North Stradbroke Island

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
North Stradbroke Island
Satellite Image southern Moreton Bay Queensland Australia.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneMar dei Coralli (oceano Pacifico)
Coordinate27°31′58″S 153°27′35″E / 27.532778°S 153.459722°E-27.532778; 153.459722Coordinate: 27°31′58″S 153°27′35″E / 27.532778°S 153.459722°E-27.532778; 153.459722
Superficie319[1] km²
Dimensioni38,6 × 11,2 km
Altitudine massima219 m s.l.m.
Geografia politica
StatoAustralia Australia
Stato federatoQueensland Queensland
Local government areaCittà di Redland
Demografia
Abitanti117[2] (2011)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Australia
North Stradbroke Island
North Stradbroke Island
voci di isole dell'Australia presenti su Wikipedia

North Stradbroke Island (in lingua aborigena: Minjerribah[3]) è un'isola che delimita a sud-est la baia di Moreton. È situata nel mar dei Coralli lungo la costa meridionale del Queensland, in Australia. L'isola si trova a est di Brisbane e appartiene alla Local government area della Città di Redland. Il popolo Quandamooka è il proprietario tradizionale dell'isola. Sull'isola ci sono tre villaggi: Dunwich, Point Lookout e Amity Point. Gli abitanti, al censimento del 2011, erano 117[2].

Prima del 1896, North Stradbroke Island e South Stradbroke Island erano una sola isola: Stradbroke Island. In quell'anno una tempesta separò l'isola in due parti, formando il canale Jumpinpin. North Stradbroke Island è la seconda isola di sabbia più grande del mondo; la maggiore è Fraser Island, segue Moreton Island.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

North Stradbroke è lunga 38,6 km per 11,2 km di larghezza; ha una superficie di 319 km² e la sua altezza massima è di 219 m (monte Hardgrave).[1] Sull'isola ci sono numerosi laghetti di acqua dolce, i due laghi più grandi sono Brown Lake e Blue Lake. Blue Lake si trova all'interno di un parco nazionale (Blue Lake National Park), compreso ora nel Naree Budjong Djara National Park[4]. North Stradbroke, South Stradbroke e Moreton Island fungono da barriera tra l'insenatura di Moreton Bay e il mar dei Coralli.

Il Blue Lake

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il capitano James Cook fece il primo avvistamento documentato dell'isola nel 1770 e diede il nome a Point Lookout, ma non scese a terra. Il primo contatto storicamente documentato tra europei e aborigeni locali fu nel 1799, quando Matthew Flinders sbarcò alla ricerca di acqua dolce[3].

Nel 1827, il capitano Henry John Rous, visconte di Dunwich (1795 – 1877)[5], secondo figlio di John Rous, I conte di Stradbroke, era entrato nella baia di Moreton al comando della HMS Rainbow, prima nave da guerra britannica a toccare la zona. Il capitano Rous denominò l'isola in onore del padre[3][1]; diede il proprio nome all'adiacente canale (Rous Channel), il nome del proprio titolo alla cittadina di Dunwich (27°30′N 153°24′E / 27.5°N 153.4°E27.5; 153.4), e il nome della nave a Rainbow Beach (a sud di Fraser Island).

Tra il 1824 e il 1842 l'isola è stata sede di una colonia penale[1][6] [7].

Nel 1949, iniziarono nell'isola operazioni di estrazione di sabbia e sono ancora in funzione due miniere di cui è stata decisa la chiusura nel 2019[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) North and South Stradbroke Islands, su britannica.com. URL consultato il 9 marzo 2018.
  2. ^ a b Census: North Stradbroke Island, su censusdata.abs.gov.au. URL consultato l'11 marzo 2018.
  3. ^ a b c (EN) South Stradbroke Island history, su goldcoast.qld.gov.au. URL consultato il 9 marzo 2018.
  4. ^ (EN) Naree Budjong Djara National Park, su npsr.qld.gov.au. URL consultato il 9 marzo 2018.
  5. ^ (EN) Rous, Henry John (1795–1877), su adb.anu.edu.au. URL consultato il 9 marzo 2018.
  6. ^ (EN) Public Reserve incorporating the Privy Pit and Site of Convict Barracks and Store.
  7. ^ (EN) Penal Colony, su tradecoastcentralheritagepark.com.au. URL consultato il 13 febbraio 2018.
  8. ^ (EN) North Stradbroke Island sand mining to end by 2019, su abc.net.au. URL consultato il 10 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]