Nuovo punk story

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuovo punk story
Titolo originale Desperate Living
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1977
Durata 91 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, fantastico, erotico
Regia John Waters
Soggetto John Waters
Sceneggiatura John Waters
Produttore John Waters, James McKenzie, William Platt, David Spencer
Casa di produzione New Line Cinema
Fotografia Thomas Loizeaux, John Waters
Montaggio Charles Roggero
Effetti speciali Ed Peranio, Tom Watkins
Musiche Chris Lobingier, Allen Yarus
Scenografia Vincent Peranio
Costumi Van Smith
Trucco Van Smith, Jon Aaron, Celeste Hall, Christine Mason
Interpreti e personaggi

Nuovo punk story (Desperate Living) è un film statunitense del 1977 scritto, prodotto e diretto da John Waters e interpretato da Liz Renay, Edith Massey e Mary Vivian Pearce

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Peggy, una nevrotica casalinga, e Grizelda, la sua cameriera obesa, dopo aver ucciso involontariamente il marito di Peggy, fuggono a Mortville, un paese sotto il regime della malvagia regina Carlotta e di sua figlia, la principessa Coo-Coo.

Lì vengono rinchiuse in una prigione per lesbiche, dove si uniscono ad un gruppo di ribelli per spodestare la regina. Alla fine Peggy si unirà alla regina, ma verranno poi uccise dai ribelli, e, per celebrare la loro libertà, si ciberanno del cadavere della regina.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In una scena del film è presente la frase Go home to your mother! Doesn't she ever watch you? Tell her this isn't some Communist day-care center! Tell your mother I hate her! Tell your mother I hate you!. Questa frase compare anche nell'album Portrait of an American Family (1994) dei Marilyn Manson.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel film non appare Divine, che doveva interpretare il ruolo di Mole, poiché era già impegnato in un tour teatrale che lo legava con un contratto in esclusiva. Al film doveva partecipare anche David Lochary ma morì prima delle riprese.

Molte comparse di Mortville erano senzatetto portati in loco con un pullman. Lo staff del film dovette impedire che costoro potessero allontanarsi dal set.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film venne distribuito nelle sale cinematografiche il 27 maggio 1977. Inoltre all'inizio in Italia venne distribuita una versione censurata della pellicola, intitolata Punk story, poiché in Italia stava nascendo il movimento punk rock. Successivamente il film venne ridistribuito in una versione integrale col titolo attuale, ovvero Nuovo punk story[2].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto un 70% e un 82% su Rotten Tomatoes[3].

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Punk Story (1977) - Trivia nell'Internet Movie Database
  2. ^ (EN) Punk Story (1977) - Release Info nell'Internet Movie Database
  3. ^ (EN) Desperate Living in Rotten Tomatoes, Flixster Inc.
  4. ^ (EN) Thomas Weisser, Yuko Mihara Weisser Japanese Cinema Encyclopedia: The Sex Films, Miami, Vital Books, Asian Cult Cinema Publications, 1998, p. 241. ISBN 1-889288-52-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema