Oberto II Pallavicino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oberto II Pallavicino
Uberto Pallavicini.jpg
Oberto II Pallavicino
1197 – 8 maggio 1269
Nato aPolesine Parmense
Morto aPieve di Gusaliggio
EtniaItaliana
Dati militari
Paese servitoStemma-cremona.jpg Cremona
Pavia-Stemma.png Pavia
Forza armatamercenari
Specialitàcavalleria
Anni di servizio1233-1269
GradoVicario imperiale
Capitano Generale di Milano
BattaglieBattaglia di Gravago (1234)
Battaglia di Parma (1248) e altre.
Signore di Parma, Cremona, Piacenza, Pavia, Brescia.
voci di militari presenti su Wikipedia

Oberto (Uberto) II Pallavicino o Pelavicino (Polesine Parmense, 1197Gusaliggio, 8 maggio 1269) è stato un condottiero italiano, capitano di ventura sotto Federico II di Svevia. Apparteneva alla linea lombarda della nobile famiglia dei Pallavicino.

Stemma dei Pallavicino

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Guglielmo Pallavicino e della contessa Solusta Platoni (Signora del Monte Sidolo).[1]

Vicario imperiale e sostenitore di Federico II e della parte ghibellina, a partire dal 1234 appoggiò l'imperatore contro il papa Gregorio IX e i Comuni, la cui espansione (in Val Padana, in Liguria, nella Toscana settentrionale) minacciava i vasti possessi dei Pallavicino. Dal 1250, sottomise le città di Parma, Cremona, Piacenza, Pavia, e Brescia.

Per contrasto con Ezzelino III da Romano, Oberto si unì ai guelfi e prese parte alla grande vittoria della Lega Lombarda contro Ezzelino nella battaglia di Cassano (1259). Per questo, fu ricompensato dalle città di Milano, Como, Lodi, Novara, Tortona, e Alessandria.

Quando Carlo d'Angiò invase la Lombardia, Oberto combatté ancora insieme ai Ghibellini, ma fu sconfitto più volte.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Uberto sposò in prime nozze Beatrice della Gherardesca di Pisa, che venne ripudiata perché sterile. In seconde nozze sposò Sofia di Enrico da Egna, forse parente di Ezzelino III da Romano, dalla quale ebbe cinque figli:[2]

  • Giovanna, che sposò Salinguerra Torelli
  • Isabella
  • Manfredino (1254-1328), che fu podestà di Pavia e uomo d'armi
  • Maria, che sposò Guido Guidi
  • Margherita, che sposò Alberto della Scala di Verona, nipote di Mastino I, signore di Verona

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Pietro de Crescenzi Romani, Corona della nobilta d'Italia overo Compendio dell'istorie delle famiglie illustri, Parte prima, Bologna, per Nicolò Tebaldini, 1639 p.84.
  2. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri italiane. Pallavicino, Modena, 1930.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87120821 · ISNI (EN0000 0000 6006 2052 · GND (DE1024172732