Olavo Bilac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olavo Bilac

Olavo Brás Martins dos Guimarães Bilac (Rio de Janeiro, 16 dicembre 1865Rio de Janeiro, 28 dicembre 1918) è stato un giornalista, poeta e scrittore brasiliano, membro fondatore dell'Accademia Brasiliana delle Lettere con altri poeti e scrittori, fra i quali: Raymundo Corréa e Alberto de Oliveira..

Temperamento inquieto e sensibile, nutrì alte aspirazioni spirituali

Di stile parnassiano, è considerato all'unanimità il maggiore poeta della letteratura brasiliana, con il titolo di Príncipe dos Poetas Brasileiros (Principe dei poeti Brasiliani). Fu ardente patriota e propugnatore dell'intervento del Brasile, a fianco dell'Intesa, nella 1a guerra mondiale. A tale scopo pubblicò articoli e pronunciò discorsi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Via Lactea; Sarças de fogo; Alma errante; Critica e fantasia; Chronicas e Novellas; Conferencias literarias; Tarde; O caçador de esmeraldas;

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN73898176 · LCCN: (ENn82099964 · ISNI: (EN0000 0001 0915 424X · GND: (DE121751961 · BNF: (FRcb121868556 (data)