Oltre l'orizzonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oltre l'orizzonte
Titolo originale Beyond This Horizon
Two complete science adventure books 1952win n7.jpg
Copertina della rivista Two Complete Science-Adventure Books del 1952, dove Beyond This Horizon fu pubblicato sotto lo pseudonimo di Anson McDonald anche se l'edizione in volume era stata pubblicata quattro anni prima con il nome di Heinlein.
Autore Robert A. Heinlein
1ª ed. originale 1942
1ª ed. italiana 1953
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Protagonisti Hamilton Felix

Oltre l'orizzonte (Beyond This Horizon) è un romanzo di fantascienza del 1942 dello scrittore statunitense Robert A. Heinlein.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Scritto nel novembre 1941 fu pubblicato per la prima volta, dopo una revisione di John W. Campbell, in due puntate nei numeri di aprile e maggio 1942 di Astounding Science Fiction sotto lo pseudonimo di Anson MacDonald, la versione originale fu pubblicata in volume nel 1948[1][2] dalla Fantasy Press.

La traduzione italiana di Maria Gallone è stata pubblicata dalla Mondadori, per la prima volta nel 1953[3].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo descrive un mondo nel quale la selezione genetica per aumentare la salute, la longevità, e l'intelligenza è diventata così diffusa che i non modificati, detti "naturali" sono una minoranza accuratamente gestita e protetta. È socialmente accettato portare armi da usare in duello, è possibile indossare distintivi per mostrare indisponibilità al duello, ma questo si traduce in uno status sociale inferiore. Il mondo è diventato un'utopia economica; il "dividendo economico" è così elevato che il lavoro è diventato facoltativo.

Il problema economico principale è quello di consumare il surplus economico: molti prodotti di alta qualità in realtà costano meno rispetto a quelli di qualità inferiore. Molte persone usano merci di qualità inferiore come status symbol. Il governo investe molto nella ricerca scientifica, ma questo ha l'effetto collaterale di aumentare ulteriormente la produttività futura, così progetti a lungo termine che non prevedono ritorno economico sono favoriti sopra ogni altro tranne la ricerca medica, in base alla teoria che una maggiore durata della vita aumenti il consumo del surplus.

Il protagonista della storia, Hamilton Felix (cognome prima), è l'archetipo del superuomo; Felix possiede un fisico sovrumano con un intelletto all'altezza e può aspettarsi di vivere per secoli senza alcuna forma di assistenza medica. Essendo il prodotto di generazioni di ingegneria genetica, egli è quasi, ma non del tutto, un essere umano perfetto. Nella seconda parte del libro egli ha un figlio geneticamente modificato, che è il culmine di generazioni di ingegneria genetica e riproduzione selettiva, ed è un essere umano geneticamente perfetto. Crescendo, il bambino comincia a sviluppare abilità mentali quasi superumane e una sorprendente capacità telepatica.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Boucher e McComas posero Beyond This Horizon tra "i migliori romanzi di fantascienza della moderna produzione"[4]; P. Schuyler Miller ha recensito favorevolmente il romanzo dicendo "proprio alla maniera di Heinlen il tema di fondo del libro rompe lo schermo dell'azione solo nelle pagine finali"[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gifford 2000, p. 260
  2. ^ Gifford 2004. Vedi collegamenti esterni.
  3. ^ Catalogo Vegetti. Vedi collegamenti esterni.
  4. ^ (EN) Anthony Bouche e J. Francis McComas, Recommended Reading, in The Magazine of Fantasy & Science Fiction, ottobre 1951, p. 60.
  5. ^ (EN) P. Schuyler Miller, Book Reviews, in Astounding Science Fiction, febbraio 1949, p. 146.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Bibliografia, su Robert A. Heinlein, L'uomo che vendette la Luna. URL consultato il 25 aprile 2016.
  • (EN) James Gifford, The Published RAH, su site: RAH, nitrosyncretic.com, 2004. URL consultato il 25 aprile 2016.