Nocturne (Siouxsie and the Banshees)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nocturne
Artista Siouxsie and the Banshees
Tipo album Live
Pubblicazione 1983
Durata 76 min : 31 s
Dischi 2 LP, 1 CD
Tracce 16
Genere Post-punk
Etichetta Polydor Records
Produttore Siouxsie and the Banshees, Mike Hedges
Registrazione -
Siouxsie and the Banshees - cronologia
Album precedente
(1982)
Album successivo
(1984)

Nocturne è il primo doppio album dal vivo dei Siouxsie and the Banshees, pubblicato nel novembre 1983 per la Polydor Records.

L'album[modifica | modifica wikitesto]

I Banshees, con la collaborazione alla chitarra di Robert Smith dei The Cure, rilasciano il loro primo doppio album dal vivo, testimonianza dei due concerti tenuti alla Royal Albert Hall di Londra il 30 settembre e 1º ottobre 1983. La scaletta presenta molti brani dal recente A Kiss in the Dreamhouse, ma anche curiosità o pezzi poco noti come le b-side Pulled to Bits e Eve White/Eve Black.

Con lo stesso titolo viene fatto uscire anche un video degli stessi concerti, in cui l'inquietante e provocatoria Siouxsie Sioux, assurta a vera e propria icona del movimento dark, dà sfoggio del proprio carisma sul palco, fra trucco pesante, capelli corvini, pose minacciose e urla angoscianti. I fan e i cultori la adorano, gli altri rimangono perplessi. Si tratta comunque di un indirizzo stilistico da cui il gruppo si è già parzialmente allontanato con A Kiss in the Dreamhouse e che abbandonerà di lì a poco, per arrivare a suoni più ricercati e interessanti. L'album raggiunse la posizione n. 29 delle classifiche britanniche, ma venne stroncato dalle riviste specializzate, che lo giudicarono "ciarpame".

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Israel – 6:45
  2. Dear Prudence – 3:55
  3. Paradise Place – 4:28
  4. Melt! – 3:48
  5. Cascade – 4:35
  6. Pulled To Bits – 4:03
  7. Night Shift – 6:27
  8. Sin In My Heart – 3:31
  9. Slowdive – 4:18
  10. Painted Bird – 3:56
  11. Happy House – 4:39
  12. Switch – 6:35
  13. Spellbound – 4:31
  14. Helter Skelter – 3:42
  15. Eve White/Eve Black – 2:48
  16. Voodoo Dolly – 8:42

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock