Nord-Trøndelag

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nord-Trøndelag
ex contea norvegese, facente parte del Trøndelag
Nord-Trøndelag fylke
Nord-Trøndelag – Stemma Nord-Trøndelag – Bandiera
Nord-Trøndelag – Veduta
Localizzazione
StatoNorvegia Norvegia
RegioneTrøndelag
Amministrazione
CapoluogoSteinkjer
SindacoGunnar Viken (H)
Data di soppressione2018
Territorio
Coordinate
del capoluogo
64°30′00″N 11°40′00.01″E / 64.5°N 11.666669°E64.5; 11.666669 (Nord-Trøndelag)Coordinate: 64°30′00″N 11°40′00.01″E / 64.5°N 11.666669°E64.5; 11.666669 (Nord-Trøndelag)
Superficie22 414,63 km²
Abitanti135 142 (2014)
Densità6,03 ab./km²
Comuni24
Contee confinantiSør-Trøndelag, Nordland
Altre informazioni
LingueNorvegese neutrale
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2NO-17
Nome abitantiNord-Trønder
Cartografia
Nord-Trøndelag – Localizzazione

La contea di Nord-Trøndelag (Nord-Trøndelag fylke in norvegese) era una contea norvegese situata al centro del paese. Confinava con le contee di Nordland a nord e Sør-Trøndelag a sud. La capitale era Steinkjer, una città di circa 20 000 abitanti. Dal 1º gennaio 2018 la contea si è riunita con quella di Sør-Trøndelag nella contea unica del Trøndelag.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La contea di Nord-Trøndelag confinava con il Nordland a nord, Sør-Trøndelag a sud, la Svezia a est e il Mare di Norvegia a ovest. Il capoluogo di contea era la città di Steinkjer, con 20.527 abitanti (2005). Il lago più grande è Snåsavatnet (122 km quadrati, all'incirca come il Lago Trasimeno) e il fiume più grande è il Namsen, uno dei migliori fiumi di salmone in Europa. Altri fiumi di salmone famosi sono Verdalselva e Stjørdalselva. Salvatnet è il secondo lago più profondo d'Europa, con una profondità massima di 482 metri. Stjørdal era la città più grande della contea. Ci sono ospedali locali a Levanger e Namsos.

Una grande parte della popolazione vive vicino al grande Trondheimsfjord, che caratterizza la parte meridionale di questa contea. Nel nord ci sono altri fiordi, tra i principali il Namsenfjord e il Foldafjord. Le aree sulla sponda orientale e nord-orientale del Trondheimsfjord (principalmente a Stjørdal, Frosta, Levanger, Inderøy, Verdal e Steinkjer) sono fertili pianure agricole, con campi di grano e ortaggi. Insieme ai campi di grano nella pianura della Namdalen, oggi costituiscono la zona di coltivazione del grano più settentrionale della Norvegia.

Seierstad a Fosnes

Tuttavia, la foresta dominata da abeti rossi (e alcune betulle) copre un'area molto più ampia e il Nord-Trøndelag era la seconda più grande contea norvegese per produzione di legname (dopo Hedmark). La foresta e gli altopiani nel Nord-Trøndelag sono uno dei pochi posti in Norvegia con quattro specie di cervi (alci, caprioli, cervi rossi e renne). Ci sono montagne vicino al confine con la Svezia e montagne costiere con nuda roccia sulla costa settentrionale. Le foreste di abeti rossi si hanno anche sulla costa, dove alcune aree sono classificate come foresta pluviale temperata.

Aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono diversi parchi nazionali il cui territorio è parzialmente o interamente nell'ex contea, tra cui il parco nazionale Blåfjella – Skjækerfjella (uno dei più grandi della Norvegia), il parco nazionale Børgefjell, il parco nazionale Lierne e il parco nazionale di Skarvan e Roltdalen.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime persone nel Nord-Trøndelag si stabilirono a Flatanger e Leka tra il 7500 e il 6000 a.C. e migrarono verso nord lungo la costa. Più o meno nello stesso periodo, le persone si spostarono verso l'alto lungo il Trondheimsfjord.[1] I primi agricoltori emigrarono a Stjørdal prima del 2000 a.C.[2] L'agricoltura primitiva si basava principalmente su animali, che consentivano alle persone di rimanere nomadi e combinare l'allevamento e la raccolta.[3] Intorno al 2300-2000 a.C., l'abete rosso si diffuse nella contea e, nel 1300 d.C., il paesaggio era dominato dall'abete rosso come oggi.[4] Durante la prima età del bronzo, dal 1800 al 1000 a.C., furono costruite le prime grandi tombe nell'area del Trondheimsfjord.[3] Le prima specie di cereali coltivata fu l'orzo intorno al 500 a.C., successivamente integrato con altri cereali.[3]

Nel I secolo d.C., l'estrazione del ferro nelle paludi iniziò nelle parti più orientali del paese. Vennero istituite diverse piccole comunità con altiforni, situate a diversi giorni a piedi dalla buona terra agricola, generando commercio e specializzazione professionale.[4] Tuttavia, l'industria mineraria si fermò nel V secolo. Nei secoli successivi, come parte dell'aumento dell'immigrazione dovuta al periodo migratorio, fu introdotto un sistema giudiziario germanico, che fu un ulteriore sviluppo del sistema lanciato durante l'era mineraria. Nel V secolo ebbe luogo la prima organizzazione militare, con costruzioni di piccoli forti.[5] Intorno a questo periodo, l'area fu divisa in contee, con l'attuale Nord-Trøndelag costituito da parti di Stjørdølafylke, Skøynafylke, Øynafylke, Verdølafylke, Sparbyggjafylke e Naumdølafylke.[6] Dal X secolo, il Frostating venne istituito come Thing per tutta l'area del Trondheimsfjord.[7]

Il più grande hof per adorare la mitologia nordica era a Mære ed era un luogo comune per il sacrificio di animali.[8] Nel 997, Olaf I di Norvegia fondò Nidaros (l'attuale Trondheim), a Sør-Trøndelag, e iniziò una serie di attacchi per conquistare Innherred. Per contrastare, i signori della guerra di Innherred stabilirono un mercato a Steinkjer. Nella battaglia di Stiklestad, che ebbe luogo nel 1030, il re Olaf Haraldsson fu ucciso da un esercito contadino in una battaglia per la supremazia sul Trøndelag.[6] Nei decenni successivi, nonostante la sconfitta di Christian Olaf, il Trøndelag fu gradualmente cristianizzato, con la conseguente costruzione di chiese[9] e due monasteri.[10] Nel 13º secolo, le leggi del Frostating vennero codificate, quando ormai tutta la Norvegia centrale era sotto il Thing, che si trasformò in una corte, poi trasferita a Nidaros nel 16º secolo.[11]

Durante l'età vichinga, la popolazione aumentò, raggiungendo le 20.000 persone entro la metà del 13º secolo. La peste nera uccise molte persone e Nordli e Meråker restarono spopolate.[6] I sami emigrarono dal nord nei due secoli seguenti.[12] L'arcivescovo di Nidaros, Olav Engelbrektsson, iniziò a costruire una fortezza a Steinvikholmen a Stjørdal, che fu completata nel 1532 e divenne il centro dell'arcidiocesi. Rimase fino alla Riforma protestante nel 1537, in cui il re rilevò tutti i beni della chiesa nel paese, che costituiva quasi il 40% della terra. Successivamente, il numero di agricoltori autonomi è aumentato[13]. Il 16º secolo vide anche l'inizio dell'esportazione di pesce e legname e furono istituite le prime segherie.[14] Nel 17º secolo, l'amministrazione passò gradualmente da quella dei signori della guerra a Vogt, un rappresentante del re di Copenaghen. Le tasse furono aumentate per finanziare i militari e, nel Nord-Trøndelag, gli agricoltori dovettero unirsi ai militari per combattere la Svezia nel Jämtland.[15]

lI Dramma di Sant'Olav rappresenta la battaglia di Stiklestad

Nel 18º secolo fu introdotta la cresima e le scuole. La patata fu introdotta nel 1770. Nel 1804, il Trondhjems amt fu diviso in due, con la parte settentrionale che divenne Nordre Trondhjems amt. Nel 1919, cambiò nome in Nord-Trøndelag. Nel 1838 furono creati i comuni e Nordre Trondhjems ne ricevette 18.[16] Nel 1836, Levanger ricevette lo status di città-mercato, seguita da Namsos nel 1845 e Steinkjer nel 1857.[17]

Nel 1851, gli incontri pubblici di Marcus Thrane provocarono rivolte che chiedevano un aumento dei diritti dei lavoratori.[16] La prima segheria a vapore fu fondata a Spillum nel 1853 e la selvicoltura iniziò a diventare una professione, piuttosto che un lavoro a tempo parziale durante l'inverno. Dalla fine del 18º secolo, le barche a vela iniziarono a circolare regolarmente lungo la costa e nel fiordo fino a Trondheim. La maggior parte delle risorse naturali erano di proprietà dei borghesi di Trondheim, poiché era necessaria la concessione reale per qualsiasi sfruttamento.[14] Durante l'ultima metà dell'Ottocento, decine di migliaia di persone emigrarono nel Nord America, con alcune comunità che persero poco meno della metà della popolazione.[17]

