Non c'è 2 senza te

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Dente, vedi Non c'è due senza te.
Non c'è 2 senza te
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2015
Durata95 min
Generecommedia
RegiaMassimo Cappelli
SoggettoMassimo Cappelli, Fabio Troiano
SceneggiaturaMassimo Cappelli, Fabio Troiano
ProduttoreValentina Di Giuseppe, Massimiliano Leone
Casa di produzioneLime Film
Distribuzione (Italia)M2 Pictures
FotografiaMarcello Montarsi
MontaggioLuciana Pandolfelli
MusicheJonis Bascir
ScenografiaLuisa Iemma
CostumiLaura Costantini
TruccoPaola Fracchia
Interpreti e personaggi

Non c'è 2 senza te è un film comico del 2015 diretto da Massimo Cappelli con Fabio Troiano, Belen Rodriguez e Dino Abbrescia. Il film è uscito nelle sale cinematografiche il 5 febbraio 2015.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Moreno e Alfonso sono fidanzati e hanno un rapporto stabile. Vivono in una villa vicino a Torino e vengono sempre rimproverati dalla vicina di casa, la signora Capasso. Un giorno la sorella di Alfonso, Claudia, chiede al fratello di poter accudire il figlio Niccolò poiché deve andare in Asia per lavoro. Moreno intanto conosce Laura, una bella insegnante di spagnolo e nel frattempo cerca insieme al compagno di nascondere la loro omosessualità al bambino. Alfonso, intanto, vede il compagno diverso dal solito e pensa che lui lo stia tradendo con un altro uomo, ma Moreno inizia a capire la sua personalità e decide di lasciare Alfonso per andare a vivere da Laura.

Da qui Niccolò capisce che i due erano in realtà fidanzati e prova ad aiutare lo zio ormai disperato e depresso. Si scopre inoltre a un colloquio scolastico che Laura è l'insegnante di Niccolò e Alfonso le rivela quindi di essere il miglior amico di Moreno, perciò Laura lo invita alla sua festa di compleanno. Con uno stratagemma, alla festa Alfonso e la signora Capasso si fingono fidanzati per far ingelosire Moreno ma il piano va a rotoli poiché Alfonso rivela davanti a tutti di essere gay. Quando tutto sembra perduto, alla recita finale di Niccolò quest'ultimo conduce una danza "pro-gay" e Moreno dichiara tutta la verità a Laura e la lascia. Mentre Niccolò ritorna con la madre, Moreno chiede scusa ad Alfonso e i due tornano assieme.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato criticato per la presenza di troppi stereotipi sull'omosessualità e per una sceneggiatura poco probabile, mentre è stato apprezzato per l'assenza di volgarità e per il gradevole intrattenimento che concede.[1][2]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • I due attori Troiano e Abbrescia avevano già interpretato due omosessuali fidanzati nel film Cado dalle nubi con Checco Zalone.
  • Il bambino che interpreta Niccolò, nipote di Alfonso, è nipote di Troiano nella vita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema