OTO Melara 105 mm M56

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
M56
Italian Army exercise Lavaredo 2019 - 02.jpg
Artiglieria di montagna con obice Mod 56 nei pressi di Lavaredo 2019
Tipoobice da montagna
Impiego
UtilizzatoriItaliaCanadaRegno UnitoArgentina ecc.
Produzione
CostruttoreOTO Melara
Entrata in servizio1957
Descrizione
Peso1.273kg
Lunghezza canna1,47 m
Calibro105 mm
Tipo munizioniGranata esplosiva e HEAT
Peso proiettile15,14 kg
Velocità alla volata416 m/s
Gittata massima10.600m
Twentieth Century Artillery
voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

L'obice da montagna M56 da 105/14 è un pezzo d'artiglieria che dal 1957 ha equipaggiato la maggior parte degli eserciti occidentali. Esso ha prestazioni non eccezionali (10,6 km di gittata max per 1250 kg di peso), ma la sua caratteristica basilare è la possibilità di essere scomposto in 12 carichi diversi permettendone così il someggio (i 12 muli dovevano trasportare un peso massimo di 132 kg).[1][2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare presso il museo storico degli alpini a Trento

L'obice è utilizzabile anche per il tiro teso anticarro, abbassando l'affusto tramite i due bracci solidali all'assale centrale che collegano l'affusto stesso alle ruote e l'utilizzo dei due elementi intermedi delle code, l'alzo poi si riduce a -5°/+15°. Nella configurazione "a ginocchiello basso" è facilmente stivabile anche sui pallet idonei all'aviolancio.

Questo obice non ha avuto nessun concorrente in Occidente, nonostante la ovvia necessità di sostituire l'obice da montagna statunitense M1, dal calibro ormai superato di 75mm. Infatti pur essendo necessario rimpiazzare l'arma americana a causa della scarsa gittata e del calibro insufficiente, solo l'Esercito Italiano si pose il problema (dovendo sostituire a sua volta le superate artiglierie da 75/13 preda bellica della prima guerra mondiale). Progettato dal gen. S. Fuscaldi del Servizio Tecnico d'Artiglieria, il prototipo fu realizzato dall'Arsenale Militare di Napoli dopo che erano stati costruiti tre modelli ridotti in cal. 20 mm perfettamente funzionanti. Avviata la produzione presso le Officine Meccaniche di Pozzuoli e successivamente presso l'Oto Melara, entro il 1983 sono state costruite oltre 2600 armi di cui 340 esemplari per l'Esercito Italiano che andarono ad equipaggiare i reggimenti di artiglieria delle 5 brigate alpine. Contemporaneamente fu costituita nel 1958 una batteria all'interno dell'allora Centro Militare di Paracadutismo (CMP) trasformatasi in seguito (1963) nel 185º Gruppo artiglieria paracadutista, contemporaneamente alla trasformazione del CMP nella Brigata Paracadutisti Folgore. Altri pezzi furono prodotti per il Canada, il Regno Unito, l'Argentina e per molti altri Eserciti. Le artiglierie argentine vennero usate contro gli inglesi, in una delle rare azioni di fuoco di artiglieria nella guerra delle Malvine. Gli inglesi le avevano comunque già sostituite con il Light gun 105mm, non someggiabile e più pesante, ma con una gittata di 17 km.

Il produttore cinese NORINCO offre una versione del modello dell'obice con le munizioni associate.[3]

L'obice Oto Melara da 105 mod.56 utilizza lo stesso munizionamento NATO delle artiglierie da 105 mm, a loro volta derivate dal munizionamento americano della seconda guerra mondiale.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori attuali[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori del 105 mm (in blu quelli attuali mentre in rosso quelli precedenti)
Modello utilizzato dall'esercito spagnolo
Venezuela Venezuela
Introdotti nel 1973 ed in servizio al settembre 2018.[5]

Utilizzatori in precedenza[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Someggiatura del 105/14, su vecio.it. URL consultato il 4 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2012).
  2. ^ (EN) Twentieth Century Artillery, di Ian Hogg — ISBN 1-84013-315-5
  3. ^ (EN) Christopher F. Foss, China expands tube artillery capability, in International Defence Review, Vol 42 May 2009
  4. ^ Due esemplari donati nel 2014 dalla Repubblica Italiana ed utilizzati dalla Guardia di Rocca Compagnia di Artiglieria per uso cerimoniale, in sostituzione di due Krupp 7,5 cm M. 1903 donati dalla Repubblica Elvetica nel 1989 sanmarino.sm, http://www.sanmarino.sm/on-line/home/articolo44006769.html. URL consultato il 17 luglio 2018. .
  5. ^ "Le Forze Armate venezuelane" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2018 pp. 56-67

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Utilizzo del 105 mm M56, su pegatiros.com. URL consultato il 4 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2012).
Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra