Notazione a cammello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
CamelCase

La notazione a cammello (in inglese: camel case, lett. "carattere a cammello") è la pratica nata durante gli anni Settanta di scrivere parole composte o frasi unendo tutte le parole tra loro, ma lasciando le loro iniziali maiuscole. Il nome deriva dai "salti" all'interno di una parola, che fanno venire in mente le gobbe di un cammello. La prima lettera può essere sia maiuscola (es. CamelCase), come il nome delle classi in Java, che minuscola (es. camelCase), come le proprietà di un oggetto in Java. Nel caso di prima lettera maiuscola si parla anche di Pascal case, dato che questa nomenclatura ha origine dal Pascal.

La notazione a cammello è stata la prima convenzione usata dai wiki per la creazione dei wikilink: l'idea è che è immediato per un sistema automatico riconoscere questo tipo di parole e convertirle in un collegamento. Il problema legato alla necessità di avere sempre almeno due parole per comporre un link ha in seguito portato all'uso della convenzione tra doppie quadre[1][2][3][4].

L'uso di una simile pratica è però molto anteriore: tralasciando i cognomi come McCartney, alcuni esempi degli anni cinquanta come CinemaScope.

Varianti e sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Il nome originale dello studio, utilizzato negli studi sui media, nella grammatica e nell'Oxford English Dictionary, era "medial capital". Altri sinonimi includono:

  • Notazione camelBack (o camel-back) o CamelCaps
  • CapitalizedWords o CapWords per le notazioni a cammello maiuscole in Python
  • CompoundNames (nomi composti)
  • Embedded capitals (Maiuscole incorporate)
  • Notazione HumpBack (o hump-back)
  • InterCaps o intercapping (abbreviazione di Internal Capitalization)
  • MixedCase per notazione a cammello minuscola in Python
  • PascalCase per notazione a cammello maiuscola (dopo il linguaggio di programmazione Pascal)
  • Smalltalk case
  • WikiWord o WikiCase (specialmente nei wiki più vecchi)

La prima occorrenza conosciuta del termine "InterCaps"su Usenet è in un post dell'aprile 1990 al gruppo alt.folklore.computers di Avi Rappoport. Il primo uso del nome "Camel Case" ("notazione a cammello") si verifica nel 1995, in un post di Newton Love[5]. Egli ha detto da allora: "Con l'avvento dei linguaggi di programmazione che hanno questo tipo di costrutti, la gobba dello stile mi ha fatto chiamare HumpyCase all'inizio, prima di scegliere CamelCase. Lo chiamavo CamelCase per anni... La citazione sopra è stata solo la prima volta che ho usato il nome su USENET."

Uso tradizionale in linguaggio naturale[modifica | modifica wikitesto]

In combinazioni di parole[modifica | modifica wikitesto]

L'uso delle maiuscole mediali come convenzione nell'ortografia regolare dei testi di tutti i giorni è raro, ma viene utilizzato in alcune lingue come soluzione a problemi particolari che sorgono quando due parole o segmenti vengono combinati.

In italiano, i pronomi possono essere suffissi ai verbi, e poiché la forma onorifica dei pronomi in seconda persona è maiuscola, questo può produrre una frase come non ho trovato il tempo di risponderLe ("Non ho trovato il tempo di risponderti"- dove Le significa "per te").

In tedesco, la lettera mediale maiuscola I, chiamata Binnen-I, è talvolta usata in una parola come StudentInnen ("studenti") per indicare che sia Studenten ("studenti maschi") e Studentinnen ("studentesse") sono intese simultaneamente. Tuttavia, le lettere maiuscole a metà parola non sono conformi all'ortografia tedesca a parte i nomi propri come McDonald ; l'esempio precedente potrebbe essere scritto correttamente usando le parentesi come Student (inn) en, analogo a "congress (wo) men"in inglese[6].

In irlandese, la notazione a cammello è usata quando un prefisso flessivo è attaccato a un nome proprio, per esempio i nGaillimh ("a Galway"), da Gaillimh ("Galway"); an tAlbanach ("la persona scozzese"), da Albanach ("persona scozzese"); e go hÉirinn ("in Irlanda"), da Éire ("Irlanda"). Nella recente ortografia gaelica scozzese è stato inserito un trattino: a t-Albannach.

Questa convenzione è utilizzata anche da diverse lingue bantu scritte (ad es. KiSwahili, "lingua swahili"; isiZulu, "lingua zulu") e da diverse lingue indigene del Messico (ad es. Nahuatl, Totonacan, Mixe-Zoque e alcune lingue otomanguea).

In olandese, quando si utilizza il digrafo ij in maiuscolo, sia la lettera I che la lettera J sono in maiuscolo, ad esempio nel nome di campagna IJsland ("Islanda").

Nel pinyin cinese, la notazione a cammello viene talvolta utilizzata per i nomi dei luoghi in modo che i lettori possano individuare più facilmente le diverse parti del nome. Ad esempio, luoghi come Pechino (Beijing) (北京), Qinhuangdao (秦皇岛), e Daxing'anling (大兴安岭) possono essere scritte come BeiJing, QinHuangDao, e DaXingAnLing, rispettivamente, con il numero di lettere maiuscole eguagliando il numero di caratteri cinesi. La scrittura di parole composte solo dalla lettera iniziale di ogni carattere è accettabile in alcuni casi, quindi Pechino può essere scritta come BJ, Qinghuangdao come QHD e Daxing'anling come DXAL.

In inglese, le maiuscole mediali si trovano di solito solo nei nomi scozzesi o irlandesi "Mac-"o "Mc-", dove ad esempio MacDonald, McDonald e Macdonald sono varianti ortografiche comuni con lo stesso nome, e in anglo-normanno nomi "Fitz-", dove ad esempio si trovano sia FitzGerald che Fitzgerald.

Nella loro guida in stile inglese The King's English, pubblicata per la prima volta nel 1906, HW e FG Fowler hanno suggerito che le maiuscole mediali potrebbero essere usate in parole composte triple dove i trattini causerebbero ambiguità: gli esempi che danno sono KingMark-like (rispetto a King Mark-like) e Anglo-SouthAmerican (rispetto a Anglo-South American). Tuttavia, hanno descritto il sistema come "troppo irrimediabilmente contrario all'uso attuale"[7].

Nelle traslitterazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella traslitterazione scientifica di lingue scritte in altre scritture, le maiuscole mediali sono usate in situazioni simili. Ad esempio, in ebraico traslitterato, ha'I vri significa "la persona ebraica"o "l'ebreo" e b'Yerushalayim significa "a Gerusalemme". Nei nomi propri tibetani come rLobsang, la "r" sta per un glifo del prefisso nella scrittura originale che funziona come un indicatore di tono piuttosto che una normale lettera. Un altro esempio è ts I urku, una trascrizione latina del termine ceceno per la pietra di copertura delle caratteristiche torri difensive medievali di Cecenia e Inguscezia; la "I" maiuscola qui denota un fonema distinto da quello trascritto come "i".

In abbreviazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le maiuscole mediali sono tradizionalmente utilizzate nelle abbreviazioni per riflettere le maiuscole che le parole avrebbero una volta scritte per intero, ad esempio nei titoli accademici PhD o BSc. In tedesco, i nomi degli statuti sono abbreviati utilizzando lettere maiuscole incorporate, ad esempio StGB per Strafgesetzbuch (codice penale), PatG per Patentgesetz (legge sui brevetti), BVerfG per Bundesverfassungsgericht (Corte costituzionale federale), o la molto comune GmbH, per Gesellschaft mit beschränkter Haftung (società a responsabilità limitata). In questo contesto, possono esserci anche tre o più notazioni a cammello maiuscole, ad esempio in TzBfG per Teilzeit- und Befristungsgesetz (Legge sul part-time e sulle occupazioni a tempo limitato). In francese, acronimi in caso di notazione a cammello come OuLiPo (1960) sono stati favoriti per un certo periodo come alternative agli inizialismi.

La notazione a cammello è spesso usata per traslitterare le iniziali in alfabeti in cui possono essere necessarie due lettere per rappresentare un singolo carattere dell'alfabeto originale, ad esempio, DShK dal cirillico ДШК.

