Nimbārka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nimbarka)
Nimbārka in un'immagine devozionale moderna.

Nimbārka, conosciuto anche come Nimbāditya o Niyamānanda (XII o XIV secolo? – XII o XIV secolo?), è stato un teologo e filosofo indiano vedāntico viṣṇuita-kṛṣṇaita, nonché il fondatore della scuola dello Nāmavat-sampradāya[1] o anche Sanakādi-sampradāya, propugnatrice della dottrina detta dello dvaitādvaitavāda ("dottrina del dualismo e non-dualismo"), anche (svabhāvika-)bhedābheda o ancora līlāvāda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in una famiglia di brahmani parlanti il telugo, forse provenienti dalla città di Nimba o Nimbapura nella regione del Beilary (Mysore, India) anche se poi la sua figura è strettamente legata al villaggio di Mathurā, luogo sacro al kṛṣṇaismo collocato nella regione del Vraja (Braj).

Il periodo in cui è vissuto Nimbārka è stato a lungo punto di controversia tra gli indologi: prendendo in considerazione che nei suoi commentari sul Brahmasūtra cita Rāmānuja ha condotto Ramakrishna Gopal Bhandarkar (1837–1925) a ritenere che fosse vissuto nel XII secolo; diversamente Surendranath Dasgupta (1887-1952), considerando le datazioni dei sampradāya viṣṇuiti sposta la datazione alla metà del XIV secolo

Dottrine[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

A questo santo e teologo hindū sono attribuite complessive nove opere. Tra le più note, i commentari (bhāṣya) al Brahmasūtra e al Vedāntapārijātasaurabha e la Daśaślokī. Da tener presente che alcune opere di questo autore non hanno nemmeno un'edizione a stampa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. Mario Piantelli, p. 140.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie