Nicola Molteni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicola Molteni
Nicola Molteni daticamera 2018.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'interno
In carica
Inizio mandato 1º marzo 2021
Cotitolare Carlo Sibilia
Ivan Scalfarotto
Presidente Mario Draghi
Predecessore Achille Variati

Durata mandato 13 giugno 2018 –
5 settembre 2019
Cotitolare Stefano Candiani
Luigi Gaetti
Carlo Sibilia
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Gianpiero Bocci
Domenico Manzione
Successore Achille Variati

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 29 aprile 2008
Legislature XVI, XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
XVI: Lega Nord Padania
XVII: Lega Nord e Autonomie - Noi con Salvini
XVIII: Lega - Salvini Premier
Coalizione Centro-destra 2008 (XVI)
Centro-destra 2013 (XVII)
Centro-destra 2018 (XVIII)
Circoscrizione XVI-XVII: Lombardia 2
XVIII: Lombardia 2
Collegio XVIII: Cantù
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega per Salvini Premier
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi dell'Insubria
Professione Avvocato civilista

Nicola Molteni (Cantù, 6 marzo 1976) è un politico italiano, deputato della Lega Nord dal 2008 e dal 1º marzo 2021 sottosegretario di Stato al Ministero dell'interno nel Governo Draghi, incarico già svolto dal 13 giugno 2018 al 5 settembre 2019 nel governo Conte I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cantù, in provincia di Como, ha conseguito la laurea presso l'Università degli Studi dell'Insubria di Como, con una tesi su "La modifica del Titolo V della Costituzione".[1]

Avvocato, è iscritto presso l'Albo degli Avvocati del Foro di Como.[1]

È sposato con l'ex direttrice de la Padania Aurora Lussana.[2]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni comunali in Lombardia del 1996 viene eletto consigliere comunale a Cantù, nelle liste della Lega Nord, diventando l'anno successivo capogruppo in consiglio comunale della Lega, rimanendovi in carica fino al 2001.[1]

È stato dal 2002 al 2003 responsabile provinciale degli enti locali Lega Nord a Como, segretario provinciale della Lega Nord a Como dal 2003 al 2006, e infine dal 2003 al 2011 componente del consiglio nazionale della Lega Lombarda.[1]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche ad aprile 2008 viene candidato alla Camera dei deputati, ed eletto per la prima volta, tra le liste della Lega Nord nella circoscrizione Lombardia 2. Nel corso della XVI legislatura è stato membro e vice-capogruppo per la Lega Nord nella della 2ª Commissione Giustizia della Camera, membro del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa, componente del Consiglio di giurisdizione, subentrato a Roberto Cota nella Giunta per il regolamento e a Luciano Dussin come membro della Giunta delle elezioni.[1]

Alle elezioni comunali in Lombardia del 2012 si è candidato a sindaco di Cantù, appoggiato dalla Lega Nord, La Destra e le liste civiche "Impronta Civica" e "Forza Cantù", arrivando al primo turno con il 25,3% dei voti e accedendo al ballottaggio con lo sfidante civico Claudio Bizzozero (23,9%). Al ballottaggio viene sconfitto dal candidato civico, ottenendo il 45% dei voti contro il 55% di Bizzozero.

Alle elezioni politiche del 2013 è stato riconfermato deputato alla Camera nella medesima circoscrizione. Nella della XVII legislatura diventa tesoriere del gruppo parlamentare della Lega Nord (rinominato "Lega Nord e Autonomie"), che lascerà nel 2015 al collega Roberto Simonetti, diventando vice-capogruppo vicario alla Camera al posto del tosiano Matteo Bragantini.[1]

Alle elezioni comunali in Lombardia del 2017 viene rieletto consigliere comunale a Cantù.[1]

Sottosegretario dell'interno[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene candidato nel collegio uninominale Cantù per la Camera dei Deputati, per la coalizione di centro-destra in quota Lega, e viene rieletto deputato con il 53,31% dei voti contro il candidato del centro-sinistra, in quota Partito Democratico, Patrizia Lissi (21,37%) e del Movimento 5 Stelle Carmelina Pisanello (19,12%).

In seguito alla nascita del governo Conte I tra il Movimento 5 Stelle e la Lega, il 13 giugno 2018 è stato nominato sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, affiancando il ministro, nonché vicepremier e segretario federale della Lega Matteo Salvini.[3]

Il 1º marzo 2021 ritorna al Ministero dell’Interno come Sottosegretario nel Governo Draghi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]