Nucleo Investigativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nucleo Investigativo
Descrizione generale
NazioneItalia Italia
ServizioMinistero della Difesa

Ministero dell'Interno

Arma dei Carabinieri
RuoloGruppo investigativo polivalente
DimensioneNumero sconosciuto
Guarnigione/QGTutte le 102 caserme sedi di un Comando Provinciale, + le 14 sedi aggiuntive di rinforzo dei comandi di gruppo
Soprannome"Reparto"; "RONInv." (Reparto Operativo Nucleo Investigativo)
carabinieri.it
Voci su gendarmerie presenti su Wikipedia

Il Nucleo Investigativo è l'organo investigativo dell'Arma dei Carabinieri più rilevante a livello nazionale: presente in ogni Reparto Operativo di Comando Provinciale o Comando di Gruppo. in tutta Italia si contano 116 uffici (102 provinciali più altri 14 aggiuntivi), uno ogni mezzo milione di abitanti.

Si può vedere, in un certo senso, come la controparte della Squadra Mobile della Polizia di Stato.

Il numero di militari che vi lavorano non è conosciuto, possono variare in base alla grandezza del Comando Provinciali in cui operano. Questi carabinieri lavorano esclusivamente in abiti civili, ufficiali compresi. Il grado del comandante può variare da capitano a tenente colonnello (nelle province più grandi).[1]

Gli uomini del Nucleo Investigativo si occupano delle indagini relative ai crimini e ai fatti maggiormente rilevanti, quelli che destano particolare allarme sociale nel territorio della provincia o che comunque interessino quest'ultima (per queste ragioni le attività si spingono molto spesso fuori dalla provincia stessa).[2]

Il tipo di indagini e servizi svolti riguardano in genere:

Il Nucleo Investigativo nel corso degli anni si è chiamato Nucleo Operativo, e ancora oggi è abitudine continuare a chiamarlo così. Ma tra Nucleo Investigativo e Nucleo Operativo vi sono delle differenze:

  • Con Nucleo Operativo si è sempre intesa l'aliquota investigativa del NORM- Nucleo Operativo e Radiomobile (formalmente denominata, tuttavia, "Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile" e non Nucleo Operativo), presente in ogni Comando Compagnia, ma di conseguenza operante ciascuno su una parte più ristretta della Provincia, e con competenze su reati meno gravi o fenomeni criminali di piccola-media estensione. "Nucleo Operativo" in senso stretto dovrebbe tuttora chiamarsi l'aliquota investigativa di quelle Compagnie presenti in quartieri di grandi aree urbane, dove il Nucleo Radiomobile è centralizzato, per cui non esiste un'aliquota radiomobile di Compagnia, ma solo, per l'appunto, un'aliquota investigativa. Dovrebbe essere il caso, ad esempio, di Roma, dove il Nucleo Radiomobile è unico e non esistono NORM di Compagnia distaccata, ma solo Nuclei Operativi.
  • il Nucleo Investigativo, invece, è sempre un'aliquota investigativa (come di fatto il Nucleo Operativo), ma del Reparto Operativo del Comando Provinciale, ha dunque competenza su reati più eclatanti e su attività criminali maggiormente diffuse che interessano tutto il territorio della provincia di propria giurisdizione, ma anche di altre province, qualora si verifichino indagini più estese (e ciò capita molto spesso).

In definitiva, entrambi gli uffici investigativi si possono considerare "nuclei operativi", ma il primo risponde al Comando Compagnia (parte della provincia, reati meno gravi), mentre il secondo al Comando Provinciale (tutta la provincia e oltre, reati più gravi)

Viene anche chiamato per sineddoche "Reparto Operativo" o più semplicemente "Reparto", ma in realtà è solo una delle tre articolazioni del Reparto Operativo, assieme al Nucleo Informativo (che gestisce la raccolta di informazioni utili alle indagini) e alla Centrale Operativa (che si occupa dei centralini e delle comunicazioni in generale).

Non c'è un modello organizzativo unico per tutti i Nuclei, ma quelli dislocati nelle città più grandi (Milano, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Foggia, Reggio Calabria, Catanzaro, Catania, Palermo e Cagliari) si suddividono distintamente per specialità, chiamate "Sezioni" comandate da un ufficiale o un sottuficiale anziano, data la vastità e la frequenza dei più disparati fenomeni criminali.

Note[modifica | modifica wikitesto]