Oceanodroma castro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Uccello delle tempeste di Castro
Band-rumped Petrel From The Crossley ID Guide Eastern Birds.jpg
Oceanodroma castro
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Ordine Procellariiformes
Famiglia Hydrobatidae
Genere Oceanodroma
Specie O. castro
Nomenclatura binomiale
Oceanodroma castro
(Harcourt, 1851)
Sinonimi

Hydrobates castro

L'uccello delle tempeste di Castro (Oceanodroma castro (Harcourt , 1851)) è un uccello della famiglia Hydrobatidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lunghezza 19 cm è simile all'uccello delle tempeste codaforcuta. Si distingue per la coda meno forcuta e una banda bianca che attraversa il groppone, caratteristiche che sono poco evidenti. Le copritrici della coda hanno la punta nera.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È una specie pelagica che nidifica sulle isole rocciose dell'Oceano Atlantico e nell'Oceano Pacifico.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Voce[modifica | modifica wikitesto]

Emette un arrr durante il corteggiamento.[senza fonte]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

L'uovo.

La stagione riproduttiva va dall'inverno alla primavera alle isole del Capo Verde e durante tutto l'anno a Madera eccetto l'estate. Durante il corteggiamento il maschio e la femmina si inseguono in voli circolari. Nidifica nei cunicoli e nelle fessure delle rocce. Depone un uovo color bianco e di forma ovale.[senza fonte]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Come gli altri uccelli delle tempeste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 22735803, Hydrobates castro, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Hydrobatidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 15 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia degli uccelli d'Europa.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli