Nuovo Partito Democratico - Verdi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Si riferisce a due partiti politici serbi.

Verdi di Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Verdi di Serbia
(SR) Зелени Србије
LeaderIvan Karić
StatoSerbia Serbia
Fondazione14 settembre 2007
IdeologiaAmbientalismo,
Socialdemocrazia
CollocazioneCentro-sinistra
Partito europeoPartito Verde Europeo
Affiliazione internazionaleVerdi Globali
Seggi Assemblea Nazionale
2 / 250
Sito web

Il partito fu fondato il 14 settembre 2007; nei primi mesi del 2014 ha firmato una cooperazione politica con il Nuovo Partito Democratico, una frazione politica uscita dal Partito Democratico e guidata dall'ex-presidente serbo Boris Tadić. Il partito trasformatosi e rafforzatosi in tale modo sotto la guida di Tadić ha partecipato alle elezioni parlamentari del 2014, coalizzandosi con la Lega dei Socialdemocratici di Voivodina, il partito Insieme per la Serbia, l'Unione Democratica degli Ungheresi di Voivodina e altri. La lista ha ottenuto il 5,70% dei voti e 18 deputati di cui 9 sono andati al gruppo di Tadić e 1 ai Verdi.

Nell'ottobre 2014 Tadić lascia i Verdi creando il Partito Social Democratico (erede della frazione). I Verdi in tal modo tornano a operare autonomamente. Per le elezioni del 2016 si sono candidati nelle liste del Partito Socialista di Serbia ottenendo 2 deputati.

Partito Social Democratico[modifica | modifica wikitesto]

Partito Social Democratico
(SR) Социјалдемократска странка
Socijaldemokratska stranka logo.png
PresidenteBoris Tadić
StatoSerbia Serbia
Fondazione2014
IdeologiaSocialdemocrazia
CollocazioneCentro-sinistra
Affiliazione internazionaleAlleanza Progressista
Seggi Assemblea Nazionale
5 / 250
Sito web

Questo partito venne ufficializzato come erede Nuovo Partito Democratico dopo la separazione dai Verdi ed è guidato da Tadić. Alle elezioni del 2016 ha creato una coalizione con la Lega dei Socialdemocratici di Voivodina e il Partito Liberal-Democratico. La lista unitaria ha ottenuto il 5,02% e 13 deputati di cui 5 socialdemocratici.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]