Odi (Bibbia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Libro delle Odi" rimanda qui. Se stai cercando il classico cinese, vedi Shijing.
Antico Testamento
Ebraico, Cattolico, Ortodosso, Protestante

Pentateuco:

Profeti anteriori o Libri storici:

Profeti posteriori - Profeti maggiori:

Profeti posteriori - Profeti minori:

Scritti:

Meghillot:

Sino a qui riferimenti ebraici

Deuterocanonici
(non canonici per/secondo gli ebrei,
canonici per cattolici e ortodossi,
apocrifi per protestanti)
Ortodosso
Siriaco (Peshitta)
Progetto Religione
uso tabella

Odi è un breve testo scritto in greco aggiunto dalla tradizione cristiana nella versione greca della Bibbia detta Settanta. Le Odi compaiono nei manoscritti a partire dal V secolo: mancano nei codici Vaticano e Sinaitico (IV secolo), ma sono già presenti nel codice Alessandrino (V secolo). È considerato canonico dalla sola Chiesa ortodossa, mentre per le altre confessioni cristiane rappresenta un apocrifo dell'Antico Testamento. Non va confuso con l'apocrifo Odi di Salomone, distinti a loro volta dai Salmi di Salomone.

È una raccolta di 14 inni (13 senza la Preghiera di Manasse) presenti nell'Antico e nel Nuovo Testamento con lievi variazioni testuali. È nato probabilmente come compendio ad uso liturgico.
Dieci odi sono tratte dall’Antico Testamento; di cui le prime otto sono le odi che la chiesa greca aggiunse al Salterio. Dal Nuovo Testamento sono tratti i cantici conosciuti come Magnificat, Benedictus e Nunc dimittis; ma mentre il cantico di Maria (Magnificat) e quello di Zaccaria (Benedictus) sono raccolti insieme sotto l’Ode n. 9, il cantico di Simeone (Nunc dimittis) è indipendente come tredicesima ode.
La quattordicesima ode è conosciuta comunemente nella liturgia cristiana e usata ancora oggi come Gloria in excelsis Deo; si tratta di una creazione della Chiesa antica: è attestata, con il nome di hymnus angelicus, già all’epoca di Papa Telesforo (128-139 d.C.) nel "Liber Pontificalis".

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ode di Mosè nell'Esodo (Es15,1-19[1])
  2. Ode di Mosè nel Deuteronomio (Dt32,1-43[2])
  3. Preghiera di Anna madre di Samuele (1Re2,1-10[3])
  4. Preghiera di Abacuc (Ab3,2-19[4])
  5. Preghiera di Isaia (Is26,9-20[5])
  6. Preghiera di Giona (Gio2,3-10[6])
  7. Preghiera di Azaria (Dn3,26-45[7])
  8. Inno dei tre giovani (Dn3,52-88[8])
  9. Preghiera di Maria Madre di Dio (Lc1,46-55.68-79[9])
  10. Ode di Isaia (Is5:1-9[10])
  11. Preghiera di Ezechia (Is38,10-20[11])
  12. Preghiera di Manasse (non presente nell'Antico Testamento, basata su 2Cr33,18[12])
  13. Preghiera di Simeone (Lc2,29-32[13])
  14. Inno del mattino (non presente nel Nuovo Testamento ma con richiami a Lc2,14;Sal144,2;118,12[14])

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Apocrifi Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi
  1. ^ Es15,1-19, su laparola.net.
  2. ^ Dt32,1-43, su laparola.net.
  3. ^ 1Re2,1-10, su laparola.net.
  4. ^ Ab3,2-19, su laparola.net.
  5. ^ Is26,9-20, su laparola.net.
  6. ^ Giona2,3-10 Gio2,3-10, su laparola.net.
  7. ^ Dn3,26-45, su laparola.net.
  8. ^ Dn3,52-88, su laparola.net.
  9. ^ Lc1,46-55.68-79, su laparola.net.
  10. ^ Is5:1-9, su laparola.net.
  11. ^ Is38,10-20, su laparola.net.
  12. ^ 2Cr33,18, su laparola.net.
  13. ^ Lc2,29-32, su laparola.net.
  14. ^ Lc2,14;Sal144,2;118,12, su laparola.net.