Nino Oliviero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nino Oliviero

Nino Oliviero (Napoli, 13 febbraio 1918Roma, 29 febbraio 1980) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nino (Gaetano) Oliviero nacque a Napoli, in una modesta famiglia di Posillipo. I genitori si accorsero prestissimo che il bambino aveva grandi potenzialità musicali, tanto che gli fecero prendere lezioni di violino che lo portarono, a soli 16 anni, a diplomarsi col massimo dei voti al Conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli. Cresciuto, il ragazzo si iscrisse all’Università Orientale di Napoli e iniziò contemporaneamente a comporre le prime canzoni, vincendo, con “Primmavera”, il 1º premio al Concorso di Piedigrotta, che all’epoca era un grande trampolino di lancio per giovani musicisti. Il successo lo fece entrare nel novero dei giovani artisti di talento, il che gli permise di iniziare a frequentare i circoli culturali e musicali più importanti della città. Impareggiabile maestro d’arte e di vita fu per lui Libero Bovio, uno dei più grandi poeti della storia di Napoli (autore, fra l’altro, di “Reginella”, ‘O paese d’ ‘o sole”, “Zappatore”), che era solito aprire la sua casa ai giovani artisti di talento, cui trasmetteva, con arguzia e simpatia arte e cultura. Poi venne il buio della nuova guerra, e Nino si ritrovò soldato. Nel 1945 il giovane artista (da poco sposato) decise di trasferirsi a Roma dove entrò a far parte della società Leonardi, che lanciò i suoi primi successi: “'Nu quarto ‘e luna”, “Quanno staje cu mme”, “‘O ciucciariello” (scritto con l’amico Roberto Murolo), “Giuvanne cu ‘a chitarra”, “La vita è un paradiso di bugie" (sul podio di uno dei primi Festival di Sanremo). Divenuto amico del giornalista-regista Gualtiero Jacopetti, iniziò a collaborare, come musicista, ai celebri “cinegiornali” dell’epoca (come “La settimana Incom” e “Ieri, oggi, domani”), brevi filmati di cronaca, spesso utilizzati come satira molto ironica, che venivano proiettati nelle sale, con grande successo, prima dei normali film. Nel ’62 Jacopetti partì per le riprese di un film documentario che avrebbe fatto epoca, “Mondo Cane”, un’antologia di curiosità (spesso anche forti e dure) raccolte qua e là nella Terra. Oliviero fu quindi incaricato di scrivere la colonna sonora del film che andava nascendo e che sarebbe diventata uno dei più grandi successi di sempre, soprattutto in America. La canzone tratta dal film, infatti (“Ti guarderò nel cuore”, tradotta in americano “More”) ebbe un grandissimo successo negli Stati Uniti, tanto da essere candidata ai Premi Oscar del 1963. Ormai Oliviero era un musicista di fama internazionale. Vinse (primo musicista italiano ad ottenerlo) il prestigioso “Premio Grammy” (l’Oscar americano per la musica), e continuò a comporre colonne sonore di grande successo (“Mondo Cane 2″, “Una moglie americana” con Ugo Tognazzi, “La moglie giapponese” con Gastone Moschin), fino ad essere prescelto dal grande Vincent Minnelli per musicare il suo ultimo film “Nina”, con Liza Minnelli e Ingrid Bergman. Si è spento a Roma all’età di 62 anni.

Canzoni (parziali)[modifica | modifica wikitesto]

  • 'Nu quarto 'e luna (versi di Tito Manlio)
  • 'O ciucciariello (versi di Roberto Murolo)
  • Giuvanne co' 'a chitarra (versi di Stefano Canzio)
  • Quanno tu staje cu' mme (versi e musica dell'autore)
  • Stella furastiera (versi di Giuseppe Marotta)
  • Si tu me cercarraje (versi e musica dell'autore)
  • Bell’e papà (versi e musica dell'autore)
  • Suspirata (versi di Ferdinando Russo)
  • Voglio sunnà Pusilleco (versi e musica dell'autore)
  • Facimmo pace (versi e musica dell'autore)
  • Serenatella ‘e maggio (versi di Vincenzo De Crescenzo)
  • La vita è un paradiso di bugie (Versi di Diego Calcagno)
  • Maestrale (versi e musica dell'autore)
  • Napule sole mio (versi di Mimì Furnò)
  • Un giorno a Brooklyn (concerto per pianoforte e orchestra)
  • Ti guarderò nel cuore (dal film “Mondo cane”)
  • Una donna nel mondo (versi di Nico Fidenco)
  • Voglio bene al mondo (dal film “Mondo Cane 2”)
  • Nina (dal film omonimo)

Colonne sonore (parziali)[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23844697 · ISNI (EN0000 0001 1608 2803 · Europeana agent/base/135558 · LCCN (ENn95041670 · GND (DE142321656 · BNF (FRcb16404797s (data) · BNE (ESXX1440811 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n95041670