Nqwebasaurus thwazi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nqwebasaurus
Immagine di Nqwebasaurus thwazi mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Coelurosauria
Genere Nqwebasaurus
Specie N. thwazi

Il nqwebasauro (Nqwebasaurus thwazi) è un dinosauro carnivoro appartenente ai celurosauri, vissuto tra il Giurassico superiore e il Cretaceo inferiore (Titoniano/Valanginiano, 145-135 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Sudafrica. È il più antico rappresentante dei celurosauri nei continenti meridionali.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo dinosauro è conosciuto grazie a uno scheletro parziale, comprendente un cranio parziale, alcune vertebre cervicali e dorsali, un pube, zampe anteriori e posteriori quasi complete e alcune costole ventrali (gastralia). L'esemplare è quasi sicuramente un giovane (a causa del grado di fusione tra le ossa), lungo circa 90 centimetri e alto circa 30 centimetri. Si suppone che un esemplare adulto possa aver raggiunto il metro e mezzo di lunghezza. Nqwebasaurus era dotato di un corpo snello, con lunghe zampe posteriori e corte zampe anteriori; l'omero era robusto, e la mano era allungata e dotata di tre dita. Il primo dito era ben sviluppato e potrebbe essere stato opponibile alle altre due, ed era presente un artiglio ricurvo piuttosto ingrandito.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Rinvenuto nella formazione Kirkwood (da qui il soprannome "Kirky" attribuito all'animale) nel 2000, Nqwebasaurus è considerato un membro primitivo dei celurosauri, forse imparentato con Ornitholestes, del Giurassico americano. Il nome deriva dalla parola di lingua Xhosa "Nqweba", che indica la regione di Kirkwood dove è stato trovato l'esemplare. L'epiteto specifico, thwazi, deriva da un'altra parola Xhosa, che significa "veloce corridore", con riferimento alla natura da predatore attivo dell'animale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]