Notting Hill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Notting Hill (Londra))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Notting Hill (disambigua).
Il multietnico carnevale di Notting Hill del 2006.

Notting Hill è un quartiere residenziale di Londra, appartenente al Municipio di Kensington and Chelsea. È situato nella parte occidentale della prima fascia urbana, la più interna, ed è identificato con il codice W11.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Notting Hill si estende da Notting Hill Gate, dove è situata l'omonima stazione della metropolitana di Londra (con le linee Central, Circle e District), fino a Portobello Road, strada dove si tiene il caratteristico mercato.

Il quartiere ospita inoltre due cinema e un ostello (Sweden Court) ed è dominato dal famoso grattacielo.

Il carnevale[modifica | modifica wikitesto]

L'ultimo fine settimana di agosto si svolge il variopinto carnevale caraibico, un evento che dura una settimana e attrae ogni anno migliaia di persone in strada e conta la partecipazione di svariati carri, attrezzati con sound system, che sfilano per il quartiere. Il primo carnevale si ebbe nel lontano 1961 ad opera di immigrati sudamericani caraibici che volevano portare un po' della loro tradizione a Londra.

Il carnevale è anche causa di numerosi danni e scontri tra manifestanti e polizia[1].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

A Notting Hill è ambientato l'omonimo film sentimentale del 1999 con Julia Roberts e Hugh Grant, in cui protagonista gestisce una caratteristica libreria collocata nel cuore del quartiere.

Gilbert Keith Chesterton vi ambientò Il Napoleone di Notting Hill, un romanzo dove si racconta come il quartiere riuscì a combattere contro gli eserciti dei quartieri confinanti. Nel romanzo Il mastino dei Baskerville di Arthur Conan Doyle si fa riferimento a Notting Hill per introdurre il personaggio di Selden, chiamato "L'assassino di Notting Hill".

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nick Yapp, Rupert Tenison, Londra i segreti e gli splendori, Milano, Könemann Verlagsgesellschaft mbH, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN156074719 · GND: (DE4446369-8

Coordinate: 51°30′34.56″N 0°12′15.48″W / 51.5096°N 0.2043°W51.5096; -0.2043