Nouri Bouzid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nouri Bouzid, Cines del Sur 2007

Nouri Bouzid (in arabo: نوري بوزيد‎) (Sfax, 1945) è un regista e sceneggiatore tunisino. Due dei suoi film (L'uomo di cenere e Making Off) hanno ottenuto il premio Tanit d'oro alle Giornate cinematografiche di Cartagine.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un'infanzia trascorsa in Tunisia, nel 1968 emigra in Belgio dove studia cinema fino al 1972. Tornato in patria, passa cinque anni in prigione per le sue convinzioni politiche. Questa esperienza verrà rievocata nei suoi film attraverso scene violente, alcune delle quali rappresentano un carcerato selvaggiamente picchiato e umiliato. Nel 1986 il suo primo film, L'uomo di cenere, viene selezionato al Festival di Cannes e vince il primo premio al festival cinematografico di Cartagine.

I film di Nouri Bouzid trattano problematiche radicate nella cultura della moderna Tunisia: ognuno di essi, infatti, riguardando un argomento di volta in volta diverso che viene affrontato nella sua interezza e nella maniera più cruda e realistica, offre uno spaccato della società tunisina che, film dopo film, prende sempre più corpo fino a diventare un qualcosa di concreto vicino allo spettatore, simbolo della voglia di modernizzazione e di liberalizzazione che si scontra contro le ingiustizie e i pregiudizi del modo di pensare comune tradizionale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 2013
Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres (Francia)
— 2009
Commendatore dell'Ordine Nazionale al Merito (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Nazionale al Merito (Tunisia)
— 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61752480 · ISNI (EN0000 0000 5337 3901 · LCCN (ENno99049263 · GND (DE1068793007 · BNF (FRcb14082149g (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no99049263