Nitrato d'argento (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nitrato d'argento
Paese di produzione Italia, Francia, Ungheria
Anno 1996
Durata 88 min
Dati tecnici B/N e a colori
Genere documentario, commedia
Regia Marco Ferreri
Soggetto Marco Ferreri, Gianni Romoli, David Maria Putorti
Sceneggiatura Marco Ferreri, Gianni Romoli, David Maria Putorti
Produttore Tilde Corsi, Maurice Bernart, André Szots
Fotografia Yorgos Arvanitis
Montaggio Dominique B. Martin
Scenografia Tibor Liman
Interpreti e personaggi

Nitrato d'argento è un film del 1996, ultima opera diretta da Marco Ferreri.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film ripercorre la storia e l'evoluzione (sia tecnica che artistica) del cinema. Presenta una rassegna dei vari progressi tecnologici (il "muto", l'avvento del sonoro, l'uso del colore), e dei generi (dal western ai primi grandi comici, dalla commedia ai film d'autore, fino ai film sociali, di guerra, "politici"; ai documentari, ai film musicali, alla lirica, alla fantascienza). Vi sono anche molti accenni ai cambiamenti culturali avvenuti nel corso del ventesimo secolo. Il titolo fa riferimento ad uno dei composti chimici fotosensibili presenti nelle pellicole fotografiche o cinematografiche.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sul set del film il regista Pappi Corsicato girò il cortometraggio Argento puro.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Fu presentato come evento speciale al festival di Venezia del 1996.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema