Nove poeti lirici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I nove poeti lirici

I nove poeti lirici sono i lirici greci inseriti nel canone alessandrino dai grammatici Aristofane di Bisanzio e Aristarco di Samotracia, con l'obiettivo di selezionare gli autori greci più notevoli per la purezza della lingua greca.

Essi furono:

  1. Alceo di Mitilene (lirica monodica, VII secolo a.C.)
  2. Saffo di Lesbo (lirica monodica, VII secolo a.C.)
  3. Anacreonte di Teo (lirica monodica, VI secolo a.C.)
  4. Alcmane di Sparta (lirica corale, VII secolo a.C.)
  5. Stesicoro di Metauro (lirica corale, VI secolo a.C.)
  6. Ibico di Reggio (lirica corale, VI secolo a.C.)
  7. Simonide di Ceo (lirica corale, V secolo a.C.)
  8. Bacchilide di Ceo (lirica corale, V secolo a.C.)
  9. Pindaro di Tebe (lirica corale, V secolo a.C.)

Secondo il significato letterale dell'aggettivo "lirico", gli alessandrini tralasciarono gli scrittori di elegie o di giambi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]