Notaresco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Notaresco
comune
Notaresco – Stemma
Notaresco – Veduta
La chiesa di San Clemente al Vomano nella periferia di Notaresco
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Teramo-Stemma.svg Teramo
Amministrazione
SindacoDiego Di Bonaventura (lista civica "Notaresco Popolare") dal 10 giugno 2018 (2º mandato)
Territorio
Coordinate42°39′N 13°54′E / 42.65°N 13.9°E42.65; 13.9 (Notaresco)Coordinate: 42°39′N 13°54′E / 42.65°N 13.9°E42.65; 13.9 (Notaresco)
Altitudine267 m s.l.m.
Superficie38,15 km²
Abitanti6 693[1] (30-11-2017)
Densità175,44 ab./km²
FrazioniCaporipe, Capracchia, Cordesco, Grasciano, Guardia Vomano, Pianura di Notaresco, Pianura Vomano, Torrio, Valle Vignale, Villa Scapoli
Comuni confinantiAtri, Castellalto, Cellino Attanasio, Morro d'Oro, Mosciano Sant'Angelo, Roseto degli Abruzzi
Altre informazioni
Cod. postale64024
Prefisso085
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT067032
Cod. catastaleF942
TargaTE
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantinotareschini
Patronosan Gennaro
Giorno festivo19 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Notaresco
Notaresco
Notaresco – Mappa
Posizione del comune di Notaresco all'interno della provincia di Teramo
Sito istituzionale

Notaresco (Nutaràsche in dialetto teramano, Nutaròsche in dialetto notareschino)[senza fonte] è un comune italiano di 6 693 abitanti della provincia di Teramo in Abruzzo.

Il centro del paese è un classico borgo medioevale, arroccato su una collina.

Dall'anno 2008 è gemellato con la cittadina polacca di Płońsk (Voivodato della Masovia).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli edifici documentano l'esistenza della città nei primi secoli dell'era cristiana. La struttura urbana è tipica di un insediamento medievale, con mura spesse e finestre alte e strette. Dal XIV secolo al 1757 Notaresco fu sotto il dominio della famiglia Acquaviva di Atri.

Dopo l'ingresso dell'Italia nella seconda guerra mondiale nel giugno del 1940, il regime fascista istituì il campo di internamento di Notaresco presso casa Mazzarosa (via Borgo n. 14) e casa Carusi (via Giardino n. 14), in cui furono concentrati cittadini ebrei stranieri e apolidi e dal 1942 anche partigiani dalmati e istriani. Il campo di concentramento venne chiuso nel giugno del 1944[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Rocco a Guardia Vomano
Scorcio del centro storico
Rilievo medievale sull'abbazia di San Clemente
  • Chiesa di San Clemente al Vomano, edificio religioso di arte romanica dalle semplici caratteristiche architettoniche, noto per il ricco portale della facciata e per custodire al suo interno lo stupendo ciborio considerato tra i più antichi e monumentali d'Abruzzo. La chiesa, che fu di proprietà dei monaci benedettini, appartenne al complesso abbaziale omonimo fondato nel IX secolo presumibilmente per volere di Ermengarda, madre dell'imperatore Ludovico III.
  • Museo archeologico "G. Romualdi". Contiene i reperti archeologici rinvenuti nel territorio di Notaresco risalenti alla preistoria: periodo neolitico (IX millennio a.C.), e protostoria, età del bronzo, età del ferro, fino a risalire al periodo italico e poi romano.
  • Resti di una ricca villa italico-romana (circa 3 ettari) in località Grasciano.
  • Resti consistenti di un grande centro di produzione di vino olio e garum, del periodo italico-romano, nella piana dei Cesari, al confine del comune di Morro d'Oro.
  • Chiesa e convento di Sant'Antonio Abate dei secoli IX-X al confine con il comune di Morro d'Oro. Della chiesa è rimasta solamente la facciata che è visibile all'interno della piccola cappella attuale. Il convento (attualmente abitato) è stato recuperato grazie all'intervento privato.
  • Chiesa dei Santi Pietro e Andrea, centro storico di Notaresco (interno barocco); dopo recenti lavori post-terremoto sono apparse tracce della prima chiesa romanica visibili nei paramenti esterni di facciata, quasi certamente dei secoli IX -X. Come tutte le chiese del territorio fu distrutta più volte dai barbari, saraceni e pirati illirici.
  • Palazzo Acquaviva duchi di Atri, attuale sede del Municipio.
  • La "neviera" nel centro storico, nella zona Civitello (prop. Candelori), visitabile. Probabilmente è un rifugio preistorico perché nelle immediate vicinanze (palazzo baronale ex casa Moretti e casa Casolani) sono stati rinvenute due stazioni pre-protostoriche.
  • Chiesa del Carmine, struttura romanica ed interno del secolo XVI, controsoffitto dipinto del secolo XVII (visitabile). L'edificio confinante delle vecchie carceri ospitava un piccolo convento di suore.
  • Chiesa di San Rocco (Santa Lucia) probabilmente l'impianto è molto antico, a fianco c'era la porta di ingresso a nord alla città.
  • Edificio della famiglia Mazzarosa Devincenzi, costruito in più fasi, dove nacque Giuseppe Devincenzi, senatore e ministro dell'Italia ottocentesca. Grande studioso, fu il precursore dell'aratura meccanica dei terreni, impiantò i primi vigneti specializzati, brevettò anche diversi sistemi per la lavorazione delle uve, la diraspatrice, il montacarichi a contrappesi, visibili nell'antica cantina di Roseto degli Abruzzi, lato nord, presso la villa omonima che divenne anche una stazione ferroviaria della linea adriatica.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1951 Achille Di Pietro DC Sindaco
1951 1956 Achille Di Pietro DC Sindaco
1956 1956 Romolo Di Gregorio PCI Sindaco
1956 1960 Giulio Bocci DC Sindaco
1960 1964 Giulio Bocci DC Sindaco
1964 1967 Romolo Di Gregorio PCI Sindaco
1967 1973 Marino Saccomandi PSI Sindaco
1973 1975 Giovanni Di Giovannantonio PCI Sindaco
1975 1978 Felice Di Gregorio PCI Sindaco
1978 1983 Felice Di Gregorio PCI Sindaco
1983 1988 Felice Di Gregorio PCI Sindaco
1988 1993 Cesare D'Alessandro PCI Sindaco
1993 1997 Luigi Di Sabatino PDS Sindaco
1997 2001 Luigi Di Sabatino PDS Sindaco
2001 2002 Leo Capone lista civica Sindaco
2002 2003 Giovanni Incurvati Commissario prefettizio
2003 2008 Valter Catarra centro-destra Sindaco
2008 2013 Valter Catarra lista civica Per Notaresco Sindaco
2013 2018 Diego Di Bonaventura lista civica Notaresco popolare Sindaco
2018 in carica Diego Di Bonaventura lista civica Notaresco popolare Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2018 la principale squadra di calcio della città, dopo un accordo sancito con il San Nicolò Calcio, è la S.N. Notaresco che milita nel campionato di serie D. La storica società nata nel 1924 non si è riscritta al campionato di prima categoria 2018/2019.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Costantino Di Sante, I campi di concentramento in Abruzzo (1940-1944). URL consultato il 25 luglio 2016.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233925606
Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo