Oliverio Girondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oliverio Girondo

Oliverio Girondo (Buenos Aires, 17 agosto 1891Buenos Aires, 24 gennaio 1967) è stato un poeta argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Firma di Oliverio Girondo
Oliverio Girondo

Fa parte della generazione di scrittori post-modernista, formatasi grazie ai rapporti e agli scambi culturali con le correnti d'avanguardia europee del primo dopoguerra, come il cubismo ed il dadaismo, approfonditi anche da lunghi soggiorni in varie nazioni europee.[1]

Nacque in una famiglia agiata, che gli consentì di viaggiare in Germania, Italia, Belgio, Spagna, Inghilterra.

Girondo, trasferitosi a Epsom per motivi di studio e dopo essersi laureato in giurisprudenza,[2] venne alla ribalta nel 1922, grazie ad una raccolta di poesie intitolata Veinte poemas para ser leidos en el tranvia, che evidenziò già dal titolo i temi ultraisti, caratterizzati dalla descrizione di sensazioni ed emozioni di fatti contemporanei, alterati con modalità surrealistiche, ed impreziositi da accentuazioni ironiche sfocianti, talvolta, in giochi di parole e greguerias alla Gomez de la Serna.[1] Nel celebrare la vita cosmpolitana e urbana, Girondo formulò acute e ironiche critiche ad alcuni costumi contemporanei dominanti.

Proprio quest'ultimo, assieme ad Apollinaire e Cocteau fu uno dei più importanti paladini e sostenitori degli "ultraisti".[1]

Un tipico esempio di greguerias di Girondo che si può citare è: «un prete mastica una preghiera come un pezzo di chewing gum».[1]

Nel 1925 Girondo pubblicò il suo secondo lavoro, Calcomanias, non molto difforme dal primo, ma certamente più originale, e contrassegnato da una serie di visioni surrealiste di alcune città, quali Siviglia, Toledo e Tangeri.[2]

Dopo essere ritornato in patria, Girondo fu uno dei fondatori e collaboratori della rivista Martin Fierro, che si rivelò uno strumento di diffusione di idee innovatrici.[2] Si dedicò anche nella traduzione di opere straniere, come quelle di Rimbaud, facilitato dalla buona conoscenza di varie lingue estere.[3]

Girondo, nelle sue opere seguenti, quali Campo nuestro (1946) ed En la masmédula (1954), pur dimostrando di aver approfondito ed affinato il suo linguaggio particolare e originale, con il quale manifestò le sensazioni e le emozioni intercettate magistralmente, oltre ad esprimere metafore singolari e genuine, non riuscì, talvolta, a rinnovarsi.[2]

E non a caso alcuni critici lo definirono «il Peter Pan dell'ultraismo argentino», nel senso che rimase giovanile, o persino infantile, dal punto di vista del cammino artistico.[1]

Nonostante questo, Girondo si può considerare uno degli esponenti più importanti dell'ultraismo del suo Paese, che non solo ha formato scrittori dell'importanza di Borges e Guiraldes, ma ha avuto il merito di rinnovare la letteratura argentina degli anni venti e trenta.[2]

Si sposò con la poetessa Norah Lange e strinse una profonda amicizia con Garcia Lorca.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Veinte poemas para ser leídos en el tranvía (1922);
  • Calcomanías (1925);
  • Espantapájaros (1932);
  • Interlunio (1937);
  • Persuasión de los días (1942);
  • Campo nuestro (1946);
  • En la masmédula (1953).

Bibliografía[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Camurati Francesca, "Veinte poemas. Veinte postales. Sobre el primer libro de poemas de Oliverio Girondo", Caravelle, n°85, 2005, pp. 205–221.
  • (ES) Corral Rose, "El grupo de Martín Fierro y los poetas de Contemporáneos", Caravelle, n°76-77, 2001, pp. 517–525.
  • (ES) De Nóbile Beatriz, El acto experimental: Oliverio Girondo y las tensiones del lenguaje, Buenos Aires, Losada, 1972.
  • (ES) Grunfeld Mihai Gheorghe, Oliverio Girondo y la poesía de viaje, Berkeley, University of California, 1987.
  • (ES) Juzyn-Amestoy Olga, Oliverio Girondo: la realidad de la palabra, Providence, Brown University, 1990.
  • (ES) Maciello Francine, Lenguaje e ideología. Las escuelas argentinas de vanguardia, Hachette, Buenos Aires, 1986.
  • (ES) Molina Enrique, "Hacia el fuego central o la poesía de Oliverio Girondo", prólogo a Obras de Oliverio Girondo, Editore Losada, Buenos Aires, 1994.
  • (ES) Schwartz Jorge, Vanguardia y cosmopolitismo en la década del veinte. Oliverio Girondo y Oswald de Andrade, Beatriz Viterbo Editore, Rosario, Argentina, 1993.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e le muse, V, Novara, De Agostini, 1964, p. 289.
  2. ^ a b c d e Oliverio Girondo nel sito biografiasyvidas.com, su biografiasyvidas.com. URL consultato il 28 agosto 2015.
  3. ^ a b Oliverio Girondo nel sito poemas-del-alma.com, su poemas-del-alma.com. URL consultato il 28 agosto 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76327294 · ISNI (EN0000 0000 8155 9906 · Europeana agent/base/92315 · ULAN (EN500331728 · LCCN (ENn82232184 · GND (DE118717669 · BNE (ESXX908861 (data) · BNF (FRcb12013424g (data) · J9U (ENHE987007460942305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n82232184
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie