Odoya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Odoya
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione2007 a Bologna
Fondata daMarco De Simoni
Sede principalevia Benedetto Marcello, 7 - 40141 Bologna
SettoreEditoria
Prodottisaggi di storia divulgativa, libri scientifici e universitari, narrativa
Sito webwww.odoya.it

Odoya è una casa editrice italiana con sede a Bologna fondata nel 2007. Controlla anche i marchi Libri di Emil, specializzato in saggistica scientifica e universitaria, e Meridiano Zero, narrativa e noir.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea è di Marco De Simoni con alle spalle un'esperienza editoriale in CLUEB: si rende conto del poco peso che ha sul mercato la saggistica storica con taglio divulgativo. Così, insieme a due soci, Valerio Maneri e Mauro Cremonini, fonda nel 2007 la casa editrice, specializzandola in saggistica divulgativa,[1] sia di autori italiani che di autori stranieri attraverso collaborazioni con editori internazionali tra i quali Routledge, Gallimard e University of Chicago Press[2].

Nasce così la collana Odoya Library, una serie di pubblicazioni il cui titolo inizia con "storia di...". Ecco Storia della pirateria di Philip Grosse, Storia della Coca Cola, Storia dei vampiri, Storia della tortura di Franco Di Bella. Odoya pubblica circa 30 titoli l'anno, dando particolare attenzione a tematiche di storia militare e culturale, e alle biografie, caratterizzandosi per il ricco corredo iconografico.[3].

La casa editrice vara anche il marchio I Libri di Emil, specializzato in saggistica scientifica e universitaria. Nel 2012 rileva Meridiano Zero, una società di Padova specializzata nel noir francese e americano. Con Odoya lo spazio produttivo si amplia: non solo noir ma anche narrativa italiana e internazionale[4].

Il gruppo Odoya è distribuito da Messaggerie Italiane. Attraverso "Odoya Servizi Editoriali", inoltre, la casa editrice realizza progetti per editori italiani ed esteri, in particolare cataloghi, riviste, volumi pregiati, contenuti web.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Odoya, storia di dieci anni di editoria italiana indipendente (di successo), su glistatigenerali.com, 12 giugno 2017. URL consultato il 29 marzo 2018.
  2. ^ La casa editrice Odoya
  3. ^ Odoya, la storie di nicchia creno la pagina vincente
  4. ^ Odoya acquisisce Meridiano Zero, su ricerca.repubblica.it, 14 febbraio 2012. URL consultato il 21 marzo 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Meridiano Zero

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]