Occhio (tipografia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elementi dei caratteri tipografici

In tipografia l'occhio di un carattere è la parte del carattere stesso destinata a ricevere l'inchiostro e a produrre l'impressione. È cioè la parte in rilievo e a rovescio di una lettera, un numero o un altro segno, che si trova sulla faccia superiore del parallelepipedo che costituisce il carattere di stampa.[1].

La dimensione dell'occhio è data dalla somma delle parti ascendente, discendente e mediana ed è l'altezza entro cui sono compresi i glifi di ciascun segno, accenti delle maiuscole esclusi. Può anche essere intesa come la distanza verticale tra i tratti ascendenti e i tratti discendenti. I termini occhio medio, occhio superiore e occhio inferiore sono sinonimi rispettivamente di parte mediana, parte ascendente e parte discendente.

Si chiama profondità d'occhio l'altezza del rilievo. La linea orizzontale ideale su cui poggia il limite inferiore ("allineamento ai piedi") dell'occhio è detta Allineamento[2].

Il tipo di carattere con occhio diritto impiegato normalmente in tipografia è detto tondo. La serie di caratteri con l'occhio inclinato leggermente verso destra rispetto all'allineamento è detta corsivo[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mariuccia Teroni, Manuale di redazione, Milano, Apogeo, 2007, p. 52.
  2. ^ a b «Lessico tipografico», in Vittorio Russo e Biagio Scognamiglio, Informazione e quotidiani, Liguori Editore, Napoli 1978.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]