Monaco
Successore Carlo II di Monaco
Nome completo Onorato Grimaldi
Altri titoli Marchese di Campagna
Nascita Monaco, 1522
Morte Monaco, 7 ottobre 1581
Casa reale Grimaldi
Dinastia Grimaldi
Padre Luciano di Monaco
Madre Jeanne de Pontevès-Cabanes
Coniuge Isabella Grimaldi
Figli Carlo II di Monaco

Onorato I di Monaco (16 dicembre 15227 ottobre 1581) è stato Signore di Monaco dal 22 agosto 1523 alla propria morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorato era il figlio minore di Luciano (1487-1523), Signore di Monaco, e di Jeanne De Pontevès-Cabanes. Egli divenne Signore di Monaco all'età di nove mesi, dopo l'assassinio del padre, il 22 agosto 1523. Venne nominato quindi un reggente per il giovane Signore, nella forma di suo zio, Agostino Grimaldi (1482-1532). Sotto il regno del padre di Onorato, Monaco era divenuta soggetta alla Francia grazie all'operato del Re Francesco I. Agostino Grimaldi guidò altre relazioni diplomatiche e nel siglare i trattati di Burgos e Tordesillas (1524), prospettò anche l'alleanza con la Spagna dell'Imperatore Carlo V. Monaco divenne così un protettorato della Spagna, consentendo al paese di espandersi e svilupparsi. L'alleanza con la Spagna rimase sino al 1641, e pesò gravemente sulla pressione fiscale di Monaco.

Agostino Grimaldi morì il 14 aprile 1532, mentre Onorato era ancora minorenne, e venne perciò scelto per lui un nuovo reggente. Nicola Grimaldi, il successore di Agostino, regnò per soli nove giorni e venne perciò nominato al suo posto Stefano Grimaldi (m. 1561), da Genova, conosciuto col soprannome di il Governatore, il quale assurse alla carica di reggente il 23 aprile 1532. Stefano rimase in reggenza sino al 16 dicembre 1540, quando Onorato raggiunse la maggiore età e fu responsabile dei restauri e degli abbellimenti apportati alla chiesa di San Nicola di Monaco.

Il regno di Onorato I fu relativamente calmo e pacifico ed egli stesso venne ricordato per il proprio coraggio e per il proprio valore. Durante la sua reggenza, venne restaurato e ingrandito il Palazzo reale di Monaco e Carlo V vi giunse in visita nel 1529. Anche papa Paolo III visitò Monaco, nel corso del suo viaggio verso Nizza dove tenne un concilio, proprio durante il regno di Onorato I.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1545, Onorato I sposò Isabella Grimaldi (m. 1583). La coppia ebbe quattro figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Onorato I di Monaco Padre:
Luciano I di Monaco
Nonno paterno:
Lamberto Grimaldi
Bisnonno paterno:
Niccolò Grimaldi,
signore di Antibes
Trisavolo paterno:
Luca Grimaldi,
signore di Antibes
Trisavola paterna:
Giovanna Grimaldi
Bisnonna paterna:
Cesarina Doria
Trisavolo paterno:
Giovanni Doria
Trisavola paterna:
Inglesia Doria
Nonna paterna:
Claudina di Monaco
Bisnonno paterno:
Catalano di Monaco
Trisavolo paterno:
Giovanni I di Monaco
Trisavola paterna:
Pomellina Fregoso
Bisnonna paterna:
Bianca Del Carretto
Trisavolo paterno:
Galotto I Del Carretto
Trisavola paterna:
Vannina Adorno
Madre:
Jeanne de Pontevès-Cabanes
Nonno materno:
Tanneguy de Pontevès-Cabanes
Bisnonno materno:
Antoine de Pontevès-Cabanes
Trisavolo materno:
Antoine de Pontevès-Cabanes
Trisavola materna:
Nicolase de Montfalcon
Bisnonna materna:
Jaumette Monge
Trisavolo materno:
Antoine Monge
Trisavola materna:
Marie de Quiqueran
Nonna materna:
Jeanne de Villeneuve
Bisnonno materno:
Louis de Villeneuve
Trisavolo materno:
Antoine de Villeneuve
Trisavola materna:
Philippine de Glandevès
Bisnonna materna:
Colette de Castillon
Trisavolo materno:
Charles de Castillon
Trisavola materna:
Madeleine de Quiqueran

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Françoise de Bernardy, Princes of Monaco: the remarkable history of the Grimaldi family, ed. Barker
  • Maurizio Ulino, L'Età Barocca dei Grimaldi di Monaco nel loro Marchesato di Campagna, Giannini editore, Napoli 2008
  • Maurizio Ulino, Dai Grimaldi ai Pironti, in Campagna in età moderna, chiesa, feudo e rivoluzione, a cura di G.D'Agostino, A. Maggio, M. Ulino, Associazione G.Bruno, Campagna (Sa), 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50402728 · GND (DE132964503 · CERL cnp01099942
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie