Omicidio di Penny Bell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ruth Penelope Bell (28 Febbraio 1948 – 6 Giugno 1991) è stata una donna d'affari inglese che fu uccisa il 6 giugno 1991 a Perivale, un sobborgo di Londra. Fu accoltellata 50 volte mentre sedeva al volante della macchina nel parcheggio del Gurnell Leisure Centre. Il delitto non è mai stato risolto.

L'omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della morte, Penny Bell viveva con il marito e i due figli, che all'epoca avevano undici e nove anni, a Bakers Wood a Denham, nel Buckinghamshire. Era anche partner in un'agenzia di catering di successo con sede a Kilburn, nel nord di Londra.

Il giorno dell'omicidio, la signora Bell lasciò casa alle 9.40 dicendo agli operai che le stavano ristrutturando casa che era in ritardo per un appuntamento delle 9.50. Non fu mai trovata nessuna annotazione di questo appuntamento nel suo diario, e non è mai stato scoperto chi dovesse incontrare.

Alcuni testimoni ricordano di aver visto la macchina transitare lungo Greenford Road all'incirca alle 10 con le luci di emergenza accese. Un testimone qualche tempo dopo l'omicidio si fece avanti dicendo di aver visto la Bell guidare nel parco con un passeggero, chiedendo in silenzio aiuto con la bocca, cosa che il testimone ignorò.[1]

Fu trovata accoltellata più di 50 volte nel sedile del guidatore della macchina nel parcheggio del Gurnell Leisure Centre, vicino alla A40. Le luci di emergenza erano ancora accese quando il corpo di Penny Bell fu ritrovato attorno a mezzogiorno.

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Nessuno è mai stato accusato del delitto di Penny Bell. È stata offerta una ricompensa di ventimila sterline.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beth Neil [1] Mirror News 28 August 2006
  2. ^ Reward in mother murder mystery

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]