Nicola Zaccaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicola Zaccaria in una foto autografata del 1984

Nicola Zaccaria, nome d'arte di Νίκος Ζαχαρίου (Pireo, 9 marzo 1923Atene, 24 luglio 2007), è stato un basso greco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato al Conservatorio Nazionale di Atene sotto la guida di Militos Vithinòs, debuttò nel 1949 come Raimondo in Lucia di Lammermoor.

Nel 1953 vinse il Concorso Internazionale indetto dal Teatro alla Scala di Milano, dove esordì in dicembre come Sparafucile nella prima di Rigoletto diretto da Nino Sanzogno con Giuseppe Di Stefano, Leonard Warren e Rosanna Carteri e dove fu presente regolarmente per circa un ventennio, affrontando sia ruoli da protagonista che parti di fianco. Nel 1954 alla Scala è La voce dell'Oracolo nella prima di Alceste (Gluck) diretto da Carlo Maria Giulini con Maria Callas Meneghini, Paolo Silveri, Rolando Panerai ed Enrico Campi e Cesare Angelotti nella prima di Tosca (opera) diretto da Antonino Votto con Renata Tebaldi, Di Stefano e Silveri ed il 7 dicembre, nella serata di apertura della stagione, Aruspice in La Vestale (Spontini) diretto da Votto con Franco Corelli, la Callas, Nicola Rossi-Lemeni ed Ebe Stignani.

Nel 1955 alla Scala è Il gran sacerdote Zadok nella prima mondiale di David di diretto da Sonzogno con Marcella Pobbe, Eugenia Ratti, Jolanda Gardino, Angelo Mercuriali, Mario Carlin, Giuseppe Modesti, Anselmo Colzani, Afro Poli, Rossi-Lemeni ed Italo Tajo, Un eremita ne Il franco cacciatore diretto da Giulini con Paolo Montarsolo, Victoria de los Ángeles, la Ratti, Rossi-Lemeni e Mirto Picchi, Il Conte Rodolfo in La sonnambula diretto da Leonard Bernstein con la Callas, Cesare Valletti e la Ratti, L'esorcista nella prima di La fiamma diretto da Gianandrea Gavazzeni con Elena Nicolai, Silveri, Giacinto Prandelli ed Inge Borkh ed Il processo di Cristo di Ennio Porrino diretto da Francesco Molinari Pradelli con Lina Aimaro, Amedeo Berdini e Panerai, Raimondo Bidebent in Lucia di Lammermoor diretto da Herbert von Karajan con la Callas, Di Stefano e Panerai nella trasferta scaligera per la radio Rundfunk im amerikanischen Sektor di Berlino, Oroveso in Norma il 7 dicembre, per l'apertura della stagione diretto da Votto con Mario Del Monaco, la Callas e Giulietta Simionato e Sarastro nella prima di Il flauto magico diretto da Karajan con Elisabeth Schwarzkopf e Nicolai Gedda, Giuseppe Taddei, Graziella Sciutti e Renato Capecchi.

Si esibì successivamente a Roma, Vienna e alla Royal Opera House di Londra, dove apparve in Norma e Medea, entrambe accanto alla Callas.

Il repertorio comprendeva anche opere di Mozart, Rossini, Puccini, Pizzetti, oltre ai due ruoli in lingua tedesca di Don Fernando in Fidelio e Re Marke in Tristan und Isolde e ad alcuni titoli francesi, come Pelléas et Mélisande e Mignon.

Svolse una rilevante attività radiofonica, televisiva e discografica ed è presente in alcune registrazioni dal vivo di valore storico.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Incisioni in studio[modifica | modifica wikitesto]

Registrazioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59271386 · ISNI: (EN0000 0001 1064 8853 · BNF: (FRcb13921797x (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie