Nonna di Nazianzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Nonna di Nazianzo

Madre di santi

Nascita III secolo
Morte 5 agosto 374
Venerata da Chiesa cattolica
Ricorrenza 5 agosto

Nonna di Nazianzo (Nazianzo, ... – 5 agosto 374) è stata una fervente cristiana, venerata come santa dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nonna nacque verso la fine del III secolo da una famiglia cristiana. Sposò Gregorio, ebreo della setta degli Ipsistari (gli Adoratori dell'Altissimo), che fu convertito dalla moglie al cristianesimo e divenne vescovo di Nazianzo. (Ricordiamo che proprio in quegli anni veniva ufficializzato in Occidente il celibato ecclesiastico mentre l'Oriente ribadiva la possibilità di preti sposati.)[1]

Ed ebbe tre figli, tutti venerati come santi: Gregorio, dottore della Chiesa; Gorgonia e Cesario.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua festa per la Chiesa cattolica è il 5 agosto. Il suo culto ha centro presso Nazianzo in Cappadocia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Celibato, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
    «Il c. ecclesiastico si affermò nei primi anni del 4° sec., quando il Concilio di Elvira (Iliberri, odierna Granada) ordinò a tutti i chierici di astenersi dal matrimonio e dal generare figli, pena la deposizione. La norma fu ratificata, in Occidente, dal papa Siricio nel Concilio romano del 386, quindi da Innocenzo I e da vari Concili (Toledo, 390 e 400, Cartagine e Torino, 401). In Oriente, invece (Concili di Ancira, 314; Nicea, 325; Gangra, circa 350), si ritenne opportuno autorizzare chi non si sentisse di praticare il celibato a usare dei diritti coniugali».

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Santa Nonna, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.