One for the Kids

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
One for the Kids
ArtistaYellowcard
Tipo albumStudio
Pubblicazione17 aprile 2001
Durata44:44
Dischi1
Tracce13
GenereEmo
Pop punk
EtichettaLobster Records
ProduttoreDarian Rundall
Registrazionepresso Stall No. 2 (Redondo Beach) e The Ruck (Goleta)
Yellowcard - cronologia
Album precedente
(2000)
Album successivo
(2002)

One for the Kids è il terzo album degli Yellowcard, pubblicato nel 2001 tramite Lobster Records. È il primo album completo della band in cui a cantare è Ryan Key, nonché il primo a raggiungere un più ampio consenso di pubblico, essendo la prima volta che la band è sotto contratto con una etichetta professionale. Le canzoni Star Struck, Drifting, Something of Value, Trembling, Big Apple Heartbreak, October Nights, Rock Star Land, For Pete's Sake e A.W.O.L. sono state inserite nella colonna sonora del videogioco per Xbox Amped.

Ryan Key ha affermato che Sureshot parla in modo autobiografico di come ci si sente ad essere arrivati in una posizione invidiabile attraverso la musica, dopo che per anni si era stati presi in giro o sminuiti perché non si era atletici e spacconi come le star della scuola.[1] Dopo la bonus track acustica Rough Draft, l'album contiene una traccia silenziosa di circa due minuti ed una ghost track di 58 secondi senza titolo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le musiche sono degli Yellowcard. Tutti i testi sono di Ryan Key.

  1. Star Struck – 2:47
  2. Drifting – 3:28
  3. Something of Value – 3:30
  4. Trembling – 2:26
  5. Sureshot – 3:18
  6. Big Apple Heartbreak – 3:43
  7. Cigarette – 3:52
  8. October Nights – 3:29
  9. Rock Star Land – 3:39
  10. For Pete's Sake – 3:51
  11. A.W.O.L. – 3:00
  12. Rough Draft – 4:13 – traccia bonus
  13. (traccia nascosta senza titolo) – 3:28

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Band[modifica | modifica wikitesto]

Personale aggiuntivo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Yellowcard Interview Archiviato il 9 novembre 2008 in Internet Archive. www.sandiegopunk.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]