Omicidio di Ján Kuciak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Omicidio di Ján Kuciak
Svätý Ján Pavol II Prešov 18 Slovakia1.jpg
Foto di Ján Kuciak (destra) e Martina Kušnírová (sinistra) nel memoriale in tributo delle due vittime
TipoAssassinio
Data21 febbraio 2018[1]
LuogoVeľká Mača
StatoSlovacchia Slovacchia
ObiettivoJán Kuciak
Conseguenze
MortiJán Kuciak, Martina Kušnírová

L'assassinio di Ján Kuciak è avvenuto in Slovacchia, nel comune di Veľká Mača, all'interno del distretto di Galanta, il 21 febbraio 2018.[1][2] Ján Kuciak era un giornalista investigativo slovacco e lavorava come reporter presso il sito web informativo Aktuality.sk, incentrato principalmente nell'investigare sulle frodi fiscali di diversi uomini d'affari connessi alle alte sfere politiche slovacche.[3] Kuciak e la sua fidanzata, Martina Kušnírová, sono stati uccisi con colpi d'arma da fuoco nel febbraio del 2018 all'interno della loro casa a Veľká Mača, in Slovacchia.[2][4]

Kuciak è stato il primo giornalista ad essere ucciso in Slovacchia dall'indipendenza del paese.[5] L'omicidio del giovane giornalista ha causato stupore e incredulità nel popolo slovacco, innescando una serie di proteste di massa e portando alla crisi politica del paese,[6][7] il cui governo si è diviso tra il primo ministro Robert Fico, da un lato, e il presidente della Repubblica Andrej Kiska con altri partiti dell'opposizione, dall'altro.[7][8] La crisi politica è culminata nel 15 marzo con le dimissioni da parte del primo ministro Fico e della sua coalizione di governo.[9][10]

Carriera giornalistica e investigazioni di Kuciak[modifica | modifica wikitesto]

Ján Kuciak è nato il 17 maggio 1990 nel villaggio di Štiavnik nel distretto di Bytča. Si è laureato con un master in giornalismo presso l'Università di Costantino Filosofo di Nitra, dove ha continuato i suoi studi nel campo della comunicazione di massa. Mentre stava lavorando al suo dottorato, ha anche tenuto una cattedra presso la stessa facoltà.[11]

In seguito, ha iniziato a lavorare per il giornale Hospodárske noviny, prima di ottenere una posizione nella redazione di Aktuality.sk, lavorando principalmente come giornalista investigativo. Le indagini di Kuciak si focalizzavano sull'evasione fiscale, inclusi casi di frode fiscale legati al partito politico slovacco governante Direzione - Socialdemocrazia, capeggiato dal primo ministro Robert Fico. Kuciak aveva in precedenza scritto a proposito di assetti proprietari opachi di alcune aziende, oltre che della sospetta sistematica appropriazione indebita di fondi dell'Unione europea.[12]

Nell'ultimo articolo pubblicato prima della sua morte, il 9 febbraio 2018, Kuciak aveva scritto a proposito dell'uomo d'affari Marián Kočner, che era divenuto noto in Slovacchia nel 1998 per aver tentato inutilmente di entrare in possesso dell'emittente televisiva privata TV Markíza con l'aiuto dell'agenzia di intelligence slovacca Slovenská informačná služba (SIS). Kuciak aveva in precedenza dimostrato nei suoi articoli come Kočner fosse coinvolto in un elaborato piano di evasione fiscale dell'IVA. Secondo le inchieste condotte da Kuciak, Kočner stava comprando e vendendo degli appartamenti di lusso a se stesso, certe volte per la cifra simbolica di 1 €, defraudando lo stato di importanti somme di denaro sotto forma di tasse. Kočner avrebbe in seguito presumibilmente iniziato a minacciare Kuciak e la sua famiglia. Kuciak aveva poi presentato una denuncia penale nei confronti di Kočner nel settembre 2017, ma, a distanza di 44 giorni da quando la denuncia era stata deposta nessun agente di polizia era stato assegnato al caso.[2][13]

Omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della morte, Ján Kuciak aveva 27 anni e viveva insieme alla fidanzata, Martina Kušnírová, nel villaggio di Veľká Mača, circa 65 km ad est della capitale Bratislava. La mattina del 26 febbraio 2018, i familiari delle vittime hanno chiamato la polizia dopo che la coppia non aveva risposto alle loro telefonate per oltre quattro giorni.[14] Kušnírová, infatti, era solita parlare con la madre quotidianamente. La madre ha dichiarato di aver parlato con la figlia per l'ultima volta nel pomeriggio del 21 febbraio, e di non aver ricevuto risposta quando aveva provato a contattarla nuovamente la sera stessa. La famiglia ha dichiarato che il telefono di Kusnirova si era spento tre giorni dopo, probabilmente a causa della batteria scarica.[15]

La polizia, entrando in casa della coppia, ha trovato i corpi di Kuciak e Kušnírová, uccisi con colpi d'arma da fuoco. A Kuciak avevano sparato due volte nel petto, mentre Kušnírová aveva ricevuto un colpo in testa frontale. Entrambi sono stati uccisi a bruciapelo con una pistola calibro 9 mm. Non ci sono stati segni di colluttazione e niente è stato apparentemente rubato. La polizia ha trovato sulla scena del crimine due cartucce vuote oltre a svariati proiettili inutilizzati.[16] Inizialmente si sospettava che i due omicidi fossero stati commessi tra il 22 e il 25 febbraio,[2] ma adesso si ritiene che l'assassinio sia avvenuto la sera del 21 febbraio.[16]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Marcia in onore di Ján e Martina a Brno

L'omicidio di Kuciak e Kušnírová ha scatenato violente reazioni in tutta la Slovacchia.[14] Il giorno successivo alla pubblicazione della notizia, sono stati organizzati dei raduni nel paese in memoria dei due ragazzi. Sono state accese della candele in Piazza SNP a Bratislava e davanti agli uffici di Aktuality.sk, dove Kuciak lavorava. Simili iniziative sono state organizzate anche in Repubblica Ceca, nelle città di Praga e Brno.[17] Il presidente Andrej Kiska ha affermato di essere "scioccato e inorridito che una cosa del genere sia accaduta in Slovacchia".[2] Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha fatto appello alla Slovacchia per iniziare una approfondita indagine sull'accaduto, offrendo supporto internazionale se necessario, aggiungendo che "non smetteremo di levare la nostra voce, continuando a vigilare, affinché tutti i colpevoli vengano assicurati alla giustizia".[18][19] Ringier Axel Springer, l'editore di Aktuality.sk, ha definito gli omicidi un "crudele assassinio", promettendo di sostenere gli sforzi giornalistici della testata.[14]

Proteste[modifica | modifica wikitesto]

Protesta slovacca a Bratislava, 16 marzo 2018

Il 2 marzo 2018, circa 25 000 persone hanno protestato a Bratislava contro i due omicidi.[20] Il 9 marzo sono state organizzate proteste in 48 città in tutta la Slovacchia e in altre 17 città nel resto del mondo. Solo a Bratislava, circa 60 000 hanno partecipato alla marcia di protesta, la più grande affluenza mai registrata a manifestazioni di protesta dalla Rivoluzione di velluto del 1989.[21] Le proteste sono state appoggiate da diverse università della Slovacchia e della Repubblica Ceca, oltre che da numerosi insegnanti, associazioni scolastiche, artisti e organizzazioni non governative. Ventuno università hanno cancellato le lezioni pomeridiane per permettere agli studenti e al personale studentesco di partecipare alle manifestazioni.[22]

Due giorni dopo le dimissioni del primo ministro Fico, si è svolta a Bratislava una manifestazione ancora più grande, con oltre 65 000 persone che hanno partecipato all'insegna di slogan come "Basta diffamazione" e "Elezioni anticipate".[23] František Mikloško, ex-membro del Parlamento e in precedenza candidato alle elezioni presidenziali del 2009, ha pronunciato un discorso appassionato durante la protesta, dicendo che "la rivoluzione iniziata dai genitori dev'essere portata a termine dai figli", e facendo notare che le proteste popolari erano riuscite a far dimettere il governo in carica solo in due occasioni nella storia della Cecoslovacchia post-bellica: nel novembre del 1989 e adesso, aggiungendo che "quando qualcuno proverà ad abusare del proprio potere in futuro, farà bene a ricordarsi del marzo 2018 e delle proteste di massa in seguito all'omicidio Kuciak". Il discorso di Mikloško è stato accompagnato dallo scuotere di chiavi, riportando alla memoria la Rivoluzione di velluto del 1989.[23]

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

La mattina stessa del ritrovamento dei due corpi, il capo della polizia slovacca Tibor Gašpar dichiarò in conferenza stampa che gli omicidi "hanno probabilmente qualcosa a che fare con le attività investigative" di Kuciak.[24][25][26] Il governo della Slovacchia guidato da Robert Fico ha offerto un milione di euro per qualunque informazione che potesse condurre agli assassini. Il primo ministro Fico ha fatto tale dichiarazione durante una conferenza stampa insieme al Ministro dell'Interno Robert Kaliňák e al capo della polizia Tibor Gašpar.[27] Durante la conferenza stampa, descritta dai critici come "surreale"[3] e "bizzarra",[12] venne mostrato un mucchio di banconote che ammontava a un milione di euro, che il governo promise di offrire a chiunque si sarebbe fatto avanti portando informazioni utili a fare luce sull'accaduto.[28] Inoltre, il primo ministro Fico annunciò la formazione di una nuova task force interna che avrebbe incluso impiegati dell'Ufficio del Procuratore Generale, dell'Ufficio del Procuratore Speciale, del Ministero dell'Interno e della SIS, nel tentativo di risolvere il caso.[2]

Al momento della sua morte, Kuciak stava investigando sulle connessioni slovacche dell'organizzazione criminale italiana 'Ndrangheta,[29] e aveva in precedenza portato alla luce una frode fiscale organizzata che ruotava attorno agli uomini d'affari vicini al partito di governo Direzione - Socialdemocrazia.[30] Il 28 febbraio, Aktuality.sk ha pubblicato l'ultimo articolo di Kuciak, rimasto incompiuto.[31][32] L'articolo mette in evidenza le attività degli uomini d'affari italiani e i loro legami con il crimine organizzato che si era stabilito nella Slovacchia orientale, il quale aveva passato anni ad appropriarsi illecitamente dei fondi dell'Unione europea stanziati per lo sviluppo delle regioni più povere, e sottolinea le loro connessioni con alti officiali di stato, tra cui Viliam Jasaň, deputato e segretario del Consiglio di Sicurezza Statale della Slovacchia, e Mária Trošková, un'ex-modella che era diventata consigliera principale del primo ministro Robert Fico. Sia Jasaň che Trošková presero un congedo il giorno stesso, affermando che sarebbero tornati ad occupare le loro posizioni non appena le indagini si fossero concluse.[33]

Primi arresti[modifica | modifica wikitesto]

Protesta a Košice, 9 marzo 2018

Il 1º marzo 2018, quattro giorni dopo gli omicidi, le unità armate del corpo di polizia d'élite NAKA, l'Agenzia nazionale anticrimine, effettuarono dei blitz in varie località della Slovacchia orientale, nelle città di Michalovce e Trebišov.[34] Antonino Vadalà, un uomo d'affari menzionato nell'ultimo articolo di Kuciak, venne trattenuto insieme ai suoi due fratelli Sebastiano e Bruno, così come il cugino Pietro Caprotta e diversi altri uomini d'origine italiana.[35][36] Tuttavia, tutti gli uomini sotto custodia vennero rilasciati dopo 48 ore per insufficienza di prove.[37][38] Il giorno dell'arresto, il procuratore generale Jaromír Čižnár ordinò alla polizia di non rilasciare ulteriori informazioni alla stampa o al pubblico a proposito delle indagini.[39] Vadalà venne arrestato di nuovo il 13 marzo, questa volta a causa di un mandato di cattura europeo richiesto dalla polizia italiana per reati di droga connessi alla criminalità organizzata internazionale.[40][41] Secondo il mandato di cattura, infatti, Vadalà era sospettato anche di traffico di droga oltre che di riciclaggio di denaro. Tra le varie accuse, Vadalà avrebbe anche pianificato di importare grandi quantità di cocaina dal Sudamerica. Il 23 aprile 2018, la Slovacchia ha approvato la richiesta di estradizione da parte dell'Italia.[42][43] Tra gli indagati per l'omicidio vi sono inoltre l'ex poliziotto Tomas Szabo e l'ex soldato Miroslav Marcek, l’imprenditore Zoltan Andrusko e l'interprete di italiano Alena Zsuzsova, arrestati a fine settembre 2018.[44]