Storia dell'uso tecnico moderno[modifica | modifica wikitesto]

Formule chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Il primo uso sistematico e diffuso delle maiuscole mediali per scopi tecnici fu la notazione per formule chimiche inventata dal chimico svedese Jacob Berzelius nel 1813. Per sostituire la moltitudine di convenzioni di denominazione e simboli utilizzate dai chimici fino a quel momento, propose di indicare ciascuna sostanza chimica elemento da un simbolo di una o due lettere, la prima maiuscola. Le maiuscole consentivano di scrivere formule come "NaCl "senza spazi e di essere analizzate senza ambiguità[8][9].

Il sistema di Berzelius continua ad essere utilizzato, aumentato con simboli di tre lettere come "Uue "per elementi non confermati o sconosciuti e abbreviazioni per alcuni sostituenti comuni (specialmente nel campo della chimica organica, ad esempio "Et" per "etile-"). Questo è stato ulteriormente esteso per descrivere le sequenze amminoacidiche di proteine e altri domini simili.

Uso precoce nei marchi[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inizio del XX secolo, le maiuscole mediali sono state occasionalmente utilizzate per nomi di società e marchi di prodotti, come

  • DryIce Corporation (1925) commercializzò la forma solida di anidride carbonica (CO2) come "ghiaccio secco", portando così al suo nome comune[10].
  • CinemaScope e VistaVision, formati di film widescreen rivali (1953)
  • ShopKo (1962), negozi al dettaglio, successivamente ribattezzato Shopko
  • MisteRogers Neighbourhood, la serie TV chiamata anche Mister Rogers' Neighbourhood (1968)[11]
  • ChemGrass (1965), successivamente ribattezzato AstroTurf (1967)
  • ConAgra (1971), già Consolidated Mills
  • MasterCraft (1968), un produttore di barche sportive
  • AeroVironment (1971)
  • PolyGram (1972), precedentemente Grammophon-Philips Group.
  • United HealthCare (1977)
  • MasterCard (1979), precedentemente Master Charge
  • SportsCenter (1979)

Aziende e prodotti di computer[modifica | modifica wikitesto]

Qualunque sia la sua origine nel campo dell'informatica, la convenzione è stata utilizzata nei nomi delle società di computer e dei loro marchi commerciali, sin dalla fine degli anni '70, una tendenza che continua ancora oggi:

  • (1977) CompuServe
  • (1978) WordStar
  • (1979) VisiCalc
  • (1982) MicroProse, WordPerfect
  • (1983) NetWare
  • (1984) LaserJet, MacWorks, PostScript
  • (1985) PageMaker
  • (1987) ClarisWorks, HyperCard, PowerPoint
  • (1990) WorldWideWeb, successivamente ribattezzato Nexus

Diffusione nell'uso mainstream[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '80 e '90, dopo che l'avvento del personal computer ha esposto al mondo la cultura hacker, la notazione a cammello è diventata di moda anche per i nomi commerciali delle società in settori non informatici. L'utilizzo mainstream era ben consolidato nel 1990:

  • (1980) EchoStar
  • (1984) BellSouth
  • (1985) EastEnders
  • (1986) SpaceCamp
  • (1990) HarperCollins, SeaTac
  • (1998) PricewaterhouseCoopers, fusione di Price Waterhouse e Coopers

Durante la bolla delle dot-com della fine degli anni '90, i prefissi minuscoli "e" (per "elettronico") e "i" (per "Internet",[12]"informazione", "intelligente", ecc.) Divennero abbastanza comuni, dando luogo a nomi come di Apple 's iMac e l'eBox piattaforma software.

Nel 1998, Dave Yost suggerì che i chimici usassero le maiuscole mediali per facilitare la leggibilità di nomi chimici lunghi, ad esempio scrivono AmidoPhosphoRibosylTransferase invece di amidophosphoribosyltransferase[13]. Questo uso non è stato ampiamente adottato.

La notazione a cammello viene talvolta utilizzata per i nomi abbreviati di alcuni quartieri, ad esempio i quartieri di New York City SoHo ( So uth of Ho uston Street) e TriBeCa ( Tri angle Be low Ca nal Street) e San Francisco's SoMa (So uth of Ma rket). Tali usi si deteriorano rapidamente, quindi i quartieri ora sono tipicamente resi come Soho, Tribeca e Soma.

La capitalizzazione interna è stata utilizzata anche per altri codici tecnici come HeLa (1983).

Utilizzo attuale nell'informatica[modifica | modifica wikitesto]

Programmazione e codifica[modifica | modifica wikitesto]

L'uso di medial caps per gli identificatori di composti è consigliato dalle linee guida sullo stile di codifica di molte organizzazioni o progetti software. Per alcune lingue (come Mesa, Pascal, Modula, Java e .NET) questa pratica è raccomandato dagli sviluppatori lingua o manuali autorevoli e ha quindi a far parte della 'cultura' del linguaggio.

Le linee guida di stile spesso distinguono tra maiuscole e minuscole, tipicamente specificando quale varietà dovrebbe essere utilizzata per tipi specifici di entità: variabili, campi record, metodi, procedure, funzioni, subroutine, tipi, ecc. Queste regole sono talvolta supportate da strumenti di analisi statica che controlla il codice sorgente per verificarne l'aderenza.

La notazione originale ungherese per la programmazione, ad esempio, specifica che un'abbreviazione minuscola per il "tipo di utilizzo" (non il tipo di dati) deve anteporre a tutti i nomi delle variabili, con il resto del nome in lettere maiuscole; come tale è una forma di notazione a cammello inferiore.

Gli identificatori di programmazione spesso devono contenere acronimi e iniziali già in maiuscolo, come "vecchio file HTML". Per analogia con le regole delle maiuscole / minuscole del titolo, il rendering della notazione a cammello naturale avrebbe l'abbreviazione tutta in maiuscolo, cioè "oldHTMLFile". Tuttavia, questo approccio è problematico quando due acronimi ricorrono insieme (ad esempio, "parse DBM XML" diventerebbe "parseDBMXML") o quando lo standard impone minuscole e minuscole ma il nome inizia con un'abbreviazione (ad es. "SQL server" diventerebbe "sQLServer "). Per questo motivo, alcuni programmatori preferiscono trattare le abbreviazioni come se fossero parole minuscole e scrivere "oldHtmlFile", "parseDbmXml" o "sqlServer". Tuttavia, questo può rendere più difficile riconoscere che una determinata parola è intesa come acronimo.

Markup link Wiki[modifica | modifica wikitesto]

La notazione a cammello viene utilizzata in alcuni linguaggi di markup wiki per termini che dovrebbero essere collegati automaticamente ad altre pagine wiki. Questa convenzione era originariamente utilizzata nel software wiki originale di Ward Cunningham, WikiWikiWeb, e può essere attivata nella maggior parte degli altri wiki. Alcuni motori wiki come TiddlyWiki, Trac e PmWiki lo utilizzano nelle impostazioni predefinite, ma di solito forniscono anche un meccanismo di configurazione o un plugin per disabilitarlo. Wikipedia in precedenza utilizzava anche il collegamento della notazione a cammello, ma è passata al markup del collegamento esplicito utilizzando parentesi quadre e molti altri siti wiki hanno fatto lo stesso. Alcuni wiki che non utilizzano il collegamento della notazione a cammello possono ancora utilizzare la notazione a cammello come convenzione di denominazione, come AboutUs.

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

Il registro NIEM richiede che gli elementi di dati XML utilizzino la notazione a cammello maiuscola e gli attributi XML utilizzino quella minuscola.

Le interfacce della riga di comando e i linguaggi di scripting più diffusi non sono in grado di gestire facilmente i nomi di file che contengono spazi incorporati (di solito richiedono che il nome venga messo tra virgolette). Pertanto, gli utenti di questi sistemi ricorrono spesso a lettere maiuscole (o trattini bassi [underscore], tratti d'unione [hyphens] e altri caratteri "sicuri") per nomi di file composti come MyJobResume.pdf.

I servizi di microblogging e di social networking che limitano il numero di caratteri in un messaggio sono potenziali sbocchi per le capitali mediali. L'uso di lettere maiuscole tra le parole riduce il numero di spazi, e quindi il numero di caratteri, in un dato messaggio, consentendo a più contenuti di adattarsi allo spazio limitato. Gli hashtag, specialmente quelli lunghi, usano spesso le maiuscole per mantenere la leggibilità (ad esempio #CollegeStudentProblems è più facile da leggere rispetto a #collegestudentproblems).

Negli URL dei siti Web, gli spazi sono codificati in percentuale come "% 20", rendendo l'indirizzo più lungo e meno leggibile. Omettendo gli spazi, la notazione a cammello non presenta questo problema.

Studi sulla leggibilità[modifica | modifica wikitesto]

La notazione a cammello è stata criticata in quanto ha un impatto negativo sulla leggibilità a causa della rimozione di spazi e delle maiuscole di ogni parola.

Uno studio del 2009, che ha confrontato lo snake case con la notazione a cammello, ha scoperto che gli identificatori della notazione a cammello potevano essere riconosciuti con maggiore precisione sia tra i programmatori che tra i non programmatori e che i programmatori già addestrati nella notazione a cammello erano in grado di riconoscere quegli identificatori più velocemente degli identificatori del caso del serpente sottolineati.

Uno studio di follow-up del 2010, alle stesse condizioni ma utilizzando un metodo di misurazione migliorato con l'uso di apparecchiature per il tracciamento degli occhi, indica: "Mentre i risultati non indicano alcuna differenza di accuratezza tra i due stili, i soggetti riconoscono gli identificatori nello stile di sottolineatura più rapidamente. "

L'incoerenza di stili composti da più parole o combinazioni di stili all'interno di un unico nome possono creare confusione. Un esempio interessante è "Licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported", che nomina una "cosa" utilizzando tre metodi di combinazione di più parole contemporaneamente: spazio, trattino e CamelCase superiore. Le difficoltà sorgono quando viene creata una nuova cosa combinando le cose con diverse convenzioni di denominazione. Quando la creazione è dinamica e continua nel tempo, può essere più complicato cercare di trasformare i singoli stili nativi in uno stile generale coerente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Naming Conventions, su docs.scala-lang.org, Scala. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  2. ^ Capitalization Styles - .NET Framework 1.1, su msdn.microsoft.com. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  3. ^ Camel Case, su c2.com. URL consultato il 10 marzo 2016.
  4. ^ Ada 95 Quality and Style Guide, su adaic.org, ottobre 1995, Section 3.1.3. URL consultato il 25 gennaio 2020.
  5. ^ Newton Love, I'm happy again! – comp.os.os2.advocacy | Google Groups, su Groups.google.com, 12 settembre 1995. URL consultato il 23 maggio 2009.
  6. ^ (DE) Richtiges und gutes Deutsch: Das Wörterbuch der sprachlichen Zweifelsfälle, Duden, vol. 9, 7th, Mannheim, Bibliographisches Institut, 2011, p. 418, ISBN 978-3-411-04097-1.
  7. ^ Henry W. Fowler e Francis G. Fowler, Chapter IV. Punctuation – Hyphens, in The King's English, 2nd, Oxford, 1908. URL consultato il 19 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2009).
  8. ^ Jöns Jacob Berzelius (1813). Essay on the Cause of Chemical Proportions and on Some Circumstances Relating to Them: Together with a Short and Easy Method of Expressing Them. Annals of Philosophy 2, 443-454, 3, 51-52; (1814) 93-106, 244-255, 353-364.
  9. ^ Henry M. Leicester & Herbert S. Klickstein, eds. 1952, A Source Book in Chemistry, 1400-1900 (Cambridge, MA: Harvard)
  10. ^ The Trade-mark Reporter, v. 20, United States Trademark Association, 1930, ISBN 1-59888-091-8.
  11. ^ Episode 0025 (EEN) - The Mister Rogers' Neighborhood Archive (JPG), su neighborhoodarchive.com. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  12. ^ Farhad Manjoo, Grads Want to Study on EMacs, Too, su Wired.com, 30 aprile 2002. URL consultato il 4 giugno 2010.
  13. ^ Feedback, 20 June 1998 Vol 158 No 2139 New Scientist 20 June 1998

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]