Noah Cyrus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Noah Cyrus
Noah Cyrus VMA 2018.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Periodo di attività musicale2008 – in attività
EtichettaSyco
Album pubblicati1
Studio1
Live0
Raccolte0
Sito ufficiale

Noah Cyrus, all'anagrafe Noah Lindsey Cyrus (Nashville, 8 gennaio 2000), è un'attrice, cantante e doppiatrice statunitense. È una delle figlie del cantante statunitense Billy Ray Cyrus, nonché sorella minore della rinomata cantante e attrice Miley Cyrus.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noah nasce nel 2000, terza figlia del cantante country Billy Ray Cyrus e sua moglie, Leticia "Tish" Cyrus (nata Finley). Ha due fratelli maggiori, la cantante e attrice Miley Cyrus e l'attore Braison Cyrus. Da parte di madre ha due fratellastri, Brandi e Trace Cyrus, mentre da parte di padre ha un fratellastro, Christopher.[2][3]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo ruolo nel mondo televisivo è stato quello di Gracie Hebert in Doc, intrapreso per sei episodi.[4] Appare in seguito in alcuni episodi di Hannah Montana; nel 2009 appare nel film Hannah Montana: The Movie. È apparsa anche in alcuni video musicali del padre e della sorella Miley.[5]

Ha cantato con Frankie Jonas per il cartone giapponese Ponyo dove ha anche prestato la propria voce di Ponyo nella versione inglese. Inoltre, ha doppiato un ruolo minore in A scuola con l'imperatore. Nonostante non sia stata attiva nel mondo dello spettacolo per circa tre anni, è riuscita a raggiungere una certa popolarità sui social network, in particolare Instagram, dove ha già raggiunto quota 4.1 milioni di seguaci[6].

Nel 2013 ha approfittato del suo tredicesimo compleanno per raccogliere fondi per una mozione contro l'utilizzo di carrozze trainate da cavalli a New York. Ha anche posato per una campagna della PETA contro la dissezione degli animali nei laboratori delle scuole superiori.[7][8]

2016: L'esordio musicale e il primo album[modifica | modifica wikitesto]

Noah Cyrus all'apertura di un concerto di Katy Perry nel 2017

Nel novembre 2016, esodisce nel panorama musicale globale con il singolo Make Me (Cry) cantato in collaborazione del cantautore britannico Labrinth.[9] Il brano fa il suo ingresso in molte graduatorie globali, tra cui quella statunitense, dove ha raggiunto la quarantaseiesima posizione.

Ha inoltre pubblicato in questo 2017: Stay Together e Again (in collaborazione con XXXTentacion).[10] Ha collaborato con Alan Walker nel brano All Falls Down.[11] I primi due singoli rientreranno in NC-17, album in studio della Cyrus che verrà pubblicato entro il termine del 2017.[12][13][14] Dal 19 settembre al 1º novembre 2017 ha tenuto concerti d'apertura per i live di Katy Perry del Witness: The Tour.[15][16] Il giorno 20 agosto 2018 é uscito il brano “Live or Die” in collaborazione con il rapper Lil Xan.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno 2018 ha cominciato a frequentare il rapper Lil Xan. In seguito, il 3 settembre hanno chiuso la loro relazione. Fu accusata da quest'ultimo di averlo tradito e di averlo usato solo a fini publicitari, accuse sempre negate dalla Cyrus.

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013, Cyrus ha usato il suo tredicesimo compleanno come un'opportunità per raccogliere fondi per il divieto di utilizzare carrozze trainate da cavalli a New York.[17] Ha lavorato con PETA, apparendo per la prima volta in un annuncio di protesta contro l'uso della dissezione animale nelle classi di laboratorio del liceo, poi in un altro che sostiene un boicottaggio del SeaWorld.[18]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 - NC-17

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Noah Cyrus, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 2 novembre 2017. Modifica su Wikidata
  2. ^ (EN) Who is Noah Cyrus? Everything You Need to Know. URL consultato il 2 novembre 2017.
  3. ^ Chi è Noah Cyrus: cosa sapere sulla sorellina di Miley - Grazia.it, in Grazia, 16 settembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Noah Cyrus Doc | prefigured.net, su prefigured.net. URL consultato il 2 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Here's what you need to know about popstar Noah Cyrus, in The Sun, 8 maggio 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Noah Cyrus, su Instagram. URL consultato il 9 agosto 2018.
  7. ^ (EN) Noah Cyrus Urges Fans to 'Be Real, and Speak Up', in PETA. URL consultato il 2 novembre 2017.
  8. ^ Noah Cyrus testimonial per l’associazione Peta, in Corriere della Sera. URL consultato il 2 novembre 2017.
  9. ^ (EN) Katherine Cusumano,Joshua Woods, Noah Cyrus Opens Up About Her Recent Heartbreak, in W Magazine. URL consultato il 2 novembre 2017.
  10. ^ (EN) Noah Cyrus Pleads For Your Love On 'Again' With XXXTentacion: Listen, in Billboard. URL consultato il 2 novembre 2017.
  11. ^ (EN) Noah Cyrus & Alan Walker: ‘All Falls Down’ Stream, Download, & Lyrics – Listen Now!, in Just Jared. URL consultato il 2 novembre 2017.
  12. ^ (EN) Noah Cyrus Talks Debut Album 'NC-17' and the Skill She'd Borrow From Miley, in Billboard. URL consultato il 2 novembre 2017.
  13. ^ (EN) Noah Cyrus Opens Up About Going From Miley’s Little Sister To NC-17, in MTV News. URL consultato il 2 novembre 2017.
  14. ^ (EN) Noah Cyrus Spills On Her Upcoming Album ‘NC-17′, in Just Jared. URL consultato il 2 novembre 2017.
  15. ^ (EN) Noah Cyrus Is Joining Katy Perry On Tour. URL consultato il 2 novembre 2017.
  16. ^ (EN) Katy Perry Is Bringing Noah Cyrus Along for the Witness Tour, in InStyle.com. URL consultato il 2 novembre 2017.
  17. ^ Erin Durkin,"Miley Cyrus' Younger Sister Noah Jumps into Campaign to Ban Central Park Carriage Horses," New York Daily News, 8 January 3013.
  18. ^ Ashley Iasimone, "Noah Cyrus Submerges Herself in a Water Tank for PETA Campaign Against SeaWorld ," Billboard, 24 October 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120519728 · ISNI (EN0000 0000 7812 4725 · LCCN (ENno2010056061