Noi (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Noi
PaeseItalia
Anno2004
Formatominiserie TV
Generedrammatico, sentimentale, thriller
Lingua originaleItaliano
Crediti
RegiaPeter Exacoustos
SceneggiaturaMaria Carmela Cicinnati
Peter Exacoustos
Interpreti e personaggi
FotografiaMarco Onorato
MusicheAldo De Scalzi
Pivio
Luca Cresta
Claudio Pacini
ScenografiaGualtiero Caprara
CostumiLuigi Bonanno
ProduttoreGaetano Daniele
Prima visione
Dal19 maggio 2004
Al2 giugno 2004
Rete televisivaCanale 5

Noi è una miniserie televisione drammatica prodotta in Italia nel 2004, diretta da Peter Exacoustos e con protagonisti Barbara D'Urso, Enzo De Caro ed Alessandro Sperduti.

Nel cast anche Luigi Diberti, Olivier Pagès, Davide Ricci, Sascha Zacharias ed Hélène Nardini.[1]

La prima puntata della miniserie, trasmessa da Canale 5, andò in onda dal 19 maggio 2004.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Torino: Michele Avogadro (Enzo De Caro), docente universitario con la passione per la musica, e Chiara Doni (Barbara D'Urso), laureata in architettura, sono una coppia sposata da una ventina d'anni. Dal loro matrimonio sono nati due figli, Fabio (Davide Ricci) e Luca (Alessandro Sperduti), ora adolescenti e alle prese con i problemi della propria età, problemi che talvolta non riescono a confidare ai genitori, soprattutto al padre, troppo impegnato con il suo lavoro e con le sue "serate musicali" organizzate in casa.

È proprio durante una di queste serate che Fabio, il figlio più grande degli Avogadro, decide di comunicare al padre di aver messo incinta la sua fidanzata (Sascha Zacharias), una ragazza romena non ancora accettata dai genitori, ma, dopo l'ennesimo diverbio, non riesce a dir nulla ai suoi genitori e sale in auto pieno di collera insieme al fratello, guidando a tutta velocità. Quando i due sono sopra un ponte, Fabio perde il controllo del mezzo e l'auto finisce nel canale circostante: Fabio non riesce a liberarsi e muore annegato, mentre Luca si salva, ma riporta delle gravi ferite agli occhi che gli causano una cecità, anche se forse non permanente; assieme alle ferite fisiche, si aggiungono anche quelle morali, dovute al senso di colpa per non essere riuscito a salvare Fabio. La disgrazia crea nei mesi successivi una frattura anche tra Michele e Chiara: quest'ultima accusa infatti il marito di essere in qualche modo "responsabile" della morte di Fabio e dell'invalidità di Luca.

Quando poi Chiara scopre che il marito le è da tempo infedele, decide di separarsi da lui e di lasciare Torino e trasferirsi insieme a Luca a Forte dei Marmi, sua città di origine, dove si propone di ristrutturare la sua vecchia villa abitata dai suoi genitori (morti entrambi in un misterioso incidente quando lei era ancora piccola) e da anni abitata soltanto dall'enigmatico custode Elio (Luigi Diberti), per trasformarla in un agriturismo di lusso. Proprio lì, la donna scoprirà dalle persone della città che l'albergo è considerato maledetto in quanto fu teatro, anni prima, di un efferato omicidio.

Nella località toscana, Chiara si rivolge ad un chirurgo (Olivier Pagès) per risolvere il problema di cecità di Luca: la diagnosi dà qualche speranza di recupero della vista almeno di un occhio, mentre l'altro pare irrimediabilmente compromesso.

Nel frattempo, tra Chiara e il medico nasce l'amore, mentre Luca, che pian piano recupera la vista ad un occhio dopo l'operazione, fa amicizia con i figli del dottore, Melissa (Carlotta Tesconi) ed Eugenio (Matteo Ripaldi).

Intanto a Torino, Michele viene contattato dalla fidanzata di Fabio e scopre il segreto della sua gravidanza. Questa situazione creerà però degli equivoci, in quanto Luca pensa che l'ex-ragazza di suo fratello sia ora diventata l'amante del padre e che sia stato proprio quest'ultimo a metterla incinta.

Altri importanti segreti sono poi custoditi dalla villa ristrutturata da Chiara: la donna scopre infatti l'esistenza di una stanza murata, che è la chiave per conoscere la sconvolgente verità sulla morte dei suoi genitori e sulla sua nascita, verità finora a lei sempre tenute nascoste e celate anche da una misteriosa ed inquietante presenza che si aggira per l'albergo...

Backstage[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La canzone originale della miniserie è Tell Me Why Did You Fly Away, scritta da Aldo De Scalzi e da Pivio. Altro "tema conduttore" della miniserie è Una canzone d'amore degli 883, che viene proposta in un video ricorrente che ritrae il personaggio di Fabio (interpretato da Davide Ricci) in occasione di una festa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione