Oddone Longo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Oddone Longo (Venezia, 6 ottobre 1930Padova, 17 novembre 2018) è stato un accademico e grecista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo del grecista e filosofo Carlo Diano, fu docente di Letteratura greca, Storia della lingua greca e Storia del pensiero scientifico presso l'Università degli Studi di Padova.

Nasce al Lido di Venezia il 6 ottobre 1930. Il padre, Amedeo Longo, originario di Benevento, era avvocato dello Stato. Oddone, in famiglia chiamato Chico, prende il nome del nonno materno Odone Parmeggiani, cui ancora oggi è intitolata una Scuola elementare al Lido di Venezia. La professione del padre Amedeo rende itinerante la vita di tutta la famiglia. Con la madre Paola (Paolina Facchini Parmeggiani) e l'amata sorella Valentina si trasferiscono e vivono per alcuni anni in diverse città, dall'Aquila a Brescia, poi a Trieste infine a Torino, oltre ad Ivrea come sfollati. Nel 1946 due fatti segnano definitivamente la vita di Oddone: la scomparsa del padre, che viene epurato per aver continuato a svolgere la sua professione di Avvocato dello Stato durante il regime fascista e la malattia. All'età di sedici anni viene colpito dalla poliomielite. Provvidenziale per la sua ripresa è l'intervento di una fisioterapista di origine berlinese, Edith Breslauer. Con la madre e la sorella, Oddone si trasferisce per lunghi periodi a Merano, dove viene a contatto e impara quella che rimarrà per lui la sua mutter sprache: la lingua tedesca. A Merano, grazie ad Edith Breslauer e complice anche la sua determinazione, riesce a rimettersi in piedi e dopo lunghe cure ricomincia a condurre una vita normale. La malattia non lo allontana dalla sua grande passione per gli studi, che prosegue da privatista e conclude al Liceo Classico "Marco Polo" di Venezia, dove sostiene a pieni voti l'esame di maturità presentandosi da privatista. Le sue straordinarie doti gli consentono di apprendere con facilità qualsiasi lingua straniera, spaziando dal greco moderno, al turco, fino al serbo, il croato e lo sloveno, lo spagnolo e il portoghese, oltre al francese e all'inglese, passando anche per il giapponese. La lingua russa, che aveva iniziato a studiare da adolescente, lo accompagnerà fino all'ultimo periodo della sua vita. Non è da meno la sua passione e la sua profonda conoscenza della musica e dell'opera lirica.

Il 10 novembre 1966 sposa Mariateresa Vendemiati, una sua studentessa di tredici anni più giovane di lui e innamorata di lui dal primo giorno di Università. Il 2 settembre 1967 nasce la prima figlia, Maria-Francesca e il 5 marzo del 1969 nasce il figlio Luigi Amedeo. Dal 2015 Oddone Longo si trova a dover rifare i conti con "la poliomielite". La sindrome post-polio lo terrà lontano dal suo mondo di studioso e passerà gli ultimi tre anni della sua vita, seguito nella propria casa e assistito dalla moglie Mariateresa e dai suoi figli. Il 17 novembre 2018 si spegne nella sua casa, nel rispetto della sua volontà e di quella dei suoi famigliari.

Uomo di vasta cultura e di grande passione politica, si è occupato prevalentemente di teatro greco, di pensiero greco, di Aristotele e di Galilei. Fu preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'ateneo padovano durante gli anni di piombo, dal 1974 al 1980, e mentre ricopriva quella carica subì egli stesso un brutale pestaggio nel 1979.[1] In seguito, al termine della sua carriera, fu nominato professore emerito di Letteratura greca presso la medesima università. È stato inoltre presidente dell' Accademia Galileiana di Padova e socio effettivo dell' Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, nonché socio corrispondente dell' Accademia dei Concordi di Rovigo.[2][3]

Una vita dedicata agli studi, ai viaggi, una vita in cui la curiosità per le altre discipline rende Oddone Longo un fautore dell'interdisciplinarietà. Quell'interdisciplinarietà che assieme a Paolo Scarpi e ad altri amici e colleghi di diverse Università italiane segnerà l'inizio - nel 1987 - di una lunga avventura intellettuale, che tuttora prosegue. La Fondazione dell'Associazione Homo Edens, di cui Oddone Longo fu Presidente fin dall'inizio, rappresenta l'avvio di un percorso di studi e di diffusione dell'approccio interdisciplinare nel campo della storia dell'alimentazione e della cultura del cibo.

L'amicizia che lo lega a Francesco Ghiretti (1916 - 2002) fisiologo e biologo italiano nominato professore emerito della facoltà di Scienze dell'Università di Padova nel 1992. Con Ghiro, così lo chiamava, Oddone Longo coltiva una amicizia profonda e collabora con lui in studi che sfociano nella pubblicazione di volumi su tematiche focalizzate sulla biologia[4].

È grazie ad Oddone Longo che l'Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti di Padova, dove fu Presidente per ben tre mandati, che viene reintrodotto un costume dimenticato da secoli: donando il suo pianoforte a coda Pleyel, Oddone Longo riprende l'usanza di concludere ogni Adunanza con un concerto. Concerti cui vengono invitati a suonare soprattutto giovani pianisti, e altri giovani musicisti, a riprova della lungimiranza e della grande fiducia riposta nei giovani da Oddone Longo. Inoltre, dopo anni di silenzio, è sempre grazie a Oddone Longo che la comunità israelitica viene riammessa all'Accademia, dove potrà accedere e dare il suo prezioso contributo culturale, contributo bruscamente interrotto con l'emanazione delle leggi razziali fasciste che dal 1938 videro anche l'Italia protagonista nella persecuzione degli ebrei.

Opere principali sulla civiltà greca

  • Tecniche della comunicazione nella Grecia antica, Napoli 1981.
  • La storia, la terra, gli uomini. Saggi sulla civiltà greca, Venezia 1987.
  • Elementi di grammatica storica e dialettologia greca, Padova 1989.
  • Homo Edens. Regimi, miti e pratiche dell'alimentazione nella civiltà del Mediterraneo (a cura di O. Longo e P. Scarpi), Milano 1989.
  • L'universo dei Greci: attualità e distanze, Venezia 2000.
  • Saperi antichi. Teoria ed esperienza nella scienza dei Greci, Padova 2003.
  • Scienza, Mito, Natura. La nascita della biologia in Grecia, Milano 2006.
  • Società e cultura del mondo antico: nuovi percorsi, Padova 2010.
  • Saggi sulla civiltà greca. Storia, esegesi, filologia, Bologna 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniele Mont D'Arpizio, L'Università alla prova della violenza, in Il Bo Live, 2 dicembre 2015.
  2. ^ Oddone Longo, su Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.
  3. ^ Paolo Scarpi, Oddone Longo - "In memoriam", in Civiltà e Religioni, vol. 4, 2018, pp. 8-12.
  4. ^ La mangusta e il cobra. Scritti di storia (in)naturale, (a cura di O.Longo) , Pisa, ETS, 2004.
Controllo di autoritàVIAF (EN10916761 · ISNI (EN0000 0001 2120 6284 · SBN IT\ICCU\CFIV\060618 · LCCN (ENn82015485 · GND (DE129138010 · BNF (FRcb120204181 (data) · BNE (ESXX957619 (data) · BAV (EN495/288384 · WorldCat Identities (ENlccn-n82015485
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie