Offensiva di primavera (1941)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Offensiva di primavera
parte della campagna italiana di Grecia, parte della
campagna dei Balcani seconda guerra mondiale
Datadal 9 al 16 Marzo 1941
LuogoAlbania, sudest di Berat
EsitoVittoria greca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
9 divisioni6 divisioni
Perdite
11.800 uomini1.243 morti,42 dispersi,4.116 feriti totale:5.401 perdite
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'offensiva italiana di primavera (anche conosciuta come "operazione Primavera") fu un'offensiva della campagna italiana di Grecia durata dal 9 al 16 marzo 1941. L'offensiva fu l'ultimo tentativo italiano di sconfiggere l'esercito greco, che era già penetrato profondamente nell'Albania Italiana; l'inizio delle ostilità fu supervisionato personalmente da Benito Mussolini arrivato a Tirana il 2 marzo 1941 ma finì una settimana dopo con un completo fallimento.

L'attacco scattò il 9 marzo, dopo un bombardamento intensivo delle postazioni greche da parte dell'artiglieria italiana, condotto da undici divisioni di fanteria e dalla "Centauro". L'attacco fu condotto principalmente contro le 1° ,2°, 5°, 11°, 15°, 17° divisioni greche nell'area tra i fiumi Osum e Vojussa, dominata dalla catena montuosa del Trebeshines. Il 14 marzo il generale Ugo Cavallero si rese conto che l'offensiva era destinata al fallimento e avvisò Mussolini di sospendere gli attacchi.

La controffensiva greca (13 novembre 1940 – 7 aprile 1941)

I maggiori scontri avvennero sulla cima 731 (assalita dai soldati italiani almeno 18 volte) consacrata dagli italiani che vi eressero un monumento ai loro numerosi caduti.