Nuclei Armati per il Contropotere Territoriale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I Nuclei Armati per il Contropotere Territoriale, NACT, sono stati un'organizzazione armata di estrema sinistra italiana, che rivendicò l'omicidio di Franco Bigonzetti e Francesco Ciavatta in quella che passò alle cronache come la Strage di Acca Larenzia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 gennaio 1978 un gruppo terroristico uccise due giovani militanti del MSI mentre uscivano dalla sede di via Acca Larentia a Roma. Altri tre militanti riuscirono a sfuggire all'agguato, riparando all'interno della sede del partito.

Il raid fu rivendicato alcuni giorni dopo tramite una cassetta audio, fatta ritrovare accanto a una pompa di benzina, in cui la voce contraffatta di un giovane, a nome dei Nuclei Armati per il Contropotere Territoriale, leggeva il seguente comunicato:

«Un nucleo armato, dopo un'accurata opera di controinformazione e controllo alla fogna di via Acca Larenzia, ha colpito i topi neri nell'esatto momento in cui questi stavano uscendo per compiere l'ennesima azione squadristica. Non si illudano i camerati, la lista è ancora lunga. Da troppo tempo lo squadrismo insanguina le strade d'Italia coperto dalla magistratura e dai partiti dell'accordo a sei. Questa connivenza garantisce i fascisti dalle carceri borghesi, ma non dalla giustizia proletaria, che non darà mai tregua. Abbiamo colpito duro e non certo a caso, le carogne nere sono picchiatori ben conosciuti e addestrati all'uso delle armi.»

(Rivendicazione della strage di Acca Larenzia a nome dei "Nuclei Armati di Contropotere territoriale")

La sigla terroristica a Roma era nota solo per un piccolo attentato incendiario ai danni della sezione della Democrazia Cristiana di viale della Serenissima, tanto che si è ipotizzato che la sigla sia stata utilizzata a soli fini di depistaggio delle indagini di polizia, da un gruppo terroristico ben strutturato. [1]

Ma alla stessa sigla sono da riportare numerose azioni terroristiche avvenute a Bergamo tra il 1978 e il 1979.[2] [3]La Procura della Repubblica di Bergamo attribuisce all'organizzazione sovversiva, organizzata a Bergamo a partire dal 1978 da Maurizio Lombino, numerose azioni terroristiche, tra le quali l'omicidio dell'appuntato dei Carabinieri Giuseppe Gurrieri,[4] la gambizzazione del medico del carcere di Bergamo dott. Gualterori, e l'attentato dinamitardo del 1979 ai danni dell'abitazione del Direttore carcerario.[5]

Nel 1980 il pentito Maurizio Lombino dichiarò che i Nuclei Armati non avevano una organizzazione strutturata, ma agivano con modalità spontanee ed autonome. [2] La pentita Nadia Todini, la cui testimonianza nel 1983 portò all'accusa di Mario Scrocca, Fulvio Turrini, Cesare Cavallari, Francesco de Martiis, e Daniela Dolce quali esecutori degli omicidi di via Acca Larentia, dichiarò di aver assistito ad una discussione in cui si parlava della realizzazione di un timbro con la scritta “Nuclei Armati per il contropotere territoriale”.[2]

Nel 2012 il Sottosegretario di Stato del Ministero dell'interno dichiarò che il gruppo derivava dal gruppo terroristico “Squadre armate proletarie”, operativo dal novembre del 1975 nella provincia di Roma, e ritenuto responsabile di alcune azioni operate ai danni di sedi dell'MSI. [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Acca Larentia, quello che non è stato mai detto. Intervista a Valerio Cutonilli
  2. ^ a b c La strage di Acca Larentia e il mistero della mitraglietta Skorpion su Nazionalpopolare70
  3. ^ Bergamo violenta: la fine degli anni Settanta in provincia
  4. ^ Bergamo non ha mai fatto i conti con gli Anni di Piombo
  5. ^ Commissione parlamentare d'inchiesta sulle stragi di via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro, e sul Terroismo in Italia. Allegato alla Relazione. Atti Giuziziari. Atti della Procura di Bergamo, Requisitoria dei PM, Roma 1993. Documento XXIII, numero 5, volume 83.
  6. ^ PROPOSTA DI LEGGE del 17 giugno 2016 dal sito Camera.it