ORP Gryf (posamine)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ORP Gryf
ORP Gryf.jpg
La ORP Gryf
Descrizione generale
Naval Ensign of Poland.svg
Tipoposamine
Ordine11 maggio 1934
CantiereChantiers et Ateliers A. Normand
Le Havre
Impostazione14 novembre 1934
Varo29 novembre 1936
Entrata in servizio27 febbraio 1938
Destino finaleaffondata il 3 settembre 1939
Caratteristiche generali
Dislocamento2.227
Lunghezza103 m
Larghezza13,6 m
Pescaggio3,6 m
Propulsione2 motori Sulzer 8SD48 da 6.000 hp (4.500 kW)
Velocità20 nodi (37 km/h)
AutonomiaNumeroMiglia mn a nodi NumeroNodi(Numerokm km a Velocità km/h)
Armamento
Armamento
  • 6 cannoni Bofors wz. 34/36 da 120mm (2 installazioni binate e due singole)
  • 4 cannoni Bofors 40 mm antiaerei in installazioni binate
  • 4 mitragliere Hotchkiss wz. 30 da 13,2 mm (2 × 2)
  • 8 guide per mine navali, fino a 600 mine
voci di navi presenti su Wikipedia

La ORP Gryf (grifo in polacco) era un grande posamine della marina polacca, affondato durante l'invasione tedesca della Polonia nel 1939. Fu una delle due grandi navi polacche che non raggiunsero la Gran Bretagna nel corso dell'operazione Peking prima dello scoppio della invasione tedesca della Polonia, insieme alla ORP Wicher[1]. Fu affondata nel porto di Hel il 3 settembre 1939 durante le fasi iniziali della seconda guerra mondiale.[1]

Torretta binata della ORP Gryf esposta nel Museo della Marynarka Wojenna Rzeczypospolitej Polskiej a Gdynia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Michael Alfred Peszke, Poland's Navy, 1918-1945, New York, Hippocrene Books, febbraio 1999, p. 37, ISBN 0-7818-0672-0, OCLC 42140002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]