Numero di Liouville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un numero di Liouville è un numero reale che può essere approssimato "molto bene" con una successione di numeri razionali.

Formalmente, un numero x è di Liouville se per ogni numero intero positivo n esistono degli interi p e q con q > 1 tali che

.

Una definizione equivalente è che per ogni n esistono infinite coppie (p,q) di interi che verificano questa proprietà.

Si dimostra facilmente che ogni numero di Liouville è irrazionale. Nel 1844 Joseph Liouville dimostrò che i numeri che oggi portano il suo nome sono non solo irrazionali, ma anche trascendenti.

Si dimostra che i numeri di Liouville nell'intervallo [0,1] sono non numerabili, ma hanno misura 0.[1] Questo implica che non tutti i numeri trascendenti sono di Liouville, e che anzi questa classe di numeri è molto piccola rispetto all'insieme dei numeri trascendenti. Esempi di numeri trascendenti ma non di Liouville sono e e pi greco.

La costante di Liouville, che, come non è difficile dimostrare, è un esempio di numero di Liouville, è il primo numero del quale è stata dimostrata la trascendenza.

Irrazionalità[modifica | modifica wikitesto]

Supponiamo che sia x=a/b, con a e b interi, e sia n tale che 2n-1>b. Allora per ogni coppia di interi p,q tali che q > 1, p/q ≠ a/b,

contraddicendo la proprietà usata per definire i numeri di Liouville.

Trascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ogni numero di Liouville è trascendente, come fu dimostrato da Liouville nel 1844 (teorema di Liouville), sebbene l'inverso non sia sempre vero. La dimostrazione è basata sul lemma seguente.

Lemma. Per ogni algebrico irrazionale di grado n (che risolve cioè un'equazione di grado n a coefficienti interi, ma non equazioni di grado inferiore), esiste una costante A tale che per ogni coppia di interi p, q con q > 0

Dimostrazione del lemma.

Sia P(x) il polinomio minimo di α (cioè monico e di grado minimo tale che ). Poiché i polinomi sono lipschitziani in un intervallo limitato, esiste M > 0 tale che per ogni coppia a, b si ha

Quindi in particolare

Osserviamo ora che , in quanto altrimenti esisterebbe un altro polinomio a coefficienti razionali di grado minore che ha ancora come radice, contro le ipotesi. Da ciò segue anche la diseguaglianza , perché si possono ridurre tutti i termini di P(p/q), allo stesso denominatore qn, e ciò dimostra il lemma.

Dimostrazione della trascendenza dei numeri di Liouville. Supponiamo ora che il numero di Liouville sia algebrico di grado n, e sia A una costante positiva arbitraria e r tale che . Se m=r+n, allora, per la definizione di numero di Liouville, si ha

il che contraddice l'algebricità di , per il lemma precedente e l'arbitrarietà di A.

La costante di Liouville[modifica | modifica wikitesto]

Un particolare numero di Liouville è la cosiddetta costante di Liouville. Essa è pari a

È facile dimostrare che essa è un numero di Liouville: ponendo infatti

(che sono numeri interi) si ottiene

e quindi c verifica la definizione di numero di Liouville, in quanto questa relazione vale per ogni intero positivo n.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.math.sc.edu/~filaseta/gradcourses/Math785/Math785Notes5.pdf

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Giusti, Analisi matematica 1, Giusti, Torino 1988, ISBN 8833956849
Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica