Nikki Haley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nikki Haley
Nikki Haley official photo.jpg

29° Rappresentante permanente degli Stati Uniti d'America alle Nazioni Unite
Durata mandato 27 gennaio 2017 –
31 dicembre 2018
Predecessore Samantha Power
Successore Kelly Knight Craft (nominata)

116º Governatore della Carolina del Sud
Durata mandato 12 gennaio 2011 –
24 gennaio 2017
Predecessore Mark Sanford
Successore Henry McMaster

Membro della Camera dei Rappresentanti della Carolina del Sud - 87º distretto
Durata mandato 11 gennaio 2005 –
11 gennaio 2011
Predecessore Larry Koon
Successore Todd Atwater

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica conservatrice
Firma Firma di Nikki Haley

Nimrata "Nikki" Randhawa, coniugata Haley (Bamberg, 20 gennaio 1972), è una politica statunitense, membro del Partito Repubblicano e rappresentante permanente alle Nazioni Unite dal 27 gennaio 2017; è stata governatrice della Carolina del Sud dal 2011 al 2017 e membro della Camera dei rappresentanti della Carolina del Sud dal 2005 al 2011.

Haley fu la prima governatrice della Carolina del Sud, e il secondo indo-americano, dopo il repubblicano Bobby Jindal, a essere governatore negli Stati Uniti. Durante la campagna presidenziale del 2012, il candidato repubblicano Mitt Romney ha considerato Haley come una potenziale vice presidente in ticket, anche se Haley aveva dichiarato che avrebbe rifiutato qualsiasi proposta a causa della sua carica di governatore.[1][2] Ha pronunciato la risposta repubblicana al discorso sullo stato dell'Unione del presidente Barack Obama il 12 gennaio 2016.[3] Nel 2016, Haley è stata nominata tra le 100 persone più influenti dalla rivista Time.[4]

In qualità di rappresentante presso le Nazioni Unite, ha affermato la volontà degli Stati Uniti di usare la forza militare in risposta ad ulteriori test missilistici nordcoreani nel 2017.[5] Il mandato di rappresentante di Haley è stato riconosciuto per l'alto grado di visibilità, insolito per un rappresentante presso le Nazioni Unite.[6]

Il 9 ottobre 2018 annuncia le sue dimissioni da Rappresentante alle Nazioni Unite e ha cessato la sua carica il 31 dicembre.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Haley è nata Nimrata Randhawa a Bamberg in Carolina del Sud, in una famiglia di indo-americani Sikh.[7] È sempre stata chiamata "Nikki" dalla sua famiglia.[8] Suo padre, Ajit Singh Randhawa, e sua madre, Raj Kaur Randhawa, sono emigrati dal distretto di Amritsar, nello stato di Punjab in India.[2] Suo padre era un ex professore della Punjab Agricultural University e sua madre si era laureata in giurisprudenza presso l'Università di Delhi.[9]

I genitori di Haley si sono trasferiti in Canada dopo che suo padre ha ricevuto una borsa di studio da parte della Università della Columbia Britannica. Quando suo padre si laureò nel 1969, la sua famiglia si trasferì in South Carolina, dove accettò un posto di professore presso la storica università afroindiana Voorhees College.[10] Sua madre, Raj Randhawa, ha conseguito un master in educazione e ha insegnato per sette anni nelle scuole pubbliche di Bamberg prima di fondare una società di abbigliamento, Exotica International, nel 1976.[9] Haley ha due fratelli, Mitti, un membro in pensione dell'United States Army Chemical Corps che ha prestato servizio nella guerra del Golfo, e Charan, un web design e una sorella, Simran, una conduttrice radiofonica e alumna del Fashion Institute of Technology, nata in Canada.[11]

Quando Haley aveva cinque anni, i suoi genitori hanno tentato di iscriverla al concorso "Miss Bamberg". Il concorso ha tradizionalmente incoronato una regina nera e una regina bianca. Dal momento che i giudici hanno deciso che Haley non rientrava in nessuna delle due categorie, l'hanno squalificata.[2] All'età di 12 anni, Haley iniziò a collaborare alla contabilità nel negozio di abbigliamento femminile di sua madre.[12] Nel 1989, Haley si è diplomata alle Orangeburg Preparatory Schools.[13] Si è laureata presso la Clemson University con una laurea in contabilità.[14]

Successivamente cominciò ad essere attiva in politica con il Partito Repubblicano. Nel 1996 sposò Michael Haley, un impiegato del Dipartimento dell'Esercito e ne assunse il cognome.[15]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea alla Clemson University, Haley ha lavorato per la FCR Corporation, un'azienda di gestione e riciclaggio dei rifiuti, prima di unirsi all'azienda di abbigliamento della sua famiglia. In seguito è diventata responsabile amministrativo[12] e finanziario di Exotica International[16].

Haley fu nominato nel consiglio di amministrazione della camera di commercio della contea di Orangeburg nel 1998[17] e nel consiglio di amministrazione della camera di commercio di Lexington nel 2003. Haley è diventata tesoriere della National Association of Women Business Owners nel 2003, e presidente nel 2004.[17] Ha presieduto il Lexington Gala per raccogliere fondi per l'ospedale locale.[18] Ha anche prestato servizio presso la Lexington Medical Foundation, la Lexington County Sheriff's Foundation e la West Metro Republican Women.[14] È stata presidente della campagna 2006 della Friends of Scouting Leadership Division.[19]

Camera dei rappresentanti della Carolina del Sud[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, Haley ha corso per la Camera dei rappresentanti della Carolina del Sud per rappresentare l'87º distretto nella Contea di Lexington. Ha sfidato il membro in carica Larry Koon nelle primarie repubblicane, il più longevo legislatore. Il suo programma comprendeva sgravi fiscali per i beni immobiliari e la riforma dell'istruzione.[20] Alle primarie, ha ottenuto un ballottaggio, visto che Koon ha ottenuto solo il 42% dei voti, classificandosi seconda con il 40% dei voti.[21] Nel ballottaggio, lo ha sconfitto con il 55% a 45%.[22] Poi ha partecipato senza difficoltà alle elezioni politiche.[23] Fu la prima indoamericana a ricoprire incarichi nella Carolina del Sud.[24] Nel 2006 non si sono presentate candidature avversarie per la rielezione a un secondo mandato.[25] Nel 2008, ha vinto la rielezione a un terzo mandato, sconfiggendo il democratico Edgar Gomez 83% a 17%.[26][27] Haley è stata eletta presidente del caucus delle matricole nel 2005 e la whip della maggioranza nella in South Carolina General Assembly.[28] Era l'unica matricola legislatore nominata whip allora.[29]

Politica fiscale[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli obiettivi dichiarati di Haley era quello di ridurre le imposte. Quando Mark Sanford era governatore della Carolina del Sud, Haley ha votato contro una proposta di addizionale per le sigarette. Il gettito della tassa sarebbe stato destinato a programmi di prevenzione del fumo e alla ricerca sul cancro collegato al fumo.[30] Ha votato per un disegno di legge che prevedeva l'aumento delle imposte sulle vendite da cinque centesimi a sei centesimi. Il progetto di legge esentava dall'imposta sulle vendite gli alimenti non preparati come le conserve. La stessa legge esentava anche l'imposta sulla proprietà sulla "proprietà abitativa occupata dal proprietario", ad eccezione delle imposte dovute da ciò che è ancora dovuto sulla proprietà.[31]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Haley ha attuato un programma in base al quale gli stipendi degli insegnanti sarebbero stati basati non solo sull'anzianità e sulle qualifiche, ma anche sulle prestazioni lavorative, determinate dalle valutazioni e dai rapporti di presidi, studenti e genitori.[32] Ha sostenuto la libera scelta della scuola e le charter school.[33]

Pensioni legislative[modifica | modifica wikitesto]

Haley ha sostenuto il divieto per i legislatori di riscuotere le pensioni legislative durante il loro mandato, credendo che tali pensioni debbano essere calcolate solo sulla base dello stipendio legislativo di 10.400 dollari invece dello stipendio più l'indennità di spesa annuale di 12.000 dollari dei legislatori.[34]

Immmigrazione[modifica | modifica wikitesto]

Haley ha affermato che, in quanto figlia di immigrati, ritiene che le leggi sull'immigrazione debbano essere rispettate.[35] Ha votato a favore di una legge che richiede ai datori di lavoro di essere in grado di dimostrare che i nuovi assunti dipendenti siano residenti legali negli Stati Uniti, e richiede anche a tutti gli immigrati di portare con sé la documentazione in ogni momento dimostrando che si trovino legalmente negli Stati Uniti. Haley ha firmato una legge in stile Arizona SB 1070 per reprimere l'immigrazione illegale nel giugno 2011.[36] La legge è stata oggetto di una causa promossa dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per numerosi motivi, tra cui la violazione della clausola di supremazia. Rob Godfrey, un portavoce di Haley, ha detto: "Se i federali facessero il loro lavoro, non avremmo dovuto occuparci della riforma sull'immigrazione illegale a livello statale. Ma, finché non lo faranno, continueremo a lottare in Carolina del Sud per essere in grado di far rispettare le nostre leggi".[37]

Aborto[modifica | modifica wikitesto]

Haley si definisce pro-life e ha sostenuto le leggi volte a limitare il diritto di aborto. Lei ha dichiarato[2][38][39][40]: "Non sono pro-life perché il Partito Repubblicano me lo dice, sono pro-life perché tutti noi abbiamo avuto esperienze di cosa significhi avere uno di questi bambini speciali nella nostra vita".[40]

Haley ha sempre appoggiato progetti di legge che danno diritti a un feto e limitano l'aborto, tranne quando la vita della madre è a rischio. Nel 2006, come membro della Camera dei rappresentanti della Carolina del Sud, Haley ha votato a favore della legge sulle sanzioni per il danno al feto e al bambino non ancora nato, che afferma che un atto di violenza contro un feto è analogo a un atto criminale contro la madre. Ha anche votato per due distinte leggi che richiedevano che una donna dovesse prima guardare un'ecografia e poi aspettare 24 ore prima di poter effettuare un aborto.[41] Nel 2016, ha nuovamente firmato una nuova legge statale che vieta l'aborto dopo 20 settimane di gravidanza.[2]

Haley ha votato a favore di alcuni progetti di legge relativi all'aborto che sono stati presentati o respinti, tra cui l'emendamento per l'inclusione del feto/bambino non ancora nato nella definizione della cause civili, l'emendamento che proibisce la cessazione del rapporto di lavoro a seguito del periodo di attesa per l'aborto e l'emendamento che esonera i casi di stupro dal periodo di attesa per l'aborto. In questo modo si sarebbe consentito a casi specifici di donne di non dover attendere le 24 ore obbligatorie prima di abortire.[42]

Comitati legislativi[modifica | modifica wikitesto]

  • Labor Commerce and Industry[43]
  • Medical, Military, Public and Municipal Affairs[44]

Comitati non legislativi[modifica | modifica wikitesto]

  • Freshman Caucus, 2005-2006 (Presidente)
  • Lexington County Meth Taskforce
  • Sportsman's Caucus
  • Women's Caucus, 2007 (Vicepresidente)[45]

Governatorato[modifica | modifica wikitesto]

Elezione del 2010[modifica | modifica wikitesto]

Haley nel 2010

Il 14 maggio 2009, Haley ha annunciato che si sarebbe candidata per la nomina repubblicana a Governatore della Carolina del Sud alle elezioni del 2010.[46] Haley era stata persuasa a candidarsi dal governatore in carica e collega repubblicano Mark Sanford.[47] L'11 novembre 2009, è stata appoggiata dall'ex governatore del Massachusetts e candidato alla presidenza Mitt Romney.[48] Era nei sondaggi all'ultimo posto nelle primarie repubblicane prima dell'approvazione a sorpresa dell'ex governatrice dell'Alaska Sarah Palin, tre settimane prima delle primarie.[49][50]

Le elezioni primarie ha avuto luogo l'8 giugno 2010, e Haley ha conquistato il 49% dei voti, con il conseguente ballottaggio del 22 giugno.[51] Haley ha vinto con grande vantaggio al ballottaggio.[52] Haley è stata eletta governatrice il 2 novembre 2010, sconfiggendo il candidato democratico, Vincent Sheheen con il 51% contro il 47%.[53] È la terza persona non bianca ad essere stata eletta governatore di uno degli Stati Uniti meridionali, dopo Lawrence Douglas Wilder in Virginia e Bobby Jindal in Louisiana.[54]

Quattro vice-governatori hanno ricoperto la carica sotto il governo di Haley, più di qualsiasi altro governatore nella storia della Carolina del Sud. Inoltre, Haley, una repubblicana, ha avuto Yancey McGill, un democratico, per ricoprire il ruolo di suo vice-governatore dopo le dimissioni di Glenn F. McConnell. Haley inizialmente era contro l'avere un democratico come secondo in comando, ma lei, con il senato, alla fine ha deciso diversamente.[55]

Nel luglio 2013, Haley è stata multata di 3.500 dollari dalla Commissione Etica dello Stato e ha ricevuto un "avvertimento pubblico" per non aver comunicato gli indirizzi di otto donatori durante la sua campagna per il governatorato del 2010.[56]

Rielezione del 2014[modifica | modifica wikitesto]

Il vice-governatore Henry McMaster è subentrato alla carica di governatore dopo le dimissioni di Haley

Il 12 agosto 2013, Haley ha annunciato che avrebbe cercato un secondo mandato come governatore.[57] Ha affrontato la sfida di Tom Ervin alle primarie. Tuttavia, Ervin si ritirò e successivamente ha corso alle elezioni governative 2014 come indipendente.[58][59]

Come nel 2010, Vincent Sheheen del Partito Democratico è stato di nuovo il suo sfidante. Anche Tom Ervin, repubblicano e indipendente, era in corsa nelle prime fasi delle elezioni, così come il Libertarian Steve French e il candidato del United Citizens Party Morgan Bruce Reeves.[59] Il primo dibattito pubblico si è tenuto a Charleston il 14 ottobre, tra French, Ervin, Haley, Reeves e Sheheen.[60] Il secondo dibattito pubblico a Greenville, il 21 ottobre, ha coinvolto tutti e cinque i candidati.[61] Una settimana dopo il secondo dibattito, Ervin si è ritirato dalla gara e ha appoggiato Sheheen. Il 26 ottobre c'è stato l'ultimo dibattito tra Vincent Sheheen e Nikki Haley.[62]

Haley è stata rieletta il 4 novembre 2014, con il 55,9% contro il 41,3%, quasi triplicando il suo precedente margine di vittoria su Sheheen nelle elezioni del 2010.[63] Il suo secondo mandato come governatore della Carolina del Sud sarebbe scaduto il 9 gennaio 2019, ma ha rassegnato le dimissioni il 24 gennaio 2017 per ricoprire il ruolo di rappresentante permanenti per gli Stati Uniti d'America alle Nazioni Unite.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Haley ha sostenuto le leggi sull'identificazione degli elettori, leggi che richiedono l'identificazione fotografica alle urne.[64]

Per quanto riguarda il processo di Stato contro Dylann Roof, Haley ha esortato i pubblici ministeri a chiedere la pena di morte nei suoi confronti.[65]

Come governatrice, nel 2016, Haley ha ricevuto un'ampia copertura della stampa per aver detto la frase "che Dio ti benefica" in risposta a un attacco da parte dell'allora candidato alla presidenza Donald Trump.[66][67] Trump l'aveva attaccata su Twitter per la sua richiesta di rilasciare i suoi documenti fiscali.[68]

Politica economica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere diventata Governatrice, Haley ha nominato Bobby Hitt come Segretario di Stato per il Commercio.[69] Sotto la loro guida, lo Stato ha annunciato l'assunzione di oltre 85.000 nuovi lavoratori e 21,5 miliardi di dollari in investimenti finanziari.[70]

Invitando gli imprenditori a trasferirsi in Carolina del Sud ha detto: "Quello che sto dicendo è che, se venite in Carolina del Sud, il costo per fare impresa qui sarà basso. Ci assicureremo che abbiate una forza lavoro leale e disponibile e saremo uno degli Stati a più bassa partecipazione sindacale del paese".[71]

Bandiera confederale[modifica | modifica wikitesto]

Prima del giugno 2015, Haley ha appoggiato l'esposizione della Bandiera degli Stati Confederati d'America sul terreno del Campidoglio.[72] Subito dopo il massacro di Charleston, Haley non ha preso posizione sulla rimozione della bandiera, dicendo: "Penso che lo stato comincerà a parlarne di nuovo, e vedremo a che punto andrà".[73][74] Il 22 giugno, Haley ha chiesto la rimozione della bandiera confederata dal terreno del Campidoglio.[75] Ha dichiarato: "Questi sono i fondamenti che fanno della capitale statale un luogo di cui tutti dovrebbero sentirsi parte. Quello che ho capito oggi più che mai è che le persone si sentivano male e soffrivano. Nessuno dovrebbe soffrire". Haley ha anche detto: "C'è un posto per quella bandiera", ma ha aggiunto, "Non è in un posto che rappresenta tutti i popoli della Carolina del Sud".[76] Nel luglio 2015, Haley ha firmato un disegno di legge per autorizzare la rimozione della bandiera confederale dal pennone del Campidoglio della Carolina del Sud.[77][78]

Temi LGBT[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2016, Haley ha dichiarato che non avrebbe sostenuto la legislazione introdotta dal Senato della Carolina del Sud che avrebbe imposto agli individui transgender di utilizzare bagni basati sul sesso biologico invece che sull'identità di genere. Haley ha dichiarato: "Queste non sono istanze su cui non avete riferito qualcosa. Io non ho sentito niente che sia arrivato nel mio ufficio. Quindi, quando guardo alla Carolina del Sud, guardiamo alle nostre situazioni, non sentiamo parlare delle libertà religiose di nessuno che vengono violate e, ancora una volta, non sentiamo cittadini che si sentono violati nelle loro libertà".[79] Haley ha definito superflua tale legislazione sui servizi igienici.[79][80][81]

Israele[modifica | modifica wikitesto]

Haley è stata definita dal senatore della Carolina del Sud Lindsey Graham come una "forte sostenitrice dello stato di Israele".[82] In qualità di Governatore della Carolina del Sud, ha firmato una legge per fermare gli sforzi del movimento boicottaggio, disinvestimento e sanzioni.[82] Questa legge è stata la prima del suo tipo a livello statale.[82] Haley ha inoltre affermato che "in nessun caso il fallimento dell'ONU è stato più persistente e oltraggioso che nella sua parzialità contro il nostro vicino alleato Israele".[83]

Potenziale candidatura presidenziale o vicepresidenziale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, l'ex governatore Mitt Romney l'ha considerata come sua vice presidente.[2] Nell'aprile 2012, Haley ha detto che avrebbe rifiutato qualsiasi proposta: "Direi grazie, ma no, ho fatto una promessa al popolo di questo stato. E credo che questa promessa sia importante. E io intendo mantenerla".[84]

Haley è stata nominata nel gennaio 2016 come potenziale candidata per la vice presidenza alle elezioni presidenziali del 2016 negli Stati Uniti.[85][86] The Economist ha descritto Haley come una politica con alti gradi di apprezzamento che possiede una combinazione di "ferocia fiscale e capacità di conciliazione", e ha dichiarato che come candidata e come minoranza etnica avrebbe avuto un appeal.[85] Il 4 maggio 2016, dopo che Trump è diventato il candidato presunto presidenziale, Haley ha negato l'interesse per la nomina vice presidenziale.[87][88]

Haley era critica nei confronti di Trump durante le elezioni, ed era una sostenitrice del senatore e candidato Marco Rubio. Quando Rubio ha rinunciato alle elezioni, ha poi sostenuto il candidato Ted Cruz. Quando Trump è diventata il candidato repubblicano, ha detto che avrebbe votato per lui, ma non era una "fan".[89]

Da quando Haley è diventata rappresentante degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, molti esperti hanno affermato che in futuro sarebbe stata una possibile candidata alla presidenza repubblicana[90][91] e potrebbe vincere la Casa Bianca.[92][93][94] Trump, a detta del suo staff, nel mese di ottobre 2017 la stava preparando per un ruolo politico nazionale, avendo numerosi incontri privati con lei sul Air Force One dopo che aveva fatto amicizia con la figlia, Ivanka Trump.[95]

Rappresentante permanente degli Stati Uniti d'America alle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Nomina e conferma[modifica | modifica wikitesto]

Haley ha giurato il 25 gennaio 2017 con il vicepresidente Mike Pence e il senatore Marco Rubio, in piedi a lato.

Il 23 novembre 2016 il presidente eletto degli Stati Uniti d'America Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di nominare Haley rappresentante permanente per gli Stati Uniti d'America alle Nazioni Unite.[96] Il 20 gennaio 2017, il presidente Trump ha trasmesso la nomina di Haley al Senato degli Stati Uniti.[97] È stato riportato che il presidente Trump inizialmente ha offerto ad Haley la carica di segretario di Stato, che lei ha rifiutato.[98]

Il 24 gennaio 2017, Haley è stato confermato dal Senato 96 voti contro 4 per diventare la rappresentante di Donald Trump presso le Nazioni Unite.[97] I quattro che hanno votato contro Haley sono stati i senatori Bernie Sanders, Martin Heinrich, Tom Udall e Chris Coons.[99] Haley è stata la prima indiana americana a ricoprire una posizione a livello di gabinetto.[100] Poco dopo, si dimise come governatrice della Carolina del Sud e il vice governatore Henry McMaster divenne governatore della Carolina del Sud.[101]

Haley ha prestato giuramento il 25 gennaio 2017 con il vicepresidente Mike Pence. Ha incontrato il Segretario generale delle Nazioni Unite il 27 gennaio 2017, presso l'ufficio delle Nazioni Unite a New York.[102]

Mandato[modifica | modifica wikitesto]

Haley al fianco del Presidente Donald Trump e del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Il 2 febbraio 2017, Haley ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che le sanzioni contro la Russia per il suo conflitto di Crimea non sarebbero state revocate finché la Russia non avesse restituito il controllo della regione all'Ucraina.[103] Il 4 giugno 2017, Haley ha riferito che gli Stati Uniti manterranno "sanzioni forti e severe quando si tratta della questione in Ucraina".[104]

Il 15 marzo 2017, Haley ha detto che non sosterrà un bando per i musulmani se il presidente Trump decidesse di emanarne uno. Haley ha detto di non credere che "dovremmo mai bandire qualcuno in base alla sua religione" e che un bando musulmano sarebbe "antiamericano".[105]

Il 30 marzo 2017, Haley ha dichiarato che gli Stati Uniti non si sarebbero più concentrati sul costringere il presidente siriano Bashar al-Assad a lasciare il potere. Si tratta di un cambiamento di politica rispetto alla posizione iniziale dell'ex presidente Barack Obama su Assad.[106] Il 5 aprile, parlando al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il giorno dopo l'attacco chimico di Khan Shaykhun, Haley ha detto che Russia, Assad e Iran "non hanno alcun interesse per la pace" e attacchi simili sarebbero continuati se non fosse stato fatto nulla per reagire.[107] Il giorno dopo, gli Stati Uniti hanno lanciato 59 missili da crociera Tomahawk verso la base aerea di Shayrat in Siria. Haley ha definito il bombardamento una "iniziativa assai misurata" e ha avvertito che gli Stati Uniti erano disposti a "fare di più" nonostante desiderassero che non fosse necessario.[108] Il 12 aprile, dopo che la Russia ha bloccato un disegno di risoluzione per condannare l'attacco chimico di Khan Shaykhun, Haley ha criticato la Russia, dicendo: "occorre che la Russia decida di schierarsi con il mondo civile rispetto ad un governo di Assad che terrorizza brutalmente il suo stesso popolo".[109] Il 28 giugno, mentre appariva davanti alla Commissione per gli Affari Esteri della Camera degli Stati Uniti, Haley ha attribuito all' avvertimento del Presidente Trump alla Siria di aver fermato un altro attacco chimico: "Posso dirvi che, a causa delle azioni del presidente, non abbiamo assistito ad un evento."[110]

Nell'aprile 2017, durante la sua prima sessione come presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Haley ha accusato l'Iran e Hezbollah di aver "condotto atti terroristici" per decenni in Medio Oriente.[111]

Haley ha detto che l'esercito statunitense potrebbe essere schierato in risposta a qualsiasi ulteriore test missilistico nordcoreano o all'uso di missili nucleari e che lei riteneva che Kim Jong-un lo avesse compreso a causa delle pressioni sia degli Stati Uniti che della Cina.[112] Il 14 maggio 2017, dopo che la Corea del Nord ha eseguito un test dei missili balistici, Haley ha detto che Kim era "in uno stato di paranoia" dopo aver percepito la pressione degli Stati Uniti.[113] Il 2 giugno 2017, dopo che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che aggiunge quindici nordcoreani e quattro società collegate ai programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord ad una lista nera in materia di sanzioni, Haley ha detto che il voto del Consiglio "invia oggi un chiaro messaggio alla Corea del Nord: Smettete di lanciare missili balistici o ne affronterete le conseguenze".[114] Il 5 luglio 2017, durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in risposta al lancio di un missile balistico intercontinentale da parte della Corea del Nord, Haley ha annunciato che entro pochi giorni gli Stati Uniti avrebbero "portato davanti al Consiglio di sicurezza una risoluzione che aumenta la risposta internazionale in modo proporzionato alla nuova escalation della Corea del Nord".[115] Il mese successivo il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all'unanimità le sanzioni contro la Corea del Nord che hanno vietato le esportazioni per un valore superiore a un miliardo di dollari.[116] Haley ha detto che il pacchetto di sanzioni è "il più grande che sia mai stato imposto al regime nordcoreano".[117]

Sempre nell'aprile 2017, Haley si è espressa contro Ramzan Kadyrov e l'abuso e l'assassinio di uomini gay in Cecenia. Ha dichiarato che "continuiamo ad essere disturbati dalle segnalazioni di rapimenti, torture e omicidi di persone in Cecenia sulla base del loro orientamento sessuale, questa violazione dei diritti umani non può essere ignorata".[118]

Haley incontra il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu nel suo ufficio di Gerusalemme il 7 giugno 2017
Haley sulle alture del Golan (conquistate dalla Siria durante la guerra dei sei giorni e formalmente annessa da Israele nel 1981) nel giugno 2017

Nel maggio 2017, in un'intervista, Haley ha espresso interesse a spostare l'Ambasciata degli Stati Uniti in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme.[119] Il 7 giugno, Haley ha accusato l'ONU di aver "oppresso Israele per molto tempo" e ha promesso che gli Stati Uniti avrebbero posto fine a questo trattamento a Gerusalemme.[120] Israele occupò la Giordania controllata Gerusalemme Est durante la guerra dei sei giorni nel 1967 e lo ha formalmente annesso nel 1980. La legge di Gerusalemme ha dichiarato Gerusalemme "capitale indivisibile" di Israele.[121]

Nel luglio 2017, dopo che l'UNESCO ha votato per designare la Città Vecchia di Hebron e la Tomba dei Patriarchi come siti in via di estinzione del patrimonio mondiale del territorio dello Stato di Palestina, Haley ha definito la scelta "tragica su più livelli".[122]

Nel settembre 2017, Haley ha dichiarato che "alcuni paesi" (un riferimento a Russia, anche se Haley non ha citato la Russia per nome) stavano proteggendo l'Iran impedendo all'Agenzia internazionale per l'energia atomica di verificare il rispetto dell'accordo sul nucleare iraniano. Haley ha detto che "sembra che alcuni paesi stiano cercando di proteggere l'Iran da ulteriori ispezioni. Senza ispezioni, l'accordo con l'Iran è una promessa vuota".[123]

Nel settembre 2017, Haley ha detto che il suo governo era "profondamente turbato" dalle notizie di atrocità contro i musulmani rohingya in Birmania.[124]

Nell'ottobre 2017, l'Office of Special Counsel ha stabilito che Haley aveva violato il Federal Hatch Act nel giugno 2017 ritweetando il sostegno di Trump a Ralph Norman, un candidato repubblicano al Congresso della Carolina del Sud. Haley ha cancellato il re-tweet dopo che un esposto è stato presentato dal gruppo di vigilanza governativo Citizens for Responsibility and Ethics a Washington. L'Office of Special Counsel ha emesso un ammonimento per iscritto, ma non ha proposto di intraprendere ulteriori provvedimenti contro Haley. La lettera del consulente legale speciale avvertiva Haley che qualsiasi futura violazione potrebbe essere considerata una "violazione intenzionale e consapevole della legge".[125][126]

Nell'ottobre 2017, gli Stati Uniti, insieme ad altre 13 nazioni, hanno votato contro una risoluzione delle Nazioni Unite intitolata "La questione della pena di morte", che condannava il ricorso alla pena capitale quando "applicata in modo arbitrario o discriminatorio" e condannava specificamente "l'imposizione della pena di morte come sanzione per determinate forme di condotta, come l'apostasia, la blasfemia, l'adulterio e i rapporti consensuali tra persone dello stesso sesso".[127] I difensori dei diritti LGBTQ negli Stati Uniti, compresa la Human Rights Campaign, hanno criticato il voto. Dopo il voto, una portavoce del Dipartimento di Stato ha annunciato che "abbiamo votato contro quella risoluzione a causa delle più ampie preoccupazioni sull'approccio della risoluzione nel condannare la pena di morte in tutte le circostanze, gli Stati Uniti condannano inequivocabilmente l'applicazione della pena di morte per comportamenti come l'omosessualità, la blasfemia, l'adulterio e l'apostasia. Noi non consideriamo tale condotta appropriata per la criminalizzazione".[127]

Nel dicembre 2017 Haley ha avvertito i membri delle Nazioni Unite che avrebbe "appuntato i nomi" dei paesi che votano per rifiutare il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele da parte di Donald Trump. In una lettera Haley ha scritto: "mentre considerate il vostro voto, vi incoraggio a sapere che il presidente e gli Stati Uniti prendono questo voto personalmente. Il presidente seguirà attentamente questo voto e ha chiesto che io riferisca su coloro che hanno votato contro di noi".[128]

Nel dicembre 2017, Haley ha accusato l'Iran di sostenere la guerra civile in Yemen. Gli Huthi stanno combattendo il governo Hadi supportato dall'Arabia Saudita. Ha detto che "la lotta contro l'aggressione iraniana è la lotta del mondo". Il portavoce della missione iraniana dell'ONU Alireza Miryusefi ha risposto che "queste accuse cercano di coprire anche i crimini di guerra sauditi nello Yemen, con la complicità degli Stati Uniti, e di distogliere l'attenzione dallo stallo della guerra di aggressione contro gli yemeniti". L'Iran ha paragonato la presentazione di Haley a quella dell'allora segretario di Stato Colin Powell, prima dell'invasione dell'Iraq nel 2003.[129] Haley ha anche detto che "è difficile trovare un conflitto o un gruppo terroristico in Medio Oriente che non ha tracce dell'Iran dappertutto", ma non ha menzionato il ruolo degli Stati Uniti nell'intervento guidato dall'Arabia Saudita nello Yemen e il blocco dello Yemen da parte della coalizione guidata dall'Arabia Saudita.[130]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 1996, ha sposato Michael Haley, sia con una cerimonia Sikh che con una cerimonia metodista.[131] Haley si identifica oggi come cristiana, ma frequenta sia le funzioni di culto sikh che metodiste. Ha fatto un pellegrinaggio al Tempio d'Oro con suo marito nel 2014 durante la sua visita in India. In un'intervista a Christianity Today, alla domanda se spera o meno che i suoi genitori si convertano al cristianesimo, Haley ha risposto: "Quello che spero è che i miei genitori facciano ciò che è giusto per loro".[132][133]

Suo marito è ufficiale della South Carolina Army National Guard ed è stato inviato in missione per un anno in Afghanistan nel gennaio 2013.[134] La coppia ha due figli, Rena (nata l'8 giugno 1998)[135] e Nalin.[136]

Nel maggio 2015, Haley ha ricevuto una Laurea honoris causa in Gestione pubblica da parte della University of South Carolina.[137] Nel maggio 2018, ha ricevuto un secondo dottorato onorario in Discipline umanistiche da parte della sua alma mater, Clemson University.[138]

Autobiografia[modifica | modifica wikitesto]

Haley ha pubblicato un'autobiografia, Can't Is Not an Option: My American Story (Penguin Books) nel 2012.[139]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Friend of the Taxpayer Award, S.C. Association of Taxpayers, 2005[140]
  • Leader in Liberty Award, ABATE of South Carolina, 2005
  • Legislator of the Year Award, Centennial Foundation, 2005
  • Indian American Pride Award, Indian American Friendship Council, 2005
  • Palmetto Leadership Award, South Carolina Policy Council, 2006
  • Strom Thurmond Excellence in Public Service and Government Award, South Carolina Federation of Republican Women, 2006
  • Champion of Housing Award, Home Builders Association of S.C., 2007
  • W. Mack Chamblee Quality of Life Award, S.C. Association of Realtors, 2007
  • Order of the Palmetto, 2010[141]
  • Dottorato Onorario, University of South Carolina, 2015
  • Ambassador of the Year, Columbia Chamber, 2015.[142]
  • Award of Appreciation, Harvard Foundation for Intercultural and Race Relations, 2015[143]
  • David H. Wilkins Awards for Excellence, The Riley Institute at Furman University, 2015[144]
  • First Lady's Visionary Award, Claflin University, 2016[145]
  • "The 100 Most Influential People", Time Magazine, 2016
  • Hyman Rubin Award, Greater Columbia Community Relations Council, 2016[146]
  • WDN "10 for 10" award, International Republican Institute, 2016[147]
  • Global Vision Award, Columbia World Affairs Council, 2016[148]
  • Dottorato Onorario, Clemson University, 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ariel Edwards-Levy, Nikki Haley On Republican Vice Presidential Prospects: 'I'd Say Thank You But No', in Huffington Post, 2 aprile 2012. URL consultato il 23 agosto 2018.
  2. ^ a b c d e f (EN) Richard Fausset e Somini Sengupta, Nikki Haley’s Path: From Daughter of Immigrants to Trump’s Pick for U.N., in The New York Times, 23 novembre 2016. URL consultato il 23 agosto 2018.
  3. ^ Nikki Haley, Republican response to State of the Union: Transcript, in CNN, 13 gennaio 2016. URL consultato il 23 agosto 2018.
  4. ^ Lindsey Graham, Nikki Haley, su TIME, 21 aprile 2016. URL consultato il 23 agosto 2018.
  5. ^ Corea del nord: Usa propongono all'Onu nuove sanzioni, contrarie Russia e Cina, in Repubblica.it, 5 luglio 2017. URL consultato il 23 agosto 2018.
  6. ^ (EN) Abigail Tracy, Does Rex Tillerson Even Care That Nikki Haley Is Stealing His Thunder?, in The Hive, 22 settembre 2017. URL consultato il 23 agosto 2018.
  7. ^ Paul Theroux, Deep South: Four Seasons on Back Roads, Hamish Hamilton, 3 settembre 2015, p. 42, ISBN 9780544323537, OCLC 907294663.
  8. ^ Shaila Dewan e Robbie Brown, All her life, Nikki Haley was the different one, in NDTV, 14 giugno 2010. URL consultato il 24 agosto 2018.
  9. ^ a b (EN) Exotica founders closing store, plan retirement, in The Times and Democrat, 20 aprile 2008. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2018).
  10. ^ (EN) Lavina Melwani, The Nikki Haley Story, su Lassi With Lavina, 23 novembre 2016. URL consultato il 24 agosto 2018.
  11. ^ (EN) Laura Amato, Nikki Haley’s Family: 5 Fast Facts You Need to Know, in Heavy.com, 18 febbraio 2016. URL consultato il 24 agosto 2018.
  12. ^ a b (EN) Haley’s comet, in The Economist, 16 gennaio 2016. URL consultato il 24 agosto 2018.
  13. ^ (EN) Martha Rose Brown, Haley encourages OPS grads to follow their convictions, in The Times and Democrat, 24 maggio 2014. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2017).
  14. ^ a b (EN) Nikki Haley, su Biography. URL consultato il 24 agosto 2018.
  15. ^ (EN) Nikki Haley, su Biography.com. URL consultato il 5 ottobre 2017.
  16. ^ (EN) Shaila Dewan e Robbie Brown, Moxie came early to Nikki Haley, in The Seattle Times, 13 giugno 2010. URL consultato il 24 agosto 2018.
  17. ^ a b Representative Nikki Randhawa Haley, su South Carolina Legislature Online, 11 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2007).
  18. ^ (EN) John O'Connor, Haley's time fundraising for Lexington Medical Center raises questions, in Post and Courier, 26 settembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2018.
  19. ^ (EN) Jeremy Markovich, The Mainstreaming of Nikki Haley - Elected as an outsider, she has become the face of the GOP establishment, in POLITICO, 20 febbraio 2016. URL consultato il 24 agosto 2018.
  20. ^ Nikki Randhawa wins in S Carolina, su NRIinternet.com, 3 novembre 2004. URL consultato il 25 agosto 2018.
  21. ^ NRI Nikki Randhawa-Haley eyes South Carolina assembly, su NRIinternet.com, 10 giugno 2004. URL consultato il 25 agosto 2018.
  22. ^ SC State House 087 - R Runoff Race, su Our Campaigns, 22 giugno 2004. URL consultato il 25 agosto 2018.
  23. ^ SC State House 087 Race, su Our Campaigns, 2 novembre 2004. URL consultato il 25 agosto 2018.
  24. ^ (EN) Who is Nikki Haley?, in VOA, 23 novembre 2016. URL consultato il 25 agosto 2018.
  25. ^ (EN) Roxanne Perugino, Trump Announces Additions to National Security TeamACW, su Arab Center Washington DC, 1º dicembre 2016. URL consultato il 25 agosto 2018.
  26. ^ SC State House 087 Race, su Our Campaigns, 4 novembre 2008. URL consultato il 25 agosto 2018.
  27. ^ State House of Representatives District 87, su SCVotes, 1º giugno 2001. URL consultato il 25 agosto 2018.
  28. ^ (EN) Nikki Haley, su Archives of Women's Political Communication. URL consultato il 25 agosto 2018.
  29. ^ Sikh American woman is Republican whip, su The Tribune, Chandigarh, India. URL consultato il 25 agosto 2018.
  30. ^ (EN) Nikki Haley's Voting Records, su Vote Smart. URL consultato il 25 agosto 2018.
  31. ^ (EN) H 4449 - Sales and Property Taxes - South Carolina Key Vote, su Vote Smart. URL consultato il 25 agosto 2018.
  32. ^ (EN) Taylor Kearns, Teacher pay bill expected to pass, but educators are worried, in WIS. URL consultato il 25 agosto 2018.
  33. ^ (EN) Nikki Haley Unveils Education Plan, in WYFF, 20 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2018.
  34. ^ Thomas Frank, S.C. Gov. Haley wants to end legislators' inflated pensions, in USA Today, 30 settembre 2011. URL consultato il 25 agosto 2018.
  35. ^ (EN) Jim Davenport, Gov. Nikki Haley signs illegal immigration police checks law, in Post and Courier, 26 giugno 2011. URL consultato il 25 agosto 2018.
  36. ^ (EN) Richard Fausset, For Romney, immigration issue offers an opportunity, in Los Angeles Times, 18 gennaio 2012. URL consultato il 25 agosto 2018.
  37. ^ Terry Frieden, U.S. sues South Carolina over immigration law, in CNN, 1º novembre 2011. URL consultato il 25 agosto 2018.
  38. ^ (EN) Claire Chretien, Trump appoints pro-life Gov. Nikki Haley as UN ambassador, in LifeSiteNews, 23 novembre 2016. URL consultato il 25 agosto 2018.
  39. ^ (EN) Maya Oppenheim, Donald Trump's latest cabinet member is completely different to the rest, in The Independent, 23 novembre 2016. URL consultato il 25 agosto 2018.
  40. ^ a b (EN) Maya T. Prabhu, Haley touts new anti-abortion law Holds ceremonial second signing of 20-week ban in conservative Upstate, in Post and Courier, 7 giugno 2016. URL consultato il 25 agosto 2018.
  41. ^ Ken Mandel, Nikki Haley 2016: 7 Key Political Positions of GOP Presidential Hopeful, in Newsmax, 22 dicembre 2014. URL consultato il 25 agosto 2018.
  42. ^ (EN) Nikki Haley's Voting Records, su Vote Smart. URL consultato il 25 agosto 2018.
  43. ^ (EN) Governor: Nikki Haley (Republican, incumbent), in The State, 25 ottobre 2014. URL consultato il 25 agosto 2018.
  44. ^ House Standing Committees - Medical, Military, Public and Municipal Affairs, su South Carolina Legislature Online, 29 maggio 2006. URL consultato il 25 agosto 2018 (archiviato il 29 maggio 2006).
  45. ^ (EN) Nikki Haley's Biography, su Vote Smart. URL consultato il 25 agosto 2018.
  46. ^ (EN) John O'Connor, Haley announces run for governor, in The State, 15 maggio 2009. URL consultato il 26 agosto 2018.
  47. ^ (EN) Jim Rutenberg, Mark Sanford’s Path of Most Resistance, in The New York Times, 26 giugno 2014. URL consultato il 26 agosto 2018.
  48. ^ (EN) Josh Kraushaar, Romney backs Haley in S.C., in POLITICO, 16 marzo 2010. URL consultato il 26 agosto 2018.
  49. ^ Sarah Palin, Shaking it up in South Carolina with Nikki Haley, su Facebook, 14 maggio 2010. URL consultato il 26 agosto 2018.
  50. ^ (EN) Andy Barr, Palin endorses Haley for S.C. governor, in POLITICO, 13 maggio 2010. URL consultato il 26 agosto 2018.
  51. ^ (EN) Jim Davenport, Haley weathers tryst accusations in SC gov race, in The Seattle Times, 9 giugno 2010. URL consultato il 27 agosto 2018.
  52. ^ (EN) Jim Davenport, Haley’s S.C. win ensures spot on national stage, in MSNBC, 23 giugno 2010. URL consultato il 27 agosto 2018.
  53. ^ (EN) Mike Hammer, Haley elected first female governor in SC, in The Washington Post, 3 novembre 2010. URL consultato il 28 agosto 2018.
  54. ^ (EN) From Twitter spat with Trump to entry into his administration: Nikki Haley’s journey into spotlight, in The Indian Express, 23 novembre 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  55. ^ (EN) Nikki Haley describes Yancey McGill as a "true statesman", in The Post and Courier, 14 agosto 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  56. ^ (EN) Seanna Adcox, Haley agrees to pay fine, forward 8 donations, in The Post and Courier, 15 luglio 2013. URL consultato il 28 agosto 2018.
  57. ^ (EN) Leslie Larson, South Carolina Gov. Nikki Haley will run for reelection, bringing in GOP heavyweights Bobby Jindal, Rick Perry, Scott Walker and Tim Scott for formal announcement, in NY Daily News, 12 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2013).
  58. ^ (EN) Nikki Haley Draws A Primary Opponent, in FITSNews, 29 marzo 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  59. ^ a b (EN) Nikki Haley Challenger To Run As Independent, in 11 aprile 2014, FITSNews. URL consultato il 28 agosto 2018.
  60. ^ (EN) South Carolina Governor's Debate, su C-SPAN, 14 ottobre 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  61. ^ (EN) South Carolina Governor's Debate, su C-SPAN, 21 ottobre 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  62. ^ (EN) South Carolina Gubernatorial Debate, su C-SPAN, 26 ottobre 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  63. ^ (EN) Tim Smith, Nikki Haley's 14-point victory gives her mandate, experts say, in The Greenville News, 6 novembre 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  64. ^ John Gizzi, Nikki Haley Defends Voter ID Law, su Newsmax, 3 settembre 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  65. ^ S.C. governor calls for death penalty in church shooting, in The Boston Globe, 19 giugno 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  66. ^ (EN) Nick Gass, Nikki Haley to Trump: 'Bless your heart', in POLITICO, 3 marzo 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  67. ^ Pamela Engel, 'Bless your heart': Governor dismisses Donald Trump after he calls her an embarrassment, in Business Insider, 1º marzo 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  68. ^ Gregory Krieg, CNN, Nikki Haley response to Trump attack: 'Bless your heart', in CNNPolitics, 2 marzo 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  69. ^ (EN) Yvonne Wenger, Bobby Hitt, BMW exec gets new role, in Post and Courier. URL consultato il 28 agosto 2018.
  70. ^ (EN) Andrew Knittle e Maya T. Prabhu, Gov. Nikki Haley delivers sentimental State of the State address, in The Post and Courier, 11 gennaio 2017. URL consultato il 28 agosto 2018.
  71. ^ (EN) Ned Martel, Nikki Haley endorses Mitt Romney, but can they help each other?, su The Washington Post, 16 dicembre 2011. URL consultato il 28 agosto 2018.
  72. ^ (EN) Luke Brinker, Nikki Haley: It’s OK to have the Confederate flag at the statehouse because not “a single CEO..., in Salon, 15 ottobre 2014. URL consultato il 28 agosto 2018.
  73. ^ (EN) Yamiche Alcindor e Doug Stanglin, Affidavits spell out chilling case against Dylann Roof, in USA TODAY, 20 giugno 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  74. ^ (EN) Paige Lavender, Nikki Haley, Mark Sanford Weigh In On Confederate Flag Debate, in Huffington Post, 19 giugno 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  75. ^ (EN) Frances Robles, Richard Fausset e Michael Barbaro, Nikki Haley, South Carolina Governor, Calls for Removal of Confederate Battle Flag, in The New York Times, 22 giugno 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  76. ^ Eugene Scott, Nikki Haley: Confederate flag 'it should have never been there', in CNN, 10 luglio 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  77. ^ (EN) South Carolina Confederate Flag Removal Bill Signing Ceremony, su C-SPAN, 9 luglio 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  78. ^ (EN) Bill Chappell, South Carolina Gov. Nikki Haley Signs Confederate Flag Bill Into Law, in NPR, 9 luglio 2015. URL consultato il 28 agosto 2018.
  79. ^ a b (EN) Mark Joseph Stern, Listen to a Republican Governor Explain Why Anti-Trans Bathroom Laws Are Unnecessary, in Slate, 8 aprile 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  80. ^ (EN) Dane Huffman, SC governor says bill similar to HB2 not necessary, in WNCN, 7 aprile 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  81. ^ (EN) Mark Berman, South Carolina Gov. Nikki Haley says her state doesn’t need transgender bathroom law, su The Washington Post, 7 aprile 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  82. ^ a b c Michael Wilner, South Carolina governor who opposed anti-Israel BDS to be Trump's UN envoy, in The Jerusalem Post, 23 novembre 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  83. ^ Opening Statement of Governor Nikki Haley (PDF), su Senate Foreign Relations Committee, 18 gennaio 2017.
  84. ^ (EN) Ariel Edwards-Levy, Nikki Haley On Republican Vice Presidential Prospects: 'I'd Say Thank You But No', in Huffington Post, 2 aprile 2012. URL consultato il 28 agosto 2018.
  85. ^ a b (EN) Haley’s comet, in The Economist, 16 gennaio 2013. URL consultato il 28 agosto 2018.
  86. ^ (EN) Amber Phillips, Gov. Nikki Haley just got a chance to try out for vice president, su The Washington Post, 13 gennaio 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  87. ^ (EN) Daniel Strauss, Nikki Haley signals support for Trump, in POLITICO, 4 maggio 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  88. ^ (EN) Gov. Nikki Haley will support Donald Trump, but no thanks on VP nod, in FOX Carolina, 4 maggio 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  89. ^ (EN) Mary Bowerman, 5 things to know about Trump's U.N. pick: S.C. Gov. Nikki Haley, in USA TODAY, 23 novembre 2016. URL consultato il 28 agosto 2018.
  90. ^ (EN) Kambiz Foroohar e Toluse Olorunnipa, Nikki Haley for US president? UN diplomats bet Trump envoy has ambitions, su Stuff, 15 gennaio 2018. URL consultato il 28 agosto 2018.
  91. ^ (EN) Jonathan Adelman, Is "Madame President" In Nikki Haley's Future?, su Huffington Post, 26 dicembre 2017. URL consultato il 28 agosto 2018.
  92. ^ (EN) Lauren DeBellis Appell, Will Nikki Haley be America's first female president?, in Fox News, 29 dicembre 2017. URL consultato il 28 agosto 2018.
  93. ^ (EN) Jessica Kwong, U.N. ambassador Nikki Haley, not Hillary Clinton, may become the first female president, a Fox military analyst says, in Newsweek, 22 dicembre 2017. URL consultato il 28 agosto 2018.
  94. ^ (EN) Dan Shlufman, I’m with her: Why Nikki Haley may be the first female president, in The Times of Israel, 5 gennaio 2018. URL consultato il 28 agosto 2018.
  95. ^ Michael, Wolff, Fire and Fury: Inside the Trump White House, Henry Holt and Company, 5 gennaio 2018, pp. 305–306, ISBN 9781250158062, OCLC 1011681007.
  96. ^ Jerry Markon, Robert Costa e Emma Brown, Trump nominates two prominent GOP women: DeVos as education secretary, Haley as U.N. ambassador, in The Washington Post, 23 novembre 2016.
  97. ^ a b (EN) Nominations Sent to the Senate, in The White House, 20 gennaio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  98. ^ (EN) Mark Moore, Haley: I turned down Trump’s offer to be secretary of state, in The New York Post, 7 settembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  99. ^ https://www.theblaze.com/news/2017/01/24/senate-overwhelmingly-confirms-nikki-haley-as-u-n-ambassador
  100. ^ (EN) Trump pleased Nikki Haley first Indian-American cabinet official, in Hindustan Times, 26 gennaio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  101. ^ South Carolina Gov. Haley resigns to become U.S. ambassador to U.N., in Chattanooga Times Free Press, 24 gennaio 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  102. ^ (EN) Edith M. Lederer, Nikki Haley, new U.S. ambassador at the U.N.: ‘We’re taking names’ of opposition, in The Washington Times, 27 gennaio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  103. ^ Nicole Gaouette e Richard Roth, UN Ambassador Haley hits Russia hard on Ukraine, in CNN, 2 febbraio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  104. ^ (EN) Madeline Conway, Haley: U.S. plans to retain Russia sanctions, in POLITICO, 4 giugno 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  105. ^ (EN) Eun Kyung Kim, UN Ambassador Nikki Haley on TODAY: ‘I will never support a Muslim ban’, in TODAY, 16 marzo 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  106. ^ (EN) Michelle Nichols, U.S. priority on Syria no longer focused on 'getting Assad out': Haley, in Reuters, 30 marzo 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  107. ^ (EN) Tom Howell Jr., Nikki Haley blasts Syria, Russia directly in address to U.N., in The Washington Times, 5 aprile 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  108. ^ (EN) Morgan Winsor e Julia Jacobo, Syrian jets take off from air base hit by US, su ABC News, 8 aprile 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  109. ^ (EN) Nolan D. McCaskill, Haley: ‘Russia said no’ to peace in Syria, in POLITICO, 4 dicembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  110. ^ (EN) Kelsey Tamborrino, Haley: Trump saved 'many innocent' lives with Syria statement, in POLITICO, 28 giugno 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  111. ^ (EN) Kambiz Foroohar, UN Ambassador Nikki Haley says Iran, not Israel, bears blame for Middle East crisis, in Chicago Tribune, 20 aprile 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  112. ^ (EN) Louis Nelson, Haley: Another missile test by North Korea could prompt U.S. military action, in POLITICO, 24 marzo 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  113. ^ (EN) Louis Nelson, U.S. will 'tighten the screws' on North Korea, Haley says, in POLITICO, 14 maggio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  114. ^ (EN) UN votes to add 15 North Koreans, 4 entities to UN blacklist, in USA TODAY, 2 giugno 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  115. ^ (EN) Pamela Falk, Nikki Haley: U.S. prepared to use "full range" of capabilities to defend against N. Korea, in CBS News, 5 luglio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  116. ^ Edith M. Lederer, Diplomat: $1 Billion in NKorea Exports Would Be Banned by UN, in U.S. News, 4 agosto 2017.
  117. ^ (EN) Harriet Alexander, North Korea hit with $1 billion ban on exports by UN security council in rare show of unity, in The Telegraph, 5 agosto 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  118. ^ (EN) Julia Zorthian, Nikki Haley: Reported Killings of Gay People in Chechnya 'Cannot Be Ignored', su Time, 17 aprile 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  119. ^ (EN) Rebecca Savransky, Nikki Haley calls for US Embassy to move to Jerusalem, in TheHill, 17 maggio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  120. ^ (EN) Ian Deitch, Envoy Haley says US won’t let the UN ‘bully’ Israel anymore, su ABC News, 7 giugno 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  121. ^ Jerusalem: Before 1967 & now, su BBC News. URL consultato il 4 settembre 2018.
  122. ^ Joy Bernard, Nikki Haley: UNESCO vote on Hebron tragic, an affront to history, in The Jerusalem Post, 8 luglio 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  123. ^ (EN) Ben Evansky, Russia giving cover to Iran could doom nuclear deal as Trump considers whether to certify, in Fox News, 1º ottobre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  124. ^ Matthew Pennington, Little US pressure amid talk of ethnic cleansing in Myanmar, su The Washington Post, 9 settembre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2017).
  125. ^ (EN) Darren Samuelsohn, Nikki Haley hit for Hatch Act violation over Trump retweet, in POLITICO, 10 marzo 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  126. ^ (EN) Jessica Estepa, UN ambassador Nikki Haley hit with Hatch Act reprimand, in USA TODAY, 3 ottobre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  127. ^ a b (EN) John Paul Brammer, Following backlash, US clarifies UN vote on "death penalty for gays", in NBC News, 4 ottobre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  128. ^ (EN) Peter Beaumont, US will 'take names of those who vote to reject Jerusalem recognition', su The Guardian, 20 dicembre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  129. ^ (EN) Colum Lynch e Robbie Gramer, Haley’s ‘Smoking Gun’ on Iran Met With Skepticism at U.N., su Foreign Policy, 14 dicembre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  130. ^ (EN) Jesselyn Cook, Nikki Haley Slams Iran’s Role In Yemen War, Neglects To Mention U.S. Part In Humanitarian Crisis, in The Huffington Post, 14 dicembre 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  131. ^ (EN) Shaila Dewan e Robbie Brown, In South Carolina Governor’s Race, Nikki Haley Focuses on Similarities, in The New York Times, 14 giugno 2010. URL consultato il 2 settembre 2018.
  132. ^ (EN) Sarah Pulliam Bailey, Q&A: Nikki Haley on Faith, the 'War on Women,' and Why She Would Say No to VP, in Christianity Today, 26 aprile 2012. URL consultato il 2 settembre 2018.
  133. ^ (EN) David Brody, Nikki Haley Reflects More Christian Tone, su CBN News, 3 giugno 2010. URL consultato il 2 settembre 2018.
  134. ^ (EN) Kevin Liptak, South Carolina Gov. Nikki Haley's husband deploying to Afghanistan, in CNN Political Ticker, 10 gennaio 2013. URL consultato il 3 settembre 2018.
  135. ^ Nikki Haley, Our little one turns 20 today! She has grown into a smart, kind, beautiful person. We couldn’t be more proud of you Rena! Happy Birthday! We love you! 💗, in Twitter, 8 giugno 2018. URL consultato il 3 settembre 2018.
  136. ^ (EN) David Jackson e William Cummings, Trump adds Haley, DeVos to his Cabinet for UN, education posts, in USA TODAY, 23 novembre 2016. URL consultato il 3 settembre 2018.
  137. ^ (EN) Megan Sexton, Haley, Scott, Staley to deliver UofSC commencement addresses, su University of South Carolina, 8 aprile 2015. URL consultato il 3 settembre 2018.
  138. ^ Tara Romanella, Clemson awards 1,800 degrees, honorary doctorate to U.N. Ambassador Nikki Haley, su Newsstand, Clemson University. URL consultato il 3 settembre 2018.
  139. ^ (EN) Haley’s comet, in The Economist, 16 gennaio 2016. URL consultato il 3 settembre 2018.
  140. ^ Representative Nikki Randhawa Haley, su South Carolina Legislature Online. URL consultato il 3 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2008).
  141. ^ Order of the Palmetto Recipients (PDF), su South Carolina State Library Digital Collections.
  142. ^ (EN) Columbia Chamber Honors Governor Nikki Haley At Annual Gala, su Midlands Anchor, 2 agosto 2015. URL consultato il 3 settembre 2018.
  143. ^ (EN) Sidni M. Frederick, South Carolina Governor Nikki Haley Honored for Flag Removal, su The Harvard Crimson, 2 ottobre 2015. URL consultato il 3 settembre 2018.
  144. ^ (EN) Vince Moore, Riley Institute honors late Senator Clementa Pinckney, Mayor Joe Riley, Governor Nikki Haley - Furman News, su Furman News, 23 dicembre 2015. URL consultato il 3 settembre 2018.
  145. ^ (EN) First Lady's Hats and Gloves Scholarship Tea at Claflin Will Feature Award Presentation to South Carolina Governor Nikki Haley, su Claflin University, 10 marzo 2016. URL consultato il 3 settembre 2018.
  146. ^ (EN) Brad Warthen, CRC honors Jack Van Loan, Nikki Haley, in bradwarthen.com, 22 giugno 2016. URL consultato il 3 settembre 2018.
  147. ^ (EN) Gov. Nikki Haley Accepts Award Recognizing Global Women Leaders, su Women's Democracy Network. URL consultato il 3 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2017).
  148. ^ Gov. Nikki Haley to Receive 2016 Global Vision Award (PDF), Columbia World Affairs Council, 9 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN187223623 · LCCN (ENn2011073564 · GND (DE1121631797 · WorldCat Identities (ENn2011-073564