Nicola Conte (ufficiale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicola Conte (Tripoli, 15 aprile 1920Roma, 15 aprile 1976) è stato un militare italiano.

Ufficiale della Marina Militare Italiana, ha prestato servizio durante gli ultimi anni del Fascismo e la Seconda guerra mondiale.

Allievo all'Accademia Navale di Livorno dall'ottobre 1938, nel 1941 conseguì la promozione a Guardiamarina venendo imbarcato prima sulla nave da battaglia Littorio e poi sulla Vittorio Veneto dove conseguì la promozione a Sottotenente di Vascello.

Nel maggio 1942, passò alla Xª Flottiglia MAS e, ottenuto il brevetto da sommozzatore, operò nell'ambito del Reparto d'assalto subacqueo.
All'armistizio dell'8 settembre 1943 rifiutò di collaborare con la Marina della RSI e nel giugno 1944 raggiunse il Centro Marina di Roma, venendo destinato al Gruppo Mezzi d'Assalto della Regia Marina. Fu protagonista nelle acque di Genova, assieme al sottocapo Evelino Marcolini, dell'impresa che nella notte del 19 aprile 1945 portò al danneggiamento della portaerei Aquila, operazione che gli valse la medaglia d'oro al valor militare.

Promosso Tenente di Vascello per merito di guerra, dall'ottobre 1945 al dicembre 1947 prestò servizio al Centro Subacqueo di Taranto, partecipando attivamente alle operazioni di sminamento e bonifica delle coste e dei porti dell'Adriatico. Collocato in aspettativa per infermità contratta in servizio, nel 1951 fu posto in congedo assoluto ed iscritto nel Ruolo d'Onore nel grado di Capitano di Corvetta.

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie