Onda atmosferica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Onde atmosferiche associate ad una tempesta di sabbia in Africa nord-orientale (23 settembre 2011).

Un'onda atmosferica è un disturbo periodico delle variabili atmosferiche (come la pressione superficiale o l'altezza geopotenziale, la temperatura o la velocità del vento) che può propagarsi (onda viaggiante) o meno (onda stazionaria). Le onde atmosferiche variano su scale spaziali e temporali, dalle grandi onde planetarie (onde di Rossby) alle onde sonore[1]. Le onde atmosferiche con periodi che sono armoniche di 1 giorno solare (es. 24 ore, 12 ore, 8 ore, 8 ore, ecc....) sono note come "maree atmosferiche".

Cause ed effetti[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente, le onde sono eccitate dal riscaldamento o da effetti dinamici, come ad esempio l'ostruzione del passaggio del flusso d'aria da catene montuose come le Montagne Rocciose negli Stati Uniti o le Alpi in Europa[2]. Gli effetti del riscaldamento possono essere su piccola scala (come la generazione di onde per convezione) o su larga scala (la formazione di onde di Rossby per effetto dei contrasti di temperatura tra continenti e oceani nell'emisfero boreale in inverno)[1].

Le onde atmosferiche trasportano la quantità di moto, che viene riportata nel flusso di fondo quando l'onda si dissipa. Questa forzatura ondulatoria del flusso è particolarmente importante nella stratosfera, dove questa dispersione della quantità di moto per mezzo delle onde Rossby su scala planetaria dà luogo a improvvisi riscaldamenti stratosferici e la dissipazione nella stratosfera da un raffreddamento radiativo dà luogo all'oscillazione quasi biennale[3].

Onde atmosferiche formate nelle nuvole dalle isole Sandwich che emergono dalla distesa oceanica.

Le onde atmosferiche sono descritte matematicamente da armoniche sferiche; in altre parole, la sezione di un'onda lungo un cerchio di latitudine appare sinusoidale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) T. Beer, Atmospheric waves, 1974. URL consultato il 25 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Bruce L. Gary, Observational results using the microwave temperature profiler during the airborne Antarctic ozone experiment, in Journal of Geophysical Research: Atmospheres, 94.D9, 1989, pp. 11223-11231.
  3. ^ (EN) Marco A. Giorgetta, Elisa Manzini e Erich Roeckner, Forcing of the quasi-biennial oscillation from a broad spectrum of atmospheric waves, in Geophysical Research Letters, vol. 29, nº 8, 2002, pp. 86–1–86-4, DOI:10.1029/2002GL014756. URL consultato il 25 gennaio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]