Oculus Rift

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oculus Rift
Oculus-Rift-CV1-Headset-Front.jpg
Oculus Rift Consumer Version 1
TipoHead-mounted display
InventorePalmer Luckey (fondatore)
PiattaformeWindows, Linux, macOS, iOS, Android, Samsung
Data di uscita28 marzo 2016
SviluppatoOculus VR

Oculus Rift è un visore per la realtà virtuale indossabile sul viso (in inglese HMD, head-mounted display).

Sviluppato da Oculus VR, ha ottenuto un finanziamento di 16 milioni di dollari di cui 2,4 milioni dalla campagna Kickstarter[1]. La società è stata fondata da Palmer Luckey e dai cofondatori di Scaleform.[2] Il kit di sviluppo è in corso di uscita commerciale.[3] Il 25 marzo 2014 la società è stata acquistata da Facebook.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2017 viene presentata una nuova versione del visore denominata "Crystal Cove", che si differenzia dalla precedente per l'utilizzo di un display OLED da 5,6 pollici di risoluzione 1920x1080 (16:9 rapporto d'aspetto). Tale schermo risolve i problemi legati al senso di nausea che provocava il primo prototipo, grazie alla minore latenza offerta dagli schermi OLED rispetto ai tradizionali LCD. Un'altra novità è rappresentata dalla presenza di 20 sensori ad infrarossi posizionati sul visore che, combinati con una telecamera posta davanti il giocatore, sono in grado di rilevare gli spostamenti nelle 3 direzioni, permettendo così agli utenti di potersi spostare nell'ambiente 3D (offrendo ad esempio la possibilità di avvicinarsi ad un oggetto per vederlo meglio); anche questa miglioria contribuisce all'eliminazione del senso di nausea. Questo modello inoltre integra nel visore il control box (un piccolo contenitore contenente la scheda di controllo che faceva da tramite tra gli schermi ed il computer.

In concomitanza con il Game Developers Conference 2014, tenutosi a San Francisco, sono iniziati i preordini del Development Kit 2 al prezzo di 350 $ (spese di spedizione e tasse escluse), le differenze con il Crystal Cove sono poche, i 20 sensori ad infrarossi non sono più visibili, ma sono comunque presenti e nella parte anteriore alta del visore sono state aggiunte una presa USB e quello che sembra un connettore jack da 3,5 mm. Questa versione è sempre e comunque rivolta agli sviluppatori come ribadito varie volte dallo stesso Palmer Luckey e non è adatta al mercato consumer (alcuni utenti che avevano comprato il primo development kit lo usavano come periferica plug and play quando invece necessita di un computer e di diversi programmi per essere fruibile al 100%). Questa versione dell'Oculus Rift si avvicina per un 70% alla possibile versione finale del prodotto, che punta ad avere una risoluzione di 2560 × 1440 (2K) o anche di 4096 × 2160 (4K).

Il 6 gennaio in seguito alla presentazione della versione definitiva del Rift al CES 2016 vengono svelati i prezzi, fissati per l'Italia a 699,00 Euro e la data di uscita per il 28 marzo 2016[4], che è stata spostata prima ad aprile e successivamente a maggio. Lo stesso giorno sono state aperte le prenotazioni e la prima scorta di unità del visore, disponibile dal 28 marzo, è andata esaurita in 14 minuti (facendo in modo che tutti coloro che acquistavano il visore lo avrebbero ricevuto ad aprile e, dopo 24 ore, addirittura a giugno)[5], nonostante il prezzo molto alto e parecchio discusso, giustificato dal fondatore di Oculus VR, Palmer Luckey, dal fatto che (rispetto al Development Kit 2) la versione definitiva del dispositivo fosse molto più avanzata[6]. Nel 2016, la commercializzazione sul mercato del visore era solo per 20 paesi: Australia, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Islanda, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Regno Unito, Spagna, Svezia, Stati Uniti e Taiwan. Mentre negli altri paesi in cui si è deciso di commercializzarlo (Austria, Portogallo, Svizzera e Russia), esso è divenuto disponibile dall'inizio del 2017.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il primo prototipo usava uno schermo da 5,6 pollici, ma dopo la campagna avvenuta su Kickstarter è stato deciso di passare ad uno schermo di 7 pollici. Lo schermo LCD ha una profondità di colore di 24 bit per pixel ed è abilitato alla stereoscopia 3D.

Il campo di visione è di oltre 90 gradi in orizzontale (110 gradi di diagonale), che è più del doppio rispetto agli altri dispositivi concorrenti. La risoluzione della versione DK1 è di 1280×800 (16:10 aspect ratio), cioè 640×800 per occhio (4:5 aspect ratio). La risoluzione del DK2 è di 1920×1080, cioè 960×1080 per occhio. Nella versione commerciale uscita nel 2016 la risoluzione ufficiale è di 2160x1200 (1080x1200 per occhio).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]