Offendicula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Recinzioni elettrificate di Auschwitz

Si definiscono offendicula, in diritto, i mezzi utilizzati per impedire l'accesso ad estranei a proprietà private o per la difesa di beni con accorgimenti tali da procurare danni a chi si disponesse ad introdurvisi illecitamente.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

In genere la legge riconosce al proprietario la facoltà di predisporre mezzi per la difesa di beni e/o proprietà (tutela preventiva della proprietà). Questa facoltà è limitata, però, soprattutto se la difesa si espleta senza distinzioni di sorta anche verso chi non intende offendere (recinzioni elettrificate che possono causare la morte dei passanti che accidentalmente le sfiorano), o se la difesa è sproporzionata rispetto al valore del bene da difendere (armi a puntamento automatico per la difesa di un albero o di un pollaio). Inoltre devono essere ben visibili, magari evidenziati con dei cartelli di pericolo, e se automatici ne deve essere segnalato il loro modo di operare.

Costruzione protetta da fossato

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni dei più comuni sono:

Offendicula automatici[modifica | modifica wikitesto]

Centrale nucleare protetta da cancelli

Vi sono anche degli offendicoli "automatici", ad alto tasso di insidiosità, che richiedono l'adozione di cautele particolari, come cartelli, spie luminose ed altri segnali anche verbali:

  • Trabocchetti celati sotto uno strato di foglie
  • Armi a cellule fotoelettriche
  • Dispositivi di allarme che bloccano tutte le uscite dell'edificio
  • Uso di animali addestrati
  • Emissione di gas tossici
  • Trappole per la fauna selvatica
  • Utilizzo di ordigni esplosivi

Offendicula per animali[modifica | modifica wikitesto]

Nell'utilizzo di offendicula per tenere lontani animali molesti, si devono utilizzare metodi non crudeli e che debbano evitare il più possibile la morte o il ferimento dell'animale stesso. Anche in questo caso, la difesa non deve essere sproporzionata rispetto al bene da difendere.

Il dibattito nel diritto[modifica | modifica wikitesto]

Gli offendicula presentano un problema di inquadramento: si discute infatti se essi siano o meno legittimi, considerato il carattere "controffensivo" degli stessi.

L'opinione prevalente aderisce alla tesi positiva, ravvisandovi una sorta di strumento correlato sia alla legittima difesa che all'esercizio del diritto di disposizione di ciò che è proprio. Da altri studiosi non si ritiene che gli offendicula siano espressione del solo esercizio del diritto, perché quest'ultimo dirime collisioni fra interessi, mentre gli offendicoli non difendono passivamente la proprietà bensì offendono l'incolumità altrui.

Parimenti, si ritiene che gli offendicoli non possono essere avvicinati alla sola legittima difesa, perché:

  • manca a rigore la cd. proporzionalità fra interesse tutelato e mezzo di tutela,
  • manca la qualità e l'attualità del pericolo da respingere, addirittura gli offendicoli potrebbero in tal caso configurare un caso di eccesso colposo[senza fonte].

Si ritiene anche che gli offendicoli non possano essere inquadrati neppure nella cd. legittima difesa anticipata, perché in grado di aggredire sia l'aggressore che il non-aggressore.

La dottrina non ammette la legittimità di offendicoli il cui danno cagionabile non sia proporzionale alla necessità di difendere una proprietà. Non sono da considerarsi legittime ad esempio le recinzioni percorse da corrente ad alta tensione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]