Onofrio Abbate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onofrio Abbate

Onofrio Abbate dal 1882 Abbate Pascià (Palermo, 29 febbraio 1824Il Cairo, 11 ottobre 1915) è stato un medico, naturalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in medicina, allievo di un noto oculista del tempo, Socrate Polara, divenne un valido oftamologo [1], coltivando, nello stesso tempo, interessi letterari: tra i quali alcune poesie e un libretto teatrale per un oratorio Il giudizio universale del maestro Pietro Raimondi. [1]
Nel 1845 emigrò in Egitto, dove diventò direttore dell'ospedale governativo di Alessandria e ricevette diversi incarichi pubblici. Ci ha lasciato un gran numero di scritti trattanti la medicina, le condizioni fisiche e sanitarie dell'Egitto, la storia delle scienze e specialmente la geografia e l'archeologia egiziane.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Un basso-rilievo di Beni-Hassan. Interpretazioni medico archeologiche di Onofrio Abbate, Palermo, Poligr. Empedocle, 1843.
  • Il giudizio universale. Parole di Onofrio Abbate, musica del maestro Pietro Raimondi, Palermo, Tipografia di F. Lao, 1848.
  • Sul cholera-morbus nel 1848. Teoremi e pensieri, Cairo, Stamperia egiziana, 1848.
  • La neutralisation quarantenaire du Canal de Suez, Le Caire, Imprimerie nouvelle F. Barbier, 1887.
  • De la prétendue sphéricité de la Terre connue des anciens Égyptiens, Le Caire, [s. n.], 1893.
  • Il genio e l'obbiettivo di Colombo in rapporto alle condizioni geografiche contemporanee dell'Egitto, Napoli, De Angelis-Bellisario, 1893.
  • Riproduzioni di errori dopo 50 secoli nella medicina odierna. Note storico-critiche, Napoli. Stabilimento tip. De Angelis-Bellisario, 1894.
  • L'Egitto e la Sicilia nei loro antichi rapporti. Nuove ricerche. Conferenza data alla Società di storia patria il dì 3 settembre 1899, Palermo, Stabilimento tip. Virzi, 1899.
  • Le Soudan sous le règne du Khédive Ismail. Notes d'une décade historique, 1868-1878, Le Caire, [s. n.], 1905.
  • Aegyptiaca, Le Caire, F. Votta, 1909.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Fonte: F. Brancato, Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Bibliografia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN226575015 · ISNI: (EN0000 0003 6462 9281 · SBN: IT\ICCU\PALV\017756 · LCCN: (ENno2009100404 · BNF: (FRcb13090445h (data)