Nuclei per la Difesa dello Stato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuclei di Difesa dello Stato
Attiva1960 - 1970
NazioneItalia Italia
Contestoanni di piombo
Ideologiaanticomunismo
Componenti
Attività

I Nuclei di Difesa dello Stato (o Legioni) sono stati una presunta organizzazione paramilitare clandestina, la cui esistenza è evidenziata solo attraverso testimonianze e per la quale non esiste una chiara documentazione scritta che ne comprovi l'esistenza.

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

In occasione dell'istruttoria milanese del giudice Gerardo D'Ambrosio su piazza Fontana era già emerso che dei "Nuclei di difesa dello Stato" avevano firmato "2000 volantini diretti ai militari, invitandoli a unirsi contro l'imminente pericolo comunista (...) per questi volantini che concretizzavano il reato di apologia di reato, Freda e Ventura sono stati condannati con sentenza definitiva nell'ambito del processo di Piazza Fontana"[1],

L'indagine padovana sulla Rosa dei venti fece emergere l'esistenza di un'operazione militare[2] definita "Nuclei per la difesa dello Stato": essa era ideata per potenziare il dispositivo anticomunista nella fase più acuta degli scontri tra frange estremiste dal 1964 (piano Solo) al 1973[3].

Una delle testimonianze più dirette dei suoi scopi è rappresentata dalle dichiarazioni del generale Amos Spiazzi, che - a vent'anni dalle prime indagini padovane che lo coinvolsero - ha dettagliato con maggiore precisione l'operazione nell'inchiesta del giudice Salvini, consentendogli di legare i Nuclei scoperti da D'Ambrosio con quelli scoperti da Tamburino. Nella sua sentenza-ordinanza del 1995, il giudice ha affermato che "a partire dal 1966/1967 e sino al 1973, si affiancò a Gladio una seconda struttura denominata Nuclei di Difesa dello Stato, anch'essa addestrata al piano di sopravvivenza e i cui componenti erano suddivisi secondo funzioni specifiche analoghe a quelle di Gladio"[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Commissione stragi, XII legislatura, Seduta n. 35 del 15 novembre 1995, p. 9, in Archivio storico del Senato, ASSR, Terrorismo e stragi (X-XIII leg.), 1.35.
  2. ^ 4. I Nuclei per la Difesa dello Stato − archivio900.it, su www.archivio900.it. URL consultato il 10 dicembre 2017.
  3. ^ Per Guido Salvini "è emerso con assoluta concordanza di [di]chiarazioni che i nuclei di difesa dello Stato si sono sciolti alla fine del 1973 (...) la struttura fu sciolta perché ci si accorse che il giudice Tamburino di Padova stava penetrando con le sue indagini in questa struttura golpista e non era quindi opportuno mantenerla in piedi affinché non fosse rivelata": Commissione stragi, XII legislatura, Seduta n. 35 del 15 novembre 1995, p. 9, in Archivio storico del Senato, ASSR, Terrorismo e stragi (X-XIII leg.), 1.35.
  4. ^ Sentenza ordinanza del Giudice Guido Salvini (1995) sull’eversione dell’estrema destra, PARTE SETTIMA, Capitolo 48.
Storia d'Italia Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia d'Italia