Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Omicidio Furuta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.

L'omicidio di Junko Furuta (古田 順子 Furuta Junko?) fu un caso giudiziario del 1989 che ebbe come vittima una studentessa liceale giapponese, la cui morte fu causata dalle sevizie subite da alcuni suoi coetanei alla fine degli anni ottanta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 1988 il pregiudicato giapponese allora diciassettenne Jo Kamisaku (Kamisaku è il nome che assunse dopo il suo rilascio)[1] e altri tre giovani ragazzi di Tokyo anche loro legati alla yakuza (Miyano Hiroshi, diciottenne; Minato Nobuharu, sedicenne; Watanabe Yasushi, diciasettenne) rapirono Furuta Junko, una ragazza del secondo anno delle scuole superiori proveniente dalla prefettura di Saitama, che aveva rifiutato gli approcci di Kamisaku. Fu tenuta prigioniera per quarantaquattro giorni all'interno di una casa di proprietà dei genitori di Nobuharu Minato, uno dei quattro sequestratori. Per evitare un'indagine della polizia i quattro costrinsero la ragazza a chiamare a casa e dire ai genitori di essere scappata di casa e che si trovava al sicuro.

Alcune volte i genitori di Nobuharu Minato passarono a trovare il figlio e in questa circostanza la ragazza fu costretta a mentire sotto minaccia dei sequestratori raccontando di essere la ragazza di uno di loro. La giovane studentessa fu stuprata (si parla di un totale di cinquecento violenze subite da cento uomini diversi) e torturata, anche più volte nello stesso giorno. Fu costretta a masturbarsi nuda davanti ai quattro ragazzi mentre bevevano birra, le furono negati sia cibo sia acqua, fu obbligata a mangiare scarafaggi e a bere le proprie urine e quelle dei carnefici, che spesso le urinavano addosso.

La ragazza subì orribili torture, tra cui l'inserimento nell'ano e nella vagina di lame e oggetti appuntiti, lampadine incandescenti, mozziconi di sigaretta accesi che gli aguzzini erano soliti spegnere sul corpo della ragazza, parti del suo corpo furono irreversibilmente danneggiate, tanto che poteva camminare solo a gattoni e impiegava più di un'ora per andare e tornare dal bagno che si trovava al piano di sotto. In un'occasione fu perfino lasciata a dormire nuda sul balcone con la neve. La ragazza più di una volta cercò di fuggire, di chiamare la polizia e di chiedere aiuto, ma tutto risultò vano e nessuno volle aiutare la ragazza, nonostante al processo si disse che almeno cento persone erano a conoscenza della presenza della ragazza nella casa. I ragazzi scattarono diverse foto delle torture che furono poi utilizzate come prova al processo.

Il 4 gennaio 1989 usando il finto pretesto di una perdita a una partita a Mahjong dove i quattro giocarono contro Junko che risultò la vincitrice, la ragazza fu percossa con spranghe e manubri d'acciaio e successivamente cosparsero molte parti del suo corpo di benzina bruciandola viva: Junko morì poche ore dopo. Il suo corpo fu messo in un bidone di benzina vuoto riempito poi di cemento e successivamente portato in una discarica isolata.

Successivamente un pentito della yakuza indicò alla polizia dove si trovava il bidone con il corpo della ragazza; ciò portò all'arresto e alla condanna dei quattro, ma nonostante le foto che testimoniarono le violenze subite e l'autopsia ai resti del cadavere che rivelava la presenza di molte tracce di sperma nel corpo della ragazza, i quattro ragazzi, di cui due (Mayano e Kamisaku) erano affiliati della mafia giapponese, beneficiarono del fatto di essere minorenni e per la legge giapponese non potevano avere responsabilità penale. Furono cambiate le loro identità che rimasero ignote all'opinione pubblica, la quale a seguito del delitto chiese di abbassare per legge la responsabilità penale a sedici anni, ma a seguito di altri delitti compiuti da minorenni la responsabilità penale è scesa a quattordici anni.[2][3]

L'omicidio Furuta in altri media[modifica | modifica wikitesto]

  • Tre film tratti da questa storia vennero prodotti: Joshikôsei konkuriito-dume satsujin-jiken (Concrete-Encased High School Girl Murder Case) di Katsuya Matsumura nel 1995, Shônen no hanzai (Juvenile Crime) di Gunji Kawasaki nel 1997 e Konkurîto (Concrete) di Hiromu Nakamura nel 2004.
  • Nel 2004 un manga fu pubblicato in Giappone ispirato a Junko Furuta: Shin Gendai Ryoukiden (High School Girl in Concrete), disegnato da Uziga Waita.
  • Nel 2006 the GazettE dedicarono a questa vicenda la canzone Taion, contenuta nell'album Nil.[senza fonte]
  • Nel 2012 Mr.Kitty dedicò a questa vicenda la canzone 44 Days contenuta nell'album ETERNITY.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wijers-Hasegawa, Yumi, L'uomo che ha ucciso da bambino torna in tribunale, ("Man who killed as child back in court") The Japan Times, July 29, 2004.
  2. ^ Schoolgirl Murder, [1] (in Giapponese), 3 luglio 2009.
  3. ^ Utting, Gerald. "Sales tax creates tempest in a Tokyo teapot." Toronto Star, 3 aprile 1989. Collegamento verificato il 29 settembre 2009. (EN)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]