L'industrializzazione iniziò nel 1838 con piroscafi nel traffico regolare lungo la costa, e successivamente nel Trondheimsfjord e nello Snåsavatnet. Alla fine del diciannovesimo secolo, ebbe luogo la "grande trasformazione" norvegese, per cui l'economia passò dall'essere prevalentemente basata sull'autoproduzione a un commercio professionale. La Linea ferroviaria Meråker raggiunse Hell nel 1881 e nel 1905 la Linea Hell-Sunnan raggiunse Sunnan[18]. Il primo volo decollò da Værnes nel 1914 e nel 1948 furono avviati i servizi di linea per Oslo.[19]

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

La capitale dell'ex-contea, Steinkjer
Storico della popolazione
Anno Pop. ±%
1951 109,948
1961 116,760 +6.2%
1971 117,998 +1.1%
1981 125,835 +6.6%
1991 127,226 +1.1%
2001 127,261 +0.0%
2011 132,140 +3.8%
Fonte: Statistics Norway.

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Il Trøndersk è un dialetto del norvegese che con lievi modifiche è parlato nel Trøndelag e nel Nordmøre. Il Trøndersk parlato nel Nord-Trøndelag è più ampio e più vicino all'antico norvegese rispetto a quello che viene parlato a Trondheim, con la lingua più ampia parlata nell'Innherred.

Circa 300 persone Sami[20], concentrate attorno a Snåsa, parlano la lingua Sami meridionale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, il Nord-Trøndelag aveva un prodotto interno lordo pro capite di 242.895 NOK e un reddito pro capite di 165.075 NOK, inferiore a qualsiasi altra contea norvegese dell'epoca.[21]

L'agricoltura è più comune ad est del Trondheimsfjord, nelle parti inferiori di Indre Namdal e Nærøy. La contea ha il 10% della produzione agricola del paese e nessun'altra contea aveva una percentuale così alta di produzione agricola.[22]

La pesca è un'importante industria lungo la costa, in particolare nello Ytre Namdal,[23] e il Trondheimsfjord è il fiordo con il più alto rendimento in Norvegia.[24]

Il 40% dell'ex contea è coperto da foreste, ma circa la metà di essa non è redditizia.[25] Parti delle foreste sono preservate, compresa la foresta di abeti rossi costieri, l'unico posto in Europa in cui l'abete rosso cresce fino alla costa.[26]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

L'ex contea è attraversata dalle strade europee E6 ed E14, dall'"Autostrada della Costa" norvegese (Fylkesvei 17), che va da Bodø a Steinkjer, dalla ferrovia della linea Nordland, che collega Trondheim a Bodø,[18] dalla suburbana Røros - Trondheim, dalla linea Meraker e dalla linea Namsos (Grong - Namsos).[18]

Nell'ex contea è presente il terzo aeroporto della Norvegia, l'aeroporto di Trondheim, e due aeroporti regionali a Namsos e Rørvik.[27]

Ci sono traghetti per auto e per passeggeri, l'Hurtigruten ferma a Rørvik.[28]

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

La contea di Nord-Trøndelag era suddivisa in 24 comuni (kommuner):

(Dati del 1º gennaio 2006)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aune,  p. 39
  2. ^ Aune,  p. 43
  3. ^ a b c Aune,  p. 45
  4. ^ a b Aune,  p. 46
  5. ^ Aune,  p. 48
  6. ^ a b c Aune,  p. 64
  7. ^ Aune,  p. 62
  8. ^ Aune,  p. 54
  9. ^ Aune,  p. 57
  10. ^ Aune,  p. 60
  11. ^ Aune,  p. 63
  12. ^ Aune,  p. 196
  13. ^ Aune,  p. 68
  14. ^ a b Aune,  p. 70
  15. ^ Aune,  p. 72
  16. ^ a b Aune,  p. 76
  17. ^ a b Aune,  p. 74
  18. ^ a b c Aune,  p. 77
  19. ^ Aune,  p. 79
  20. ^ (EN) Saami, South, su Ethnologue. URL consultato il 27 marzo 2020.
  21. ^ (NO) 2019-10-09, su ssb.no. URL consultato il 27 marzo 2020.
  22. ^ Aune,  p. 131
  23. ^ Aune,  p. 101
  24. ^ Aune,  p. 102
  25. ^ Aune,  p. 147
  26. ^ Aune,  p. 148
  27. ^ Aune,  p. 186
  28. ^ Aune,  p. 187

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN266997065 · LCCN (ENn80008208 · GND (DE4342380-2 · WorldCat Identities (ENlccn-n80008208
Norvegia Portale Norvegia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Norvegia