Crisi politica[modifica | modifica wikitesto]

Protesta a Bratislava, 9 marzo 2018
Il Ministro dell'Interno Robert Kaliňák parla con il primo ministro Robert Fico

Lo stesso giorno in cui venne annunciato l'omicidio, il primo ministro Fico invitò l'opposizione a non "sfruttare" la situazione.[2] Nel frattempo, un certo numero di politici dell'opposizione accusò il partito al governo Direzione - Socialdemocrazia di essere indirettamente coinvolto. La deputata Veronika Remišová, del partito di opposizione OĽaNO, ha paragonato le due uccisioni al famigerato omicidio di Róbert Remiáš, un ufficiale di polizia assassinato nel 1996 in quello che si ritiene essere stato un omicidio effettuato dalla mafia slovacca per ordine dell'allora primo ministro Vladimír Mečiar.[45] Il 27 febbraio, i partiti Libertà e Solidarietà e OĽaNO chiesero le dimissioni del ministro degli Interni Robert Kaliňák e del capo di polizia Tibor Gašpar.[46][47]

La crisi si intensificò il 4 marzo, quando il presidente Kiska parlò durante una trasmissione in diretta televisiva, chiedendo al governo di non polarizzare ulteriormente il paese e auspicando una "radicale riorganizzazione del governo" e le elezioni anticipate.[48] Il discorso del presidente Kiska fece infuriare Fico, che accusò Kiska di "essersi unito all'opposizione".[48] Inoltre, Fico accusò Kiska di cospirare con il miliardario ungaro-americano George Soros nella pianificazione di un colpo di Stato, sulla base del fatto che il presidente Kiska si era incontrato con Soros nell'appartamento di Soros a New York nel settembre 2017, apparentemente per discutere questioni relative alla minoranza rom.[49][50]

Il 28 febbraio, due giorni dopo la notizia dell'omicidio di Kuciak, il Ministro della Cultura Marek Maďarič annunciò le sue dimissioni.[51][52] Nell'annunciare la sua decisione alla stampa, Madaric dichiarò che "come Ministro della Cultura, non posso sopportare il fatto che un giornalista sia stato ucciso durante il mio mandato".[53][54] Robert Kaliňák, Ministro degli Interni e vice primo ministro, si dimise il 12 marzo 2018 dopo settimane di crescente pressione.[55] Il partito Most-Híd, giovane partito di coalizione del governo, aveva richiesto le dimissioni di Kalinak in cambio di continuo supporto verso Direzione - Socialdemocrazia.[56] Il giorno dopo, Most-Híd aderì alle richieste di elezioni anticipate, annunciando che avrebbe lasciato il governo se non fosse riuscito a raggiungere un accordo con i suoi due partner della coalizione, Direzione - Socialdemocrazia e il Partito Nazionale Slovacco (SNS). Il presidente di Most-Híd, Béla Bugár, annunciò la decisione dopo una sessione di otto ore del Consiglio Repubblicano di Most-Hid, l'organo decisionale del partito.[57]

Le dimissioni di Fico[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 marzo, a seguito di un incontro con il presidente Kiska, il primo ministro Fico ha annunciato che si sarebbe dimesso da primo ministro per evitare le elezioni anticipate e "risolvere la crisi politica".[58] Durante l'incontro, Fico ha esposto una serie di condizioni specifiche che Kiska avrebbe dovuto soddisfare ai fini delle dimissioni di Fico, tra cui rispettare i risultati delle elezioni parlamentari slovacche del 2016, la necessità dell'attuale coalizione di governo in carica di continuare a governare, e il fatto che Direzione - Socialdemocrazia, in quanto partito maggioritario in parlamento, avrebbe dovuto nominare il prossimo primo ministro. Fico aveva dichiarato di avere già un candidato in mente, ampiamente riportato dai media slovacchi come il vice primo ministro Peter Pellegrini.[59] Il 15 marzo, il presidente Kiska ha formalmente accettato le dimissioni di Fico e del suo governo, ed ha assegnato a Pellegrini l'incarico di formare il nuovo governo.[9][60]

Processo[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 dicembre 2019 si è tenuta l’udienza preliminare del processo per l'omicidio del giornalista e della sua fidanzata. Il procedimento è a carico dell’oligarca Marian Kocner, accusato di essere il mandante dell’omicidio, e dei tre presunti assassini, l’ex interprete del giornalista Alena Zsuzsova, Tomas Szábo e Miroslav Marce che rischiano una condanna tra i 25 anni di reclusione e l’ergastolo[61]. Il dibattimento a carico dei quattro imputati si è svolto in condizioni di massima sicurezza nel tribunale speciale della città di Pezinov, non lontano dalla capitale Bratislava. Le udienze pubbliche sono iniziate il 13 gennaio. L’International Press Institute ha monitorato il processo come osservatore, riportandone gli esiti giorno per giorno. Durante il primo giorno di udienza, Miroslav Marček, ex militare, ha ammesso la sua colpevolezza come esecutore materiale dell’omicidio, raccontando, nel dettaglio, ai giudici la dinamica dell’esecuzione.[62]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (CS) Prokurátor: Čas Kuciakovy vraždy známe s přesností na pět minut. Byla zřejmě na objednávku, su irozhlas.cz, iROZHLAS, 26 marzo 2018. URL consultato il 26 marzo 2018.
  2. ^ a b c d e f g (EN) UPDATED: Investigative journalist killed in his house, su spectator.sme.sk, The Slovak Spectator, 26 febbraio 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  3. ^ a b (EN) Rob Cameron, Slovakia grapples with murdered journalist's last story, BBC, 28 febbraio 2018. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  4. ^ L’omicidio del giornalista slovacco Ján Kuciak, su ilpost.it, il Post, 27 febbraio 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  5. ^ (EN) Tom Nicholson, Slovakian journalism’s darkest day, Politico, 26 febbraio 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  6. ^ (NO) Karin Madshus, Land i sjokk etter drap på ung journalist og hans forlovede. Milliondusør utloves for tips i saken, su dagbladet.no, Dagbladet, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  7. ^ a b Andrea Nicastro, L’omicidio di Kuciak, crisi politica in Slovacchia: «Voto anticipato», su corriere.it, Corriere della Sera, 4 marzo 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  8. ^ (SK) MArtin Vonsak, Minúta po minúte: Prokurátor obviňuje Kaliňáka a Počiatka z legalizačnej schémy, su domov.sme.sk, SME, 8 marzo 2018. URL consultato l'8 marzo 2018.
  9. ^ a b (EN) Pellegrini is the new PM, su spectator.sme.sk, The Slovak Spectator, 15 marzo 2018. URL consultato il 15 marzo 2018.
  10. ^ Milan Nič, L’omicidio di Ján Kuciak ha scosso la Slovacchia, su internazionale.it, Internazionale, 29 marzo 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  11. ^ (SK) Jana Čunderlíková, Skromný, pracovitý, čestný. Ján Kuciak očami jeho študentov, su Aktuality.sk, 28 febbraio 2018. URL consultato l'8 marzo 2018.
  12. ^ a b (EN) Editorial Board, A muckraking journalist is murdered in Slovakia, in The Washington Post, 7 marzo 2018. URL consultato il 9 marzo 2018.
  13. ^ (EN) UPDATED: Marches for murdered journalist will be on Friday, in Spectator.sk. URL consultato l'8 marzo 2018.
  14. ^ a b c (EN) Slovakia shocked by killing of journalist and partner, in BBC News, 26 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  15. ^ (SK) Judita Cermakova, Bratia zastrelenej Martiny: Namiesto svadby vybavujeme pohreb, in Korzár, 26 febbraio 2018. URL consultato il 14 marzo 2018.
  16. ^ a b (EN) Circumstances indicate that Kuciak’s and Kušnírová’s deaths were a contract killing, in Spectator.sk, 26 marzo 2018. URL consultato il 28 marzo 2018.
  17. ^ (EN) Slovaks and Czechs pay tribute to the murdered journalist, in Spectator.sk, 27 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  18. ^ (EN) Jason Rezaian, Police believe a journalist was killed for reporting on fraud in the heart of Europe, in The Washington Post, 26 febbraio 2018. URL consultato il 9 marzo 2018.
  19. ^ Cornaz, Omicidio Kuciak, Tajani: “L’Europa continuerà la sua battaglia per la verità”, su corrierenazionale.it, 1º marzo 2018. URL consultato il 5 luglio 2018.
  20. ^ (EN) Deloire: Bratislava is the capital of press freedom today, in Spectator.sk, 2 marzo 2018. URL consultato il 4 marzo 2018.
  21. ^ (SK) Zažili sme najväčšie protesty od roku 1989, in Aktuality.sk, 9 marzo 2018. URL consultato il 9 marzo 2018.
  22. ^ (EN) Enough of Fico, thousands of people shouted at gatherings across Slovakia, in Spectator.sk, 9 marzo 2018. URL consultato il 9 marzo 2018.
  23. ^ a b (EN) Enough of Smer, people chanted in streets, in Spectator.sk, 16 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  24. ^ (EN) Daniel Boffey, Slovakian journalist investigating claims of tax fraud linked to ruling party shot dead, in The Guardian, 26 febbraio. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  25. ^ (EN) Investigative journalist Jan Kuciak killed in Slovakia, Deutsche Welle, 26 febbraio 2018.
  26. ^ (EN) Slovak investigative reporter and his girlfriend found shot dead, su cbsnews.com, CBS, 26 febbraio 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  27. ^ (EN) Jan Kuciak murder: Slovak PM offers €1m reward in appeal, in BBC News, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  28. ^ (EN) Fico stands by Trošková, in Spectator.sk, 27 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  29. ^ (EN) Petit Press, Kuciak investigated links between politicians and mafia, Spectator.sk, 27 febbraio 2018.
  30. ^ (EN) Kuciak investigated links between politicians and mafia, in Spectator.sk, 27 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  31. ^ (SK) Ján Kuciak, Talianska mafia na Slovensku. Jej chápadlá siahajú aj do politiky, su Aktuality.sk, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  32. ^ Fabio Galimberti e Anna Bissanti, Slovacchia, l'ultimo articolo di Jan Kuciak: i tentacoli della mafia italiana che si estendono fino alla politica, la Repubblica, 1º marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  33. ^ (EN) Trošková and Jasaň are leaving their posts at Government’s Office, in Spectator.sk, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  34. ^ (SK) Peter Jabrik, Polícia udrela na východe. Pozrite si raziu na Zemplíne, in Korzár, 1º marzo 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  35. ^ (SK) Polícia pri razii na východe Slovenska zadržala podnikateľa z Kuciakovho článku, Aktuality.sk. URL consultato il 1º marzo 2018.
  36. ^ Lucio Musolino, Slovacchia, amico di ministri e parente di ‘ndranghetisti: chi è l’imprenditore arrestato per l’omicidio Kuciak, su Il Fatto Quotidiano, 1º marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  37. ^ (EN) Police release all seven detained Italians, in Spectator.sk, 3 marzo 2018. URL consultato il 4 marzo 2018}.
  38. ^ Giornalista ucciso in Slovacchia, rilasciati i 7 italiani arrestati, su Sky TG 24, 3 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  39. ^ More concerns about independence of Kuciak murder investigation, in Spectator.sk, 1º marzo 2018. URL consultato il 9 marzo 2018.
  40. ^ (EN) Italian entrepreneur Vadala reportedly detained due to drugs, in Spectator.sk, 13 marzo 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  41. ^ Monica Perosino, Criminalità organizzata, Vadalà arrestato in Slovacchia, su La Stampa, 13 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  42. ^ Slovakia to extradite Vadala to Italy for prosecution, in Spectator.sk, 23 aprile 2018. URL consultato il 5 maggio 2018.
  43. ^ Lucio Musolino, ‘Ndrangheta, Antonino Vadalà sarà estradato dalla Slovacchia: il suo nome in un articolo di Jan Kuciak, su Il Fatto Quotidiano, 4 maggio 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  44. ^ Omicidio Jan Kuciak, pm: “Il mandante pagò 70mila euro per l’assassinio”, Il Fattoquotidiano.it, 1º ottobre 2018.
  45. ^ (SK) Fico odmieta zneužívanie tragickej vraždy Kuciaka na politický boj, in Sme.sk, 26 febbraio. URL consultato il 13 marzo 2018.
  46. ^ Opozícia spúšťa petíciu za odstúpenie Kaliňáka a policajného šéfa, in SME.sk. URL consultato il 13 marzo 2018.
  47. ^ «Kuciak aveva scoperto il rapporto tra ‘ndrangheta e governo slovacco», su corrieredellacalabria.it, 28 febbraio 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  48. ^ a b (EN) UPDATED: Fico won't step down, accuses Kiska of joining opposition, in Spectator.sk, 4 marzo 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  49. ^ (EN) Fico steers conversation to Soros, saying he will deal with politics later, in Spectator.sk, 5 marzo 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  50. ^ (EN) Simon Osborne, George Soros denies trying to interfere in Slovakian politics after journalist's murder, su Daily Express, 7 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  51. ^ (CS) Vražda Kuciaka: Jasaň a Trošková opustí úřad vlády, ministr kultury Maďarič odstoupil, ČT24.
  52. ^ (EN) Daniel Boffey, Slovakian minister resigns after protests at journalist's murder, su The Guardian, 12 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  53. ^ (SK) Beata Balogova, Maďarič zrušil Fica aj jeho refrén, in SME, 28 febbraio 2018. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  54. ^ (EN) Culture Minister Maďarič resigns, in Spectator.sk, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  55. ^ (SK) Matej Dedinský e Jana Čunderlíková, Minister Kaliňák podáva demisiu, Aktuality.sk, 12 marzo.
  56. ^ (EN) Slovakia journalist murder: Interior minister resigns, in BBC News, 12 marzo 2018. URL consultato il 12 marzo 2018.
  57. ^ (EN) Michaela Terenzani, Most-Híd calls for early elections, in Spectator.sme.sk, 12 marzo 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  58. ^ (EN) Michaela Terenzani, UPDATED: Fico is ready to resign tomorrow, in Spectator.sme.sk, 14 marzo 2018. URL consultato il 14 marzo 2018.
  59. ^ (SK) LUCIA KRBATOVÁ, ANDREJ KUZMÁNY, PETER KOVÁČ e VERONIKA ORVISKÁ, Minúta po minúte: Fico podá demisiu, novým premiérom môže byť Pellegrini, in Sme.sk, 14 marzo 2018. URL consultato il 14 marzo 2018.
  60. ^ Peter Pellegrini è il nuovo primo ministro slovacco, su Il Post, 22 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.
  61. ^ Slovacchia, al via il processo per l'omicidio del giornalista Ján Kuciak e di Martina Kusnírová, su repubblica.it.
  62. ^ (EN) IPI-Admin, Kuciak Trial Day One: Alleged hitman pleads guilty, su International Press Institute, 13 gennaio 2020. URL consultato il 15 gennaio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]