Nishiyodogawa-ku

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nishiyodogawa-ku
Quartiere di Osaka
西淀川区
Nishiyodogawa-ku – Veduta
La sede centrale Ezaki Glico
Localizzazione
StatoGiappone Giappone
RegioneKinki
PrefetturaOsaka
SottoprefetturaNon presente
DistrettoNon presente
MunicipalitàOsaka
Amministrazione
Data di istituzione1 aprile 1925
Territorio
Coordinate34°43′01″N 135°27′23″E / 34.716944°N 135.456389°E34.716944; 135.456389 (Nishiyodogawa-ku)Coordinate: 34°43′01″N 135°27′23″E / 34.716944°N 135.456389°E34.716944; 135.456389 (Nishiyodogawa-ku)
Superficie14,23 km²
Abitanti96 700[1] (2014)
Densità6 795,5 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso06
Fuso orarioUTC+9
ISO 3166-2JP-27
Cartografia
Mappa di localizzazione: Giappone
Nishiyodogawa-ku
Nishiyodogawa-ku
Nishiyodogawa-ku – Mappa
Posizione del quartiere Nishiyodogawa-ku a Osaka
Sito istituzionale

Nishiyodogawa-ku (西淀川区?) è uno dei 24 quartieri di Osaka in Giappone. Ha un'area di 14,23 km² e nel 2014 contava una popolazione di 96 700 abitanti. All'interno dell'area si trova la sede centrale della Ezaki Glico, importante azienda giapponese di prodotti dolciari.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere si trova in un territorio interamente pianeggiante nella parte nord-occidentale della baia di Osaka, presso la foce del fiume Yodo. Nel suo territorio il fiume Kanzaki confluisce nella foce dello Yodo. Il quartiere è nella zona nord-orientale della città e confina con la municipalità di Amagasaki, che fa parte della prefettura di Hyōgo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antichità, l'area su cui sorge il quartiere, e in generale tutta la città, era sommersa dal mare. Nel corso dei secoli i vari fiumi della zona vi trasportarono sedimenti che diedero luogo a banchi di sabbia e in seguito a diverse isole ( jima o shima?), spesso soggette a inondazioni. Tuttora vi sono molti circondari di Nishiyodogawa-ku i cui nomi hanno come suffisso shima o jima. Si iniziarono quindi a costruire opere di difesa sempre più massicce e il pericolo sembra oggi scongiurato.[1] Nel 1580, Oda Nobunaga sottomise Settsu no Kuni e fece costruire in questa zona, a quel tempo di importanza strategica, il castello di Owada, del quale oggi rimane una lapide commemorativa presso la scuola elementare di Owada nel quartiere.[2]

Nishiyodogawa-ku fu istituito il 1º aprile 1925. Nei decenni a cavallo del 1900 vi furono costruite strade, ferrovie, ponti e soprattutto moderne industrie che fecero del quartiere una grande zona industriale sempre più inquinata. La municipalità prese quindi drastici provvedimenti e la zona tornò ad essere relativamente salubre.[1]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Santuario Sumiyoshi nel circondario di Nozato di Nishiyodogawa-ku

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Nel quartiere vi sono diversi vecchi santuari shintoisti dedicati ai Sumiyoshi, divinità guardiane del mare, costruiti probabilmente per scongiurare le inondazioni.[1]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono vaste aree verdi lungo i fiumi Yodo e Kanzaki, all'interno delle quali passano due lunghe piste ciclabili.[3]

Trasporti e infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Tra le arterie più importanti che attraversano Nishiyodogawa-ku vi sono la Highway 2, la Highway 43, Yodogawa Dori (viale Yodogawa), la Hanshin Expressway per Ikeda e Kobe e la strada costiera lungo la baia.[1] Diversi ponti collegano le rive di Yodo e Kanzaki.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Le linee ferroviarie che servono il quartiere sono:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Nishiyodogawa-ku - Ward overview, su city.osaka.lg.jp. URL consultato il 12 aprile 2019 (archiviato il 5 marzo 2016).
  2. ^ (EN) Owada-jo (Castle) Remains, su city.osaka.lg.jp. URL consultato il 12 aprile 2019.
  3. ^ (EN) Nishiyodogawa-ku - Attractions, su city.osaka.lg.jp. URL consultato il 12 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN254778899
Